DETENZIONE DEI SUPPORTI INFORMATICI E LORO COMMERCIALIZZAZIONE;RAPPORTI CON IL REATO DI RICETTAZIONE

Bisogna innanzitutto stabilire cosa significhi “detenzione” e come essa vada a rapportarsi ad altri comportamenti del soggetto in riferimento al caso che ci occupa.

Detenere significa”avere il bene nella sua materialità,senza alcun tipo di rapporto che io possa instaurare con lo stesso.

Facciamo un esempio:detenere una penna vuole significare che quella penna è sulla mia scrivania;non posso cederla,nè trasmetterla a terzi perchè non ne ho il possesso nè altro titolo e quindi se adotto un tale comportamento commetto un illecito.

Trasferiamo ora questo esempio all’argomento che ci occupa.Allorchè il soggetto detiene un supporto informatico e questo bene lo usa solo per il suo godimento,l’illecito che commette si rappresenta unicamente nel non avere acquistato la proprietà di questo bene.Laddove egli lo mette in commercio,pone in essere una ulteriore condotta non lecita perchè non legittimato nè da un “possesso”,nè  da un titolo di proprietà che non gli permette di disporre del bene come crede,ulteriormente aggravato dalla circostanza che il soggetto è consapevole della illiceità del bene stesso;di qui il rientrare di tale comportamentonell’ipotesi di cui all’art 648 c.p.

Bisogna quindi distinguere se l’autore detenga i supporti fonografici,informatici e multimediali ad uso personale oppure se lo stesso intenda ricavarne un profitto.

Nel primo caso il soggetto incorrerà nella sanzione amministrativa fino a 1000 euro ai sensi dell’art.1 comma 7 del Decreto Legge n.35/2005(c.d Decreto Urbani)dell’illecito previsto dall’art.174 ter della legge n.633/1941.

Nel secondo caso invece siamo in presenza di una condotta connotata da una maggiore gravità in quanto alla consapevoleza di detenere materiale di provenienza illecita,si aggiunge la volontà di trarne un profitto con la successiva commercializzazione.In tale ultimo caso una costante giurisprudenza di legittimità ha ritenuto che l’art174 ter concorra con il delitto di cui all’art 648c.p.

A questo punto è doveroso fare una precisazione circa il tempo della commissione dell’illecito e cioè se questo sia avvenuto successivamente o menoall’entrata in vigore del d.lgs n.68/2003.Vi è da dire infatti che, con la precedente legge,anche chi destinava alla commercializzazione tali supporti incorreva nella sola sanzione amministrativa prevista dagli artt.171 e 171 octies della legge 633/41,ritenendosi applicabile il principio di specialità previsto dall’art 9 della legge n.689/1981 per cui il reato di cui all’art 648c.p. restava assorbito in quanto puniva lo stesso fatto.

Annunci

Scrivi all'Avvocato

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...