INGIURIA E DIFFAMAZIONE

Trattasi di reati inquadrati nel titolo XII del capo II dei delitti contro l’onore. Essi infatti trovano tale configurazione nel nostro codice in quanto si riferiscono all’onorabilità del soggetto che ne venga leso.

Questo concetto però trova una sua configurazione nei due tipi di reato.

Nel primo è da intendersi quale offesa all’onore quale valore morale dell’individuo ed al decoro da intendersi come il complesso degli elementi che rendono il soggetto meritevole di un giudizio positivo dei suoi consociati.

Nel secondo è da intendersi quale offesa alla dignità personale, secondo un concetto che vuole essere maggiormente lesivo della onorabilità della persona,atteso che tale reato presenta quale suo ulterore elemento costitutivo il fatto che si consumi in presenza di più persone .Da qui ne deriva anche una maggiore gravità di tale condotta che rende la pena più elevata.

Facciamo ora due esempi tali da rendere ancora più chiare le due ipotesi delittuose.

Ingiuria:Tizio scrive una lettera a Caio affermando che è un corrotto.

Diffamazione;Caio,in un pubblico convegno,sostiene che Tizio è corrotto perchè intasca tangenti.

Annunci

457 thoughts on “INGIURIA E DIFFAMAZIONE

  1. Caro Avvocato,

    in merito al reato di Diffamazione le volevo chiedere se – secondo lei – questi si configura anche con l’invio di una identica lettera spedita in busta chiusa in busta chiusa e con raccomandata A/R a due persone (Presidente del Consiglio Comunale e Sindaco) per le loro rispettive funzioni all’interno dell’Ente Municipio (quindi unica Persona Giuridica).

    Secondo Lei:
    1) considerando le caratteristiche e la natura del mezzo di comunicazione prescelto (per il quale appare evidente che non si avesse la coscenza e la volontà di volere portare a “..conoscenza o conoscibilità… ” di un numero indeterminato di persone, il contenuto della missiva)

    2) Il fatto che i termini adottati in tale comunicazione, per quanto aspri, non possono considerarsi sproporzionati né sovrabbondanti rispetto al valore dell’interesse che all’epoca si è voluto risvegliare ( precisando poi che tale comportamento è stato indotto a seguito di gratuiti attacchi personali ad opera della persona contro cui la missiva si riferisce.

    3) Il fatto che la missiva in questione sia stata inviata a soggetti rappresentanti dell’amministrazione comunale ( e quindi di una “singola” persona giuridica) ….

    configuri il reato di Diffamazione.

    che conteneti espressioni di risentimento a danno di altra persona fisica

    in busta chiusa e con raccomandata A/R. Pertanto in ordine alle caratteristiche e la natura del mezzo di comunicazione prescelto, è naturale che non si avesse la coscenza e la volontà di volere portare a “..conoscenza o conoscibilità… ” di un numero indeterminato di persone, il contenuto della missiva;

    Un saluto

    • Sono un dipendente di una società di spedizione con un contratto par time a tempo indeterminato e sono nelle categorie protette a causa di una invalidità psichica,circa 4 mesi fa ho manifestato la mia volontà di essere licenziata o di dimettermi al mio superiore, questo dopo un colloquio mi ha fatto desistere dai miei propositi.In un secondo momento sono venuto a sapere che aveva riferito del ns colloquio al mio referente presso la provincia (ufficio inserimento al lavoro).A seguito di questa comunicazione mi è stata fatta una visita presso una commissione medica locale dove ho scoperto che il mio superiore mi aveva accusato di averlo offeso (dandogli del coglione) ma ciò non è vero. Questo stà scritto in unatto pubblico della provincia.Posso querelarlo per calunnia?Cosa rischio? Premetto che del posto di lavoro ormai non interessa più niente.

      cordiali saluti

      • Salve, volevo chiedervi un informazione, è possibile denunciarmi perchè ho scritto un opinione su un personaggio pubblico su facebook nel quale la considero bugirarda e vittima? È reato commentare come altre centinaia di persone sotto un post di un personaggio pubblico? Lo chiedo xkè la madre di questo personaggio mi ha minacciato che mi scassava e che mi avrebbe denunciato, successivamente mi arriva un suo messaggio in posta privata dove mi minacciava che a breve avrei ricevuto la sua querela…aspetto informazioni grazie

    • Ciao scusi volevo chiedere uno che insulta via cellulare un altra persona e questa persona registra le parole dette si puo considerare reato ?? bisogna pagare qualcosa ?

      • scusi avvocato la domanda e …via cellulare o detto cose che non dovevo dire in dialetto o minacciato di morte e offeso e reato …..anche se ce da dire che mi persequitano i recupero crediti quando scoprono il mio cellulare e l,ultima chiamata a affermato che mi chiamano quanto e quando vogliono …..scusi questa non e persecuzione? cosa posso fare saluti

    • Salve avvocato, vorrei chiedergli se una persona mi insulta dandomi del (mi scuso per le parole) frocio e ricchione, su un sito è possibile denunciarlo per diffamazione

      cordiali saluti

    • Buoasera
      Egregio Avvocato premetto che non sono in condizione economiche da recarmi ad un legale , poi eventualmente vedrò come fare.
      Il mio quesito è questo :
      la signora del piano di sopra mi ha per più di 12 anni buttato tutte le porcherie, stendeva il bucato gocciolante e fino al muretto del mio balcone, tanto da oscurarmi tutto, mi ha macchiato la tenda da sole in modo irreparabile, sbatte tappeti da tutte le finestre e a tutte le ore.
      ripresa più volte finché ho cominciato ad alzare la voce, fino a qualche giorno fa che mentre ritiravo il bucato ha cominciato a sbattere il tappeto sulla mia testa nonché sul bucato ho urlato naturalmente chiamandola sporcacciona ed invitata ad affacciarsi, ma niente. ho fermato il marito che mi ha urlato di non voler parlare con me ma comunque glio ho detto l’accaduto e di smetterla con la sporcizia. risultato mi hanno querelato per ingiuria, ed ieri sono venuta a sapere che ha mandato una lettera all’amministratore del condominio ed al capo scala dicendo loro che mi ha denunciato per minacce a lui e alla mogie.
      la mia domanda aldilà di chi ha ragione non è violazione della privacy aver comunicato ai suddetti della querela?
      La ringrazio per la cortese attenzione

  2. Gentile Avvocato
    se io parlando con un collega di un mio superiore, sento dire al mio collega che il nostro superiore è negligente, e poi lo riferisco per iscritto al nostro superiore che tipo di reato si configura?
    molte grazie
    walter

  3. Ritengo che tale comportamento in astratto potrebbe anche non essere penalmente rilevante in considerazione del tenore non particolarmente grave. Comunque si tratta di un giudizio che attenta alla dignita della persona e che inoltre ,essendone lei reso edotto dal suo collega, se ne evidenzia la volontà dell’autore di diffondere questo apprezzamento negativo all’ambiente lavorativo di appartenenza della vittima; di qui l’illiceità della condotta descritta

    • Oggi durante una riunione di dipartimento in un istituto superiore sono intervenuta per chiarire alcune cose irritando il capo dipartimento che mi ha aspramente redarguito sciorando una serie di rimproveri culminati in un” Chiamo i carabinieri”, La frase mi ha umiliato perché sono una docente che crea problemi per affermare il valore della legge. Vorrei gentilmente sapere se posso querelare la collega.Grazie

      • Sono stata circa un mese fa accusata da un’alunna di aver preso un suo libro, cosa ripetuta più volte. Dopo qualche giorno ho appreso che a dirglielo era stata una compagna, quella che m’aveva porto il libro che io ho riposto su una base, subito sotto la cattedra. Da quell’evento non ho avuto più pace, piano piano la classe è mutata, per la verità segni di indisciplina c’erano stati anche un po’ prima perchè non gradivano che io li interrogassi per la seconda volta. Ogni giorno un dispetto: un paio di forbici sotto la base della scrivania, fazzoletti sporchi sulla cattedra, i cavi del computer staccati, ragazzetti che, quando mando in bagno qualcuna di loro (è una classe femminile), aprono la porta e dopo aver urlato scappano. Il clima si sta facendo sempre più pesante, ho convocato un Consiglio di Classe straordinario, dove spero poter sospendere, per alcune settimane, le due alunne che mi hanno calunniata, ma nessuno mi toglie dalla testa che sarebbe meglio denunciarle. Non ho purtroppo soldi (sono già piena di avvocati), ma potrei contattarne qualcuno del sindacato. Non so, vivo nelle spine, in una quotidianità che è diventata inferno, perchè ormai tutta la classe è coinvolta in questa contrapposizione nei miei confronti. Ho inviato un’e-mail al preside (anche alla vice-preside), dicendo loro d’intervenire istituzionalmente, cosa che non hanno fatto, come non hanno voluto darmi in aiuto un’insegnante di sostegno per il giorno che rimango sola nella classe. Come fare? Oggi ho imparato da un genitore che ancora mi stima s’è creata sorta di massoneria di madri e alunne che fomentano contro di me, come immaginavo, d’altronde, perchè quando gli atti di alunne si fanno tanto sfacciati e aggressivi, dietro ci sta sempre qualcosa.
        Vivo in un inferno, una docente che ha il pieno senso del dovere, che lavora sempre per gli alunni, merita un tale trattamento?
        Cordiali saluti

  4. sono un operaio e vorrei sapere se si puo parlare di diffamazione se un tuo superiore riferisce di conseguenza ad un suo superiore che una determinata persona lo minaccia e di conseguenza la persona viene spostato di incarico cosa potrei fare distinti saluti

  5. Scrivere di una condotta minacciosa di per sè non è reato;lo diventa se tale affermazione non è supportata da indizi che rendano quantomeno plausibile tale attività.
    In caso contrario ,la persona offesa potrà esercitare l’azione penale a tutela della sua onorabilità.

  6. In un famoso portale della rete dove si pubblicano le opinioni dei consumatori, il commento di un utente riguardo un prodotto e il relativo rivenditore, riporta una serie di fatti veri accaduti nel processo di vendita e fornitura di certi articoli. Dagli eventi descritti emerge chiaramente una certa superficialità nel trattamento dell’ordine sia da parte del costruttore del prodotto sia da parte del venditore (sono stati sottovalutati dei problemi tecnici che hanno richiesto la successiva sostituzione di componenti e a ruota ritardi considerevoli sulla consegna prevista e la messa in opera). Tutto ciò non fa certo pubblicità positiva ne al costruttore ne al venditore, ma sono tristemente fatti accaduti riscontrabili anche dai contratti e dalle bolle di consegna.
    Si configura il reato di diffamazione per chi scrive e pubblica un opinione su fatti realmente accaduti (non usando rafforzativi offensivi ovviamente)?
    grazie per l’attenzione

  7. vorrei sapere se dare del verme per iscritto ad uno che mi molestava fosse un’ingiuria e fosse tale, chi ha commesso il danno maggiore? io che dato del verme o lui che mi ha molestato?

  8. vorrei sapere se dare del verme per iscritto ad uno che mi molestava fosse un’ingiuria e se fosse tale, chi ha commesso il danno maggiore? io che ho dato del verme o lui che mi ha molestato?

  9. Egregio Avvocato
    vorrei sapere se puo’ sussistere il reato di diffamazione anche in sede giudiziale ( Istanza ) e presso un Authority
    ( Garante privacy ) .

    La parte contraria sostiene che proprio per aver cercato
    di dimostrare l’impedimento all’accesso ai dati , necessaria
    per ottenere l’accesso stesso , sarebbe diffamazione
    in quanto notizia falsa , nonostante io abbia dichiarazioni della parte contraria che dimostano l’impedimento.

    Grazie
    Filippo

  10. spett.avocato vorrei un consiglio,sono l’operaio che vi ha scritto un po di tempo fa per sapere sulla denucia di difamazione,vorrei sapere come posso fare x dimostrare che un capo turno mi stia facendo il mobing ma le dico subbito che testimoni ce ne stanno ma non vogliono testimoniare anche ieri per esempio mi ha agredito riproverandomi davanti a molte persone umigliandomi ,io non vorei arrivare ad modi estremi verso costui ma non so come fare e non ho altri metodi per far finire questa storia sempre che lei mi possa dare un consiglio la ringrazio vivamente e le chiedo scusa per il disturbo datoli

  11. esimio avvocato,
    vorrei chiederle se l’appellattivo “troia” può essere un’ingiuria e se considerato quale reato?
    in secondo luogo vorrei chiederle se chiamare una persona di pelle scura “cosa nera” è punibile? sono di origini brasiliane e sono stata offesa per l’ignoranza altrui.
    La ringrazio anticipatamente per la disponibilità.

  12. Gentile avvocato,
    vorrei chiederle :
    – se la persona ipotizziamo si chiami X, dice a 2 o 3 persone che il signor ipotizziamo si chiami Y, è un “truffatore”, raccontanto determinati fatti(non dimostrabili) alle 2 o 3 persone, sussistono i presupposti per procedere con una denuncia per diffamazione?(In considerazione del fatto che il signor Y,non era presente in quel momento)

    Grazie anticipatamente,per la sua risposta e disponibilità.

    • Egregio avvocato, Mi allaccio al messaggio del sig. Benedetto in quanto anche a me succede la stessa cosa, vale a dire: dove lavoro è una cooperativa, e ad aprile ci saranno le elezioni per il rinnovo del consiglio di amministrazione. Dal momento che io sono uno dei candidati, sono venuto a conoscenza che un collega dice cose sul mio conto assolutamente false con l’intento di screditarmi davanti agli altri soci in quanto elettori. Sussiste il motivo di una querela per diffamazione.
      Grazie.

      • buon g egregio avvocato le volevo chiedere un informazione….mia moglie lavora presso una signora anziana affetta da malattia degenerativa cioe alzaimer ….alcuni giorni fa a questa signora le e sparito l.orologio d.oro ….e ora i parenti di costei sono come si suol dire cambiati sia atteggiamento che comportamento verso mia moglie …faccio presente che sono 2 le signore che prestano assistenza e quando mia moglie aveva detto di far togliere tt l.oro che lei indossava loro in poche parole non anno presi in considerazione cio che mia moglie aveva detto ai parenti …..come si deve comportare mia moglie nei confronti dei parenti x questa sparizione di tale oggetto ….resta il fatto che la sign ammalata aveva 2 orologi d.oro 2 anelli di cui 1 trovato dentro la lavatrice infilato in un paio di slip e gli anelli sono stati tolti da mia moglie ora lei si sente umiliata e offesa x non aver commeso l fatto ….n.b la collega in tt risposta a dichiarato io non cerco nulla e non me ne frega un c….. …LE CHIEDO COME SI DEVE COMPORTARE ….

  13. Gentile avvocata, la mia domanda è:

    Se un uomo va da un gruppo di persone a sostenere che una donna che frequenta tale gruppo è stata a letto con lui, che è una poco di buono, che l’ha sfruttato, ecc e queste persone a loro volta diffondono questa voce nel paesello in cui vive la donna, affibianole un marchio che non le appartiene, si tratta di diffamazione?

    Grazie.

  14. Egregio Avvocato,

    volevo chiederLe gentilmente un consiglio riguardante una denuncia per diffamazione.
    Cosa può rischiare la persona che dà della “vacca” e fa gesti indicando il suo membro ad una ragazza di soli 18 anni per di più in mezzo ad un luogo pubblico e imparentato con lei?

    Attendo con ansia e fiducia una sua gentile consulenza. Grazie

    Distinti Saluti

  15. vorrei sapere se sussiste il reato di diffamazione se una persona diffonde in giro che io svolgevo un’attività di prostituzione e continua da anni a diffondere questa voce. Che potrei fare? come mi devo comportare?

    • buon giorno sig avvocato vorrei sapere se dei vicini di casa vengono a dirmi che si dice in giro che da dove abitavo prima sono stato sfrattato è penalmente punibile anche se questa affermazione è stata detta a me e alla mia compagna convivente .naturalmente sapere e sentirsi dire questa affermazione non ha fatto bene alla serenità in famiglia .ovviamente è una falsità

  16. SALVE MI CHIAMO SERGIO E SON SPOSATO DA 8 ANNI CON MIA MOGLIE FELICEMENTE BEN VISTO DAL MIO PAESE DI 8000 ABITANTI, ABBIAMO UN NEGOZIO DI ARGENTI E COSMETICA ,QUINDI CI CONOSCONO TUTTI NEL PAESE DOVE ABITIAMO, FINCHE’ UN GIORNO SU UNA TESTATA GIORNALISTICA ESCE UN FATTO POCO GRADEVOLE, UNA COPPIA DI SPOSI DI [NOME PAESE] DI CUI IL MARITO E’ DISOCCUPATO, COME ME, COMMETTONO UN REATO DI PARTECIPAZIONE A PROSTITUIRSI SIA LA MOGLIE CHE IL MARITO, ED ESCE SUL GIORNALE, QST ARTICOLO, E BEN PRESTO TUTTI CI SCAMBIANO PER I VERI ,, NN LE DICO MIA MOGLIE I PIANTI LA VERGOGNA E IL DRAMMA CHE SI PASSA PER FAR CAPIRE ALLE PERSONE CHE NN SIAMO NOI LA COPPIA DEL GIORNALE, IL GIORNALE CHE PUBBLICA QST ANNUNCIO NN METTE LE INIZIALI DEI COGNOMI, E QUINDI IL PAESE DOVE ABITO IO PENSANO TUTTI CHE SIAMO IO E MIA MOGLIE, E QUINDI IL NEGOZIO DI MIA MOGLIE NN LAVORA PIU’, CI GUARDANO CON UN BRUTTO OCCHIO, E MI CREDA SI PASSANO MOMENTI DI DEPRESSIONE TOTALE, NEL SAPERE CHE NOI NN SIAMO MA TUTTO IL PAESE CI SCAMBIA PER QUELLA COPPIA,ADESSO CONCLUDENDO VOI CAPITE IL NOSTRO STATO D’ANIMO, E IL MADORNALE IMBARAZZO CHE SUBBIAMO SENZA ENTRARCI NULLA SU QST FATTO, ,ADESSO KIEDO A VOI,, QUANTO POSSO KIEDERE ANCHE CHE NON CE PREZZO PER QUESTO TIPO DI FATTO INCRESCIOSO,SIAMO DANNEGGIATI IO E MIA MOGLIE ED IL NEGOZIO DI MIA MOGLIE, MI SAPETE DIRE QUANTO POSSO KIEDERE DI DANNI A QUESTA TESTATA GIORNALISTICA, CHE NN HA MESSO LE INIZIALI DEI COGNOMI IN UN PICCOLO PAESE DI PROVINCIA,DICENDO AL MIO AVVOCATO CHE I COGNOMI DEI VERI CITATI NON LI CONOSCEVA.. E QUINDI NEANCHE NOI CONOSCIAMO QST COPPIA DI QST PAESE PICCOLO ECCO IL MOTIVO PERCHE CI SCAMBIANO A NOI,,MA NOI SIAMO INNOCENTI IN TUTTO QST FATTO INCRESCIOSO,, GRZ ASPETTO UN VOSTRO AIUTO PER QUANTO RIGUARDA L AMMONTARE DI QUESTO DANNO CAUSATOCI A NOI,, GRZ
    SERGIO

  17. egr. avvocato, un mio collega in mia presenza ha accusato un mio superiore di farsi timbrare il cartellino marcatempo (io ritengo sia una bugia). se io riferisco al mio superiore questo apprezzamento, puo il mio collega pretendere di conoscere dal nostro superiore chi ha riferito il fatto? puo denunciarmi per diffamazione negando di averlo detto? grazie

  18. Egr.avvocato, vorrei sapere se si può parlare di diffamazione se viene rivolto di essere pazza tramite sms e per telefono. Mi è capitata di avere dei contatti con persone conosciute in chat e dopo aver mandato degli sms mi sono state rivolte accuse di essre pazza e di rivolgermi ad un dottore e che se non fossi sparita sarei stata perseguitata in qualche modo da queste persone; tutto questo mi è stato detto a voce e per sms che purtroppo non ho conservato. Queste persone erano sempre in gruppo quando le sentivo e rendevano pubblici i miei sms di risposta e poi usavano uno stesso numero con cui non parlava solo l’intestatario di esso. é successo qualche mese fa, potrei fare denuncia?

  19. Egregio avvocato,

    Le descrivo brevemente un fatto.

    Il direttore di una scuola, appena insediato, riunisce gli insegnanti e chiede loro cosa ne pensano dell’operato di un insegnante assente perché volutamente non invitato alla riunione. Chiede se la sua preparazione è idonea, se il suo lavoro è utile o no, se qualcun altro può svolgere le sue mansioni. In pratica un processo senza l’imputato. Alcuni colleghi dichiarano che secondo loro (pareri) l’insegnante non è adeguato, criticano il suo operato. Altri colleghi elogiano l’operato dell’insegnante assente.
    Sulla base di questa riunione, senza minimamente considerare che in 10 anni di collaborazione con l’istituto scolastico non c’era mai stato nulla da ridire sul suo lavoro, il direttore convoca l’insegnante, ignaro della riunione, e lo informa che ci sono lamentele nei suoi confronti, che il suo lavoro non è ben fatto e che quindi il contratto non sarà rinnovato.

    Ci sono i presupposti per la diffamazione e la richiesta di danni morali?

    Grazie

  20. Egregio avvocato,

    sono una ragazza assunta da qualche mese come categoria protetta in una struttura pubblica. usufruisco di permessi lavorativi ai sensi della legge 104.
    faccio dunque orario ridotto. questa agevolazione, insieme al fatto che io mi assenti da lavoro per malattia (per una settimana al mese mi assento per terapie salvavita, a causa di una grave patologia), ha fatto indispettire i miei colleghi e il mio responsabile.
    mi trovo in una situazione incresciosa: i colleghi sparlano di me con il responsabile, che più volte mi ha ripresa davanti a tutti, dicendo che non combino nulla sul lavoro. in più di un’occasione mi ha severamente rimproverata per aver fatto una pausa-caffè (dopo aver ottenuto il suo permesso). ha persino contestato un certificato medico il quale asseriva che io non potessi espletare mansioni fisicamente impegnative sul luogo di lavoro.
    i pettegolezzi sono all’ordine del giorno e quotidianamente vivo un clima di emarginazione e discriminazione sul lavoro.
    le chiedo cosa posso fare, anche legalmente per risolvere la questione, premettendo che non ho a disposizione vere e proprie “prove” (registrazioni o altro)?
    La ringrazio molto.

  21. X PER IL SIG STEFANO: Non vi sono i presupposti per una diffamazione,atteso che il comportamento delle persone da lei citate,sicuramente disdicevole è scarsamente lesivo della sua onorabilità. Un chiarimento sarà meglio di qualunque querela.

  22. Egr. Avv.
    vorrei sapere se per diffamazione si può identificare anche uno scritto che una persona fa pervanire tramite il suo legale, mi spiego meglio:
    io avevo una compagna con la quale abbiamo uno stupendo bambino di 4 anni. Lei, quando è rimasta incinta se ne è andata a stare con i suoi genitori poi non ha più voluto tornare a casa, anzi ha iniziato ad inveire contro di me e a non farmi più vedere nostro figlio. Io l’ho trascinata in Tribunale per potere rivedere il mio bambino, siccome non eravamo sposati è passato tutto tramite il Trib. dei Minori…
    oggi, lei, tramite i suoi avvocati fa scrivere di tutto e di più contro di me. Lei non sa che io in 5 anni, tutte le nostre conversazioni sono registrate e potrei provare la diffamazione. Ma è abbastanza lo scritto dei suoi avvocati e di alcune cose che lei ha riferito all’Assistente Sociale e che la stessa ha riportato al Trib. dei Minori?
    La ringrazio e spero che Lei possa darmi notizie confortanti.
    Maurizio
    23/11/08

  23. Buonasera, poco tempo fa ho subito una grave ingiustizia. Ho raccontato il fatto su un blog senza fare nomi, cognomi, città, nome dell’istituzione. la persona in questione se ne è accorta per il solo fatto che era firmato col mio nome per esteso. Mi sono vista arrivare una denuncia presentata alla procura della repubblica.
    Lo può fare?
    Io ovviamente ho chiesto l’archiviazione

  24. Caro Avvocato,

    mi chiamo Stefano le volevo chiedere se ci sono le basi di una denuncia per mobbing o diffamazione se due miei colleghi per due mesi di fila mi dicono che ho dichiarato il falso nelle graduatorie (essendo assistente tecnico in una scuola) e che non ricopro giustamente il mio posto di lavoro anche con tono minaccioso.
    questo è successo ripetutamente e anche davanti agli altri miei colleghi, sicchè hanno sminuito la mia immagine e la mia credibilità.
    grazie in anticipo per la risposta

  25. Avv. buongiorno,sono imputato per il reato di ingiuria.
    Cosa si può fare per sospendere il mio processo visto che esso ricade entro il periodo del 02 maggio 2006 cioè sotto indulto, in merito alla legge 125/08?
    Cordiali saluti

  26. egregio avvocato,
    la mia ragazza ha ricevuto sms per 2 mesi circa,che narravano una mia relazione extra con una nostra conoscente…
    secondo lei potrei chiedere un risarcimento appellandomi all’articolo 595 cp?(diffamazione tramite sms e decoro d’onore?)

  27. Alessia

    Buonasera, poco tempo fa ho subito una grave ingiustizia. Ho raccontato il fatto su un blog senza fare nomi, cognomi, città, nome dell’istituzione. la persona in questione se ne è accorta per il solo fatto che era firmato col mio nome per esteso. Mi sono vista arrivare una denuncia presentata alla procura della repubblica.
    Lo può fare?
    Io ovviamente ho chiesto l’archiviazione

    • Certo che lo può fare! Quando da uno scritto si può risalire a quella persona ed in maniera tale da lederne l’onorabilità; condotta che ,naturalmente , nella rete ha un effetto maggore di uno scritto cartaceo.
      Non dubito però della sua buona fede ; quindi occorrerebbe che un legale leggesse tale documento per valutarne la penale rilevanza.

      • Avvocato salve, Mi collego alla domanda di Alessia. Per diffamazione sono intese anche le parole “cattivo-falso-invidioso-manipolato” e la spiegazione senza parolacce di un fatto? Le spiego: ho scoperto tramite social network che il mio ex fidanzato si divertiva alle mie spalle caldeggiato dai suoi amici. Ho pubblicato una nota pubblica (non nel suo blog) nella quale rispondo senza però fare nomi,luoghi o altro. Ho solo risposto a quanto aveva scritto inserendo anche delle frasi che mi diceva in tempo di “paca”.
        Può essere reato di diffamazione? come può dimostrare che io mi stia riferendo proprio a lui o magari ad un altro ex fidanzato? La ringrazio fin da subito, ho davvero bisogno del suo consiglio.

  28. Egr. Avv.
    volevo sottoporle il seguente quesito che mi sta turbando da un po di giorni.
    Circa 3 giorni fa naviganodo su una comunity, trovo il profilo di una donna correlato di foto dove veniva ritratta nuda in una campagna, tanto per intenderci non erano foto artistiche. Allorchè gli mando un email chiamandola Troiona e invitandola a inviarmi qualche foto! lo so non sono stato granchè gentile, ma le foto lasciavano chiaramente intendere il soggetto. Il giorno seguente mi scrive dicendomi che mi avrebbe denunciato per l’aggettivo da me usato. Vorrei sapere se potrebbe farlo dato che quelle foto erano esplicite e quindi la mia “offesa” non andava a ledere poi così tanto l’onore della persona? e nel caso a cosa andrei incontro?

    • Da quanto lei dice,pare che lei non avesse volontà di diffamare la persona e che quindi solo “goliardicamente” abbia risposto a delle immagini che hanno provocato tale comportamento. Quindi il reato potrebbe non sussistere sotto il profilo psicologico ,anche se va detto che la persona in questione comunque potrebbe mettere in atto quanto a lei riferito ,ma dovrebbe spiegare allo stesso tempo (..e sopratutto provare!) dove finisce lo scherzo ed incomincia l’offesa alla persona

  29. Gentile Avvocato

    Mi permetto di chiedere un consiglio su quanto mi è accaduto.

    Due giorni fa ho ricevuto una chiamata dai carabinieri che mi informavano che nei miei confronti e della mia compagna era stata emessa una querela per diffamazione ingiuria (artt.594 e 595 C.P.) e che dovevo recarmi al comando.

    Stupiti del fatto siamo andati entrambi al comando e ci siamo accorti che anche un nostro vicino di casa era lì per la stessa identica cosa.

    Siamo così stati informati dai carabinieri che la nostra comune vicina, in combutta con l’ex marito, aveva denunciato tutti e tre per questo reato.

    La cosa davvero assurda è che il fatto denunciato non è mai successo ma è di fatto una falsità sostenuta da due, tra l’alro lo stesso brigadiere era alquanto dubbioso sul fatto denunciato e mi ha comunicato che in base alle testimonianze io ero scagionato.

    Ora venendo al dunque come difendersi da una falsa querela?? Insomma siamo tre persone contro due che affermano cose opposte. Questo ha valenza??

    Premetto che io a differenza dei falsi querelanti non ho intenzione di procurami falsi testimonio o costruirmi falsi alibi, io il giorno del presunto fatto non so davvero cosa stavo facendo ma sono sicuro che non è mai accaduto.

    grazie per eventuali suggerimenti.

  30. Egregio Avvocato,
    sono un libero professionista con una passione del poker. Circa un mese fà mi trovavo a giocare a poker ad un torneo insieme a degli amici che frequentavo abitualmente. E’ successo che ho eliminato un mio amico dal torneo e da lì sono iniziati insulti essendo stata definita ‘la goccia che ha fatto traboccare il vaso’.
    Io non mi son mai espresso + di tanto ma gli insulti continuano ad arrivare. La cosa che più mi ha dato fastidio è un gruppo creato su un famoso portale contro la mia persona al quale sono state invitate 200 persone tra i quali anche miei amici.
    Potrei darle l’indirizzo in privato per sapere se ci sono tutti gli elementi per procedere con una denuncia per diffamazione e ingiuria?
    La ringrazio anticipatamente

  31. gentile avvocato, vorrei esporle brevemente i fatti che mi vedono coinvolta, al fine di chiederle se sussistano o meno le condizioni per procedere con querela per diffamazione.
    sono una studentessa universitaria, da anni impegnata nel sociale in attività di volontariato.. negli ultimi anni, una persona si è avvicinata alla nostra associazione, con l’intento di parteciparvi attivamente..bene, a nostra insaputa, detto soggetto ha cominciato a diffondere voci sul mio conto e su quello dei miei amici, non vere, che a mio avviso ledono la reputazione che negli anni ho conquistato.. addirittura suddetta persona ha pubblicamente calunniato alcuni di noi, sostenendo di essere stata vittima di molestie da parte nostra, ovviamente anche queste affermazioni sono del tutto menzognere e infondate..nel caso di calunnia nulla quaestio, poichè so che si può procedere legalmente, ma nel caso che mi riguarda personalmente, essendo stati messi in dubbio (dalle voci messe in circolo dalla persona che vorrei querelare) i valori su cui si fonda la mia morale e la mia educazione, e che per me sono un baluardo per cui vado a testa alta, vorrei chiederle se è possibile anche per me procedere legalmente, poichè ritengo che il mio onore e il mio decoro siano stati pubblicamente lesi..
    spero di essere stata esauriente.
    anticipatamente la ringrazio,cordiali saluti..

  32. Buongiorno,
    le vorrei spiegare un accaduto per capire in che sanzioni si incorre.

    Un professore in classe sta spiegando la lezione, ad un certo punto un’altro professore entra nella stessa classe ferma la lezione del docente e chiede della documentazione. Il docente risponde scocciato che gli fornirà tale documentazione dopo la lezione, ma l’altro professione gli intima di consegnargliela subito.
    A questo punto il docento in modo pò brusco fornisce la documentazione richiesta…il professore risponde “lei mi aggredisce e poi continua con queste insinuazioni…”.
    Uscito dalla classe, il docente commenta in modo personale davanti agli alunni questo tipo di atteggiamento concludendo con “Questa persona è stressata, per me avrebbe bisogno di fare sesso.”
    A questo punto la voce gira tra gli alunni ed arriva all’orecchio del prof., che decide di fare un denuncia per diffamazione.
    Il povero docente che ha fatto un commento personale rischi veramente un reato per calunnia? Come può difendersi?

    La ringrazio se saprà darmi qualche risposta

    • Lei rischia una denincia per diffamazione…..la strategia difensiva potrebbe mirare ad una mancata volontà di ledere la reputazione dell’interessato o comunque di reazione ad un atto arbitrario

  33. Gentile Avv. Paudice
    Le scrivo per chiederle un parere in merito ad una querela a me pervenuta dalla polizia postale in quanto mi si accusa di aver creato un gruppo in un un social network offendendo una persona che io conosco, ma con la quale non ho più frequentazione da anni.
    Io navigo su internet tramite la chiavetta usb mobile, non avendo una linea adsl fissa, porto con me la chiavetta quando parto ed è capitato anche di prestarla a terze persone.
    Credo che qualcuno abbia utilizzato la mia connessione mobile ed abbia creato questo gruppo che tempestivamente è stato cancellato dal social network.
    Che tipo di responsabilità ho io? Sono responsabile dall’uso della mia connessione da parte di terzi? Come posso difendermi? Mi chiederanno di fare i nomi delle persone a cui ho prestato la chiavetta? La ringrazio anticipatamente! Cordiali saluti

  34. ill.mo avvocato
    Pochi giorni fa una signora che era nello stesso bar dov’era la mia ragazza,ha chiamato i carabinieri affermando che “le sembrava che la mia ragazza il giorno prima fosse stata nel suo negozio ed avesse pagato con una banconota falsa”.Successivamente all’arrivo dei carabinieri la signora ribadisce il suo dubbio nei confronti della mia ragazza.A quel punto i carabinieri hanno svolto tutti gli accertamenti dovuti,accertando che la mia ragazza non ha commesso nulla di ciò affermato dalla signora,seppur esprimendo il suo dubbio.
    Vorrei chiederLE se è possibile chiedere un risarcimento per l’offesa all’onore della mia ragazza recata causa il “dubbio” della signora (con testimoni presenti).
    Si potrebbe invocare sussidiariamente l’art. 2043 cc?
    la ringrazio in anticipo.
    Cordiali Saluti

  35. egregio avvocato,

    volevo chiederle un parere legale su quanto accadutomi :
    Lavorando in ambito commerciale ( quindi di vendita ) un mio cliente a mio parere a torto, si è sentito poco soddisfatto da una vendità di un auto, di conseguenza mi ha scritto una mail offendendomi, utilizzando termini quali : grandissimo incapace, superfiale, etc.
    Ci tengo a precisare che nella mail a messo in copia anche altre persone ( tra le quali il mio capo )
    ritiene che ci siano gli estremi per una querela per ingiuria e diffamazione? in caso affermativo, cosa rischia questa persona?
    grazie

  36. egregio avvocato,

    volevo chiederle un parere circa un fatto se si può essere denunciati per diffamazione:
    I miei genitori tempo fa hanno costruito un capannone sul proprio terreno abusivamente, quindi un giorno sono arrivati i vigili e lo hanno fatto buttare giù con tanto di multa (io dico giustamente).
    I miei genitori hanno quindi espresso con alcune persone l’idea che secondo loro l’artefice della denuncia ai vigili per il capannone abusivo, per rancori passati, era stata una certa persona.
    Adesso questa persona è venuta a sapere che i miei dicono in giro questo di lui e quindi vuole fare denuncia per diffamazione poichè afferma invece che queste sono falsità sulla sua persona.
    la domanda è questa, questo caso può essere oggetto di una causa per diffamazione? perchè a mio parere non ci sono i presupposti in quanto i miei hanno accusato questa persona di aver fatto il proprio dovere di cittadino denunciando un capannone abusivo.
    Grazie in anticipo per la risposta che vorrà darmi

  37. carissimo avv. vorrei sapere che danno morale e diffamatorio sto subbendo da una testata giornalistica come citato sopra che scrive di una coppia di sposi con i nomi di me e mia moglie, in un piccolo paese dove ci stanno 8000 abitanti e 4 soli famiglie che corrispondono con i nostri nomi, ma solo che queste 4 famiglie nn so se hanno figli e il marito e’ disoccupato come me, ma anche volendo le persone del paese ci guardano sempre con brutto occhio perche dato che i paesani nn sanno chi sono i reali incuisitori loro rimangono sempre col dubbio che potremmo essere uno di noi 4 famiglie del paese, e a noi questa cosa non ci sta affatto bene,, siamo sempre guardati male dal paese, cosa ci consiglia, il nostro avvocato sara’ bravo, ma e’ lentissimo nel muoversi.. per favore ci dica un consiglio, legga bene sopra, sempre il mio nome ce tutta la storia che ho citato.. mi risponda concretamente cosa dobbiamo fare vs questa testata giornalistica che ci ha rovinati ingiustamente, io penso che se nn sapeva i cognomi, nn doveva mettere il paese dove stiamo , poteva scrivere in una provincia … non che mette il paese,,, io penso che se fosse successo in una citta’ nn avrebbe fatto danni a noi perche in citta’ ci stanno molte famiglie con questi nomi di me e di mia moglie, ma in un paese piccolo non possono fare questo.. perche se io facendo un esempio entro in un aula e dico una parola brutta su alcune persone dando solo i nomi e poi scappo e vado via , io penso che in quella aula si creerebbe un po di soqquadro, ognuno direbbe ma a chi ha riferito questa parola praticamente il mio esempio e’ se in un aula ci stanno 4 famiglie con lo stesso nome sia del marito che della moglie, penso che ognuno guarderebbe a queste 4 famiglie con brutto ochhio giusto??? ecco dove voglio arrivare.. cosi a fatto la testata giornalistica, ha detto questi nomi e vorrebbe discolparsi perche dice che nn ha detto i cognomi, ma penso che ha creato una burrasca tremenda nn dicendo i cognomi,,, grazie avvocato,, aspetto sue notizie.. salve

  38. salve avvocato volevo chiederle un parere.
    da quattro anni subisco diffamazioni non esplicite (offese pesanti rivolte alla mia persona e anche in mia presenza ma non rivolte “esplicitamente” a me appunto per paura che io proceda legalmente) che mi offendono e non mi consentono di proseguire una vita normale. tutte le persone con le quali vengo in contatto, che conosco, o persone che non conosco personalmente ma solo di vista, vengono “farcite” in maniera indecorosa e offensiva di notizie vere e false riguardanti la mia vita privata che non escono dalla mia bocca e di conseguenza mi prendo addosso il disprezzo di molte persone senza saperne i motivi, e la mia reputazione finisce sotto i piedi di chiunque.
    queste persone si vedono bene di negare tutto e non so piu che fare per dimostrare un fatto cosi complesso e assurdo come questo.
    tanto che in un blog su internet si è messa la mia vita privatissima a disposizione di tutte le persone che vogliono ridere alle spalle (sempre non facendo mai esplicito riferimento a me -ad esempio, offese senza metterci il mio nome o fatti personali privatissimi di cui queste persone, che sono vecchie mie frequentazioni sono inspiegabilmente a conoscenza).
    mi puo dire se c’è un modo per risolvere questa situazione? ah,per questi stessi fatti volti a ledere la mia persona che ripeto, proseguono ormai per 4 lunghi anni e non accennano a diminuire, ho dovuto interrompere gli studi dopo ennesimi cambi di istituti scolastici (non so spiegare le modalità ma queste persone si informavano di dove andassi a studiare e mi rendevano impossibile la permanenza in una qualsiasi scuola) e non è tutto, ho cambiato anche paese, e in un modo o nell’altro, sembra assurdo, ma anche li i miei fatti privati sono divenuti sulla bocca di tutti con tutto cio che ne consegue: disprezzo sociale, ecc… ancora prima di partire. Senza contare che condizionano tutte le mie relazioni sia sociali ma anche affettive/sentimentali e il mio stato psicologico è letteralmente a pezzi. Inoltre ho fondati sospetti (per ora non ho prove concrete) che il mio indirizzo ip del computer sia o sia stato controllato in modo illegale da queste persone che sanno sempre come muoversi sui miei progetti. Ora, a prescindere dalla veridicità o meno, o dalla giusta o meno motivazione che queste persone possano avere nel comportarsi cosi, volevo sapere se si poteva fare qualcosa legalmente parlando e se ho qualche speranza, nel caso decidessi di fare una denuncia, che questa denuncia non mi torni indietro e non mi trovi cosi a pagare con gli interessi pure la denuncia che ho fatto!!
    Aspetto una sua risposta…. mi rendo conto che è una situazione piu assurda che altro ma io sono sicura di non essere impazzita.. però ho il timore ora di diventarlo perchè non riesco a vivere bene la normale quotidianità, sono molto limitata, casa-lavoro nessuna vita sociale e ho paura persino a scambiare due parole in internet con qualche persona per i motivi che le ho sopra spiegato. spero mi possa aiutare a capire quali dirtti posso esercitare, e se ho qualche possibilità di riuscita in tutto questo!

  39. Buonasera Avv. Le scrivo per avere un Suo parere in merito ad una questione.
    La mia famiglia ha ricevuto una lettera di un avvocato che assiste un nostro vicino di casa in cui ci diffida dal mettere in giro voci false e tendenziose sul suo conto in quanto ha saputo(ma non è specificato da chi) che mio padre avrebbe diffuso la voce che sarebbe stato lui l’autore di un atto di vandalismo, avvenuto qualche mese fa’, contro alcune auto parcheggiate fuori dalle nostre abitazioni, tra cui la nostra.
    Premesso che questo è stato solo il primo di una serie di eventi dannosi a nostre spese, alcuni dei quali denunciati alle autorità ma contro ignoti, è possibile che, sentendo uno scambio di opinioni tra condomini, ormai esasperati, questa persona proceda ad un’effettiva denuncia per diffamazione?

  40. ho avuto una relazione con un docente di scuola superiore. che negli ultimi tempi ha avuto un comportamento totalmente irrispettoso nei miei confronti persino canzonatorio e che mi ha umiliato tantissimo. Ho scoperto tra l’altro che inviava missive volgari ed indecenti a diverse donne e naturalmente mi mentiva su tutto. In un momento di grande rabbia ho comunicato questo comportamento ai suoi superiori della scuola adducendo come motivo il fatto che un educatore che nella vita aveva un simile comportamento era molto dannoso per la formazione di personalità in formazione. Tutto ciò che ho dichiarato era documentato e comprovabile. La scuola ( privata e cristiana) mi ha risposto che hanno inviato la mia dichiarazione scritta ( una mail) al loro studio legale . Possono denunciarmi per questo?

  41. Buongiorno Avvocato, le sarei molto grato se potesse rispondere, anche rapidamente, alla mia domanda.
    L’impiegato di una società mia concorrente ha riferito a un cliente di fatti non veri su di me, attribuendomi addirittura la commissione di un reato penale, seppur lieve. Io posso facilmente dimostrare di non aver commesso alcunché, nonché la malafede del diffamatore; quello che non posso dimostrare è che ci sia realmente stata la conversazione di cui sopra, perché la diffamazione da parte del concorrente è avvenuta in mia assenza, e ne sono venuto a conoscenza soltanto da altre persone presenti, che non hanno alcun interesse a entrare nella vicenda.
    Posso obbligare il concorrente a mettere per iscritto che “non è a conoscenza di alcun elemento lesivo della mia immagine professionale”, o se lo è di metterlo per iscritto perché io possa controbattere legalmente? Se perdessi il cliente soltanto a causa di “voci di corridoio” mi ritroverei purtroppo senza lavoro.
    Grazie in anticipo.

  42. Buongiorno, ho scritto un romanzo comico. E’ diciamo un diario di una esperienza lavorativa che ho avuto. All’interno di questo manoscritto i nomi di tutti i miei colleghi sono stati cambiati e sostituiti con nomi di fantasia, il nome della ditta e l’oggetto sociale della stessa totalmente cambiati e ho citato nella prefazione che “ogni riferimento a persone realmente vissute su questa terra e a fatti realmente avvenuti è puramente casuale”. Ho aggiunto all’interno del romanzo anche fatti di pura fantasia.

    Ora le mie domande sono:
    rischio delle querele nel caso il romanzo venga pubblicato? Qual’è l’articolo di legge in materia? Vi ringrazio molto in anticipo.

  43. egregio avvocato,
    Le scrivo per avere indicazioni su come devo comportarmi di fronte ad un articolo pubblicato su 2 siti internet gestiti da privati ove viene raccontato un episodio accaduto all’interno del locale commerciale che gestisco, inserendo in tale articolo il fatto accaduto, il nome del locale, la foto ed inoltre un messaggio che invita le persone a non frequentare il mio locale.
    Tengo a precisare che un gestore del sito è coinvolto nel fattaccio! in parole povere il su detto individuo si è sentito offeso perchè le è stato chiesto gentilmente se poteva controllare la figlia che insieme ad altri bambini, scorrazzava gridando all’interno del locale (BAR) disturbando altri clienti (lamentatisi più volte degli schiamazzi).
    Vorrei sapere se tale pubblicazione può essere oggetto di querela/diffamazione
    Grazie
    Claudio

  44. gentile avvocato,

    siamo 2 ragazze di nome Giada e Chiara,
    noi abbiamo avuto problemi di bullismo a scuola per ben 2 anni, e la scuola ha sempre sottovalutato il problema.
    Ora noi siamo costrette ad andare da uno psicologo per attacchi di panico.
    Anche se la scuola è finita noi riceviamo tutt’ora messaggi (codarde, problematiche, prendete meno medicinali sennò vi si brucia la memoria, fate le vittimine, epilettiche)
    questi sono offese punibili dalla legge???

    risponda sul nostro indirizzo e-mail.. la ringrazio

    un saluto

    Giada

  45. monica,
    egregio avvocato,
    ho partecipato come testimone ad un processo penale. prima dell’udienza sono stata avvicinata dall’imputato(io ero testimone della parte lesa) ed ho ricevuto alcune minacce dall’imputato stesso ,in presenza della moglie.Gli avvocati di entrambe le parti si sono accorti della situazione verificatasi e l’avvocato dell’ accusa ha intimato a quello della difesa di tenere a bada il proprio assistito,non sentendo pero’ esattamente il tipo di minacce che tipo di minacce mi sono state rivolte.In aula durante l’interrogatorio l’avvocato dell’accusa mi ha fatto raccontare cio’ che era successo e l’avvocato della difesa si e’ riservato di non farmi alcuna domanda per farmi in seguito una denuncia per diffamazione,
    ovviamente la moglie dell’imputato,anche lei testimone in aula ed unica testimone delle minacce da me ricevute non ha negato che il marito mi aveva avvicinata,ma ovviamente non ha nemmeno ammesso cio’ che aveva sentito ,ma si e’ inventata alcune cose che non corrispondono a verita’.
    qualora dovessi ricevere denuncia per diffamazione o altro,come mi devo comportare?
    grazie

  46. gentilissimo avvocato,
    le scrivo per chiederle un parere circa una possibile denuncia per diffamazione che potrebbe ricadere a mio carico. le spiego i fatti: ricevo un mese fa una mail (da nome allora a me sconosciuto) nella quale si afferma che la mia ex ragazza ha attualmente un’altra relazione.della mail io parlo solo con un’altra persona e in seguito riferisco anche alla presunta mittente di aver ricevuto la suddetta comunicazione. ora io non riesco ad ritrovare la mail in nessun modo, è stata cancellata e poi eliminata, e questa persona sostiene di non avermi inviato nulla (del resto non ci conoscevamo) o di non essere comunque stata lei l’autrice del gesto.
    data la mia impossibilità a trovare la mail questa persona pare intenzionata a denunciarmi per diffamazione. ma può considerarsi diffamazione anche se io ho comunicato questo fatto solo a due persone, delle quali una è la stessa interessata?

  47. GENT. MO AVV.TO,
    VORREI SAPERE SE L’INGIURIA E ATTACCHI DI VIOLENZA DA UN DIPENDENTE CON MANSIONE DI OPERAIO AD UN SUPERIORE MANSIONE IMPIEGATO POSSONO CAUSARE IL LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE PER GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO.
    LA RINGRAZIO.

  48. Egr. Avvocato,

    vorrei serenamente chiederLe cosa bisogna fare per denunciare una persona che offende tutti i colleghi sul luogo di lavoro, oltrepassando spesso i confini di quello che si può definire come “scherzo” o sfottò, ma il problema è che ne parla quando la persona offesa è assente – di cosa c’è bisogno per sporgere denuncia ?

    Grazie per l’attenzione che vorrà darmi

  49. salve,
    mi hanno denunciato per diffamazione,ma chi mi ha denunciato ha dichiarato il falso,ovvero due operai miei colleghi hanno riferito la diffamazione al direttore del personale questo racconta lui) che successivamente mi ha denunciato,ma uno dei due testimoni dichiara di non aver categoricamente riferito con esso,come vede la situazione?grazie.

  50. Egr. Avvocato,

    con la presente sono a richiedere un Suo consiglio : dopo una cena a casa MIA, un amica della mia fidanzata ha avanzato l’ipotesi che io avessi sottratto dei soldi dal portafoglio del suo fidanzato ( posizionato in sala di fronte a 4 testimoni), in quanto mi sarebbe antipatico e quindi per dispetto . Entità del furto : 20 euro.
    Questa signorina ha dichiarato a persone estranee ( amici ) di quanto sopra riportato senza tuttavia avere nessuna prova e soprattutto vista l’impossibilità di poter attuare quanto denunciato : una dei 4 testimoni era la suddetta signorina e non mi ha saputo dire come io avrei fatto a impossessarmi di tale denaro visto che non mi sono avvicinato al portafoglio e non avrei avuto la possibilità se non facendomi notare da tutti quanti.

    Pertanto la mia richiesta è la seguente : visto che mi “insultato” parlando con estranei dichiarandomi “ladro”, come posso procedere nei confronti di questa persona?

    La ringrazio per l’attenzione.

    Cordialmente.

  51. salve avvocato un po a questa parte mi capita.che una persona..che abita nel portone dei miei genitori…come mi vede…a me come anche le mie sorelle….questa persona sotto voce e girandosi anche ci riempe di bruttissime parole….te ne accorgi perche ti guarda e te le dice in faccia…io ora non so come comportarmi…se denunciarlo ai carabin.oppure nn so piu cosa fare mi sento infastidita psicologicamente….grazie

  52. si può configurare il reato di diffamazione se in una causa civile per risarcimento danni ad un immobile il perito della controparte attibuisce all’incuria da parte del sottoscritto, alla mia malafede la richiesta dei danni.Da precisare che il ctu mi ha dato ragione sbugiardando il suddetto perito che ha negato anche l’evidenza e attribuendomi richieste di risarcimento mai presentate.

  53. Salve avvocato,

    vorrei sapere se un foglio privato, (debitamente conservato in un’agenda, ma in un ufficio alla portata di più persone), sottratto (ma senza prove) e il cui contenuto non e’ stato mai divulgato, possa essere usato dalla presunta vittima per diffamazione.

    A prescindere dal contenuto, può’ questo essere causa di un’accusa di diffamazione o in sede di accusa bisogna dimostrare come la persona (presunta offesa) si sia procurato il materiale.

    Cordiali saluti

  54. Gent.le Avvocato Paudice
    la ex dalla quale sono separato da 10 mesi usa da tempo pubblicare a mezzo internet e in social forum locali molto frequentati sue fotografie intime. Reputo queste fotografie, divenute ormai di dominio pubblico, provocatorie e indecorose. Visto il mio risentimento, l’ambiente in cui vivo, il mio stato sociale e il mio stato di padre vorrei sapere se in qualche modo per questo caso è configurabile il reato di diffamazione o di ingiuria verso la mia persona.
    La ringrazio per la risposta e la saluto cordialmente.

  55. buongiorno avvocato
    ho saputo che il bidello della scuola che frequentano i miei figli
    non perde occasione per dire maldicenze sul mio conto.
    ovviamente chi me ne ha parlato non vuole esporsi quindi le chiedo cosa posso fare per fermarlo?

  56. Salve Avvocato, volevo chiederle qualcosa riguardo ad una denuncia fatta dalla ex moglie 6 mesi fa dicendo che avevo dato una schiaffo a mio figlio. Essendo falso cosa posso fare?Posso denunciarla per calunnia dopo 6 mesi? Inoltre grazie ad una lettera scritta da una sua amica nella quale venivano dette falsità sul mio comportamento.( Precisamente veniva scritto che convivevo con la mia nuova compagna da Ottobre 2008, invece convivo da maggio 2009. Inoltre veniva scritto che andavo nel paese della mia compagna a fare casino. Dal Giudice è stato dato l’affido condiviso dove potevo vedere mio figlio tutti i giorni,dopo la denuncia e la lettera dell ‘amica posso vedere mio figlio al consultorio solo una volta a settimana. Posso fare una querela per diffamazione all amica? La prego aspetto una sua risposta.

  57. egregio avvocato .
    sono una ragazza di 25 anni, che è continuammente vessata dal proprio uomo, sono convivente da 5 mesi , mi dice che non valgo niente caratterialmente , e sta con me solo per nostra figlia, e per la mia bellezza, cosa posso fare?

  58. Gentile Avvocato,
    avrei bisogno di un consiglio.
    Mi è accaduto di sorprendere nel supermercato di mia madre una anziana signora che rubava della frutta, mi avvicinavo e le dicevo:’Signora ma cosa fa?’lei mi rispondeva:’Mi andava di farlo e l’ho fatto’ ed io: ‘no signora non si fa, questo è rubare, pertanto lei è una ladra se fa questo.’ Non procedevo nè all’arresto in flagranza nè alla denuncia del fatto.
    La signora mi ha denunciato per ingiuria il penultimo giorno utile per presentare querela.
    Credo che abbia indicato dei testimoni, che in realtà non erano presenti al momento del fatto.
    Io ho dei testimoni ma sono dei dipendenti dell’esercizio commerciale di mia madre.
    Il reato non tollera l’eccezione della verità del fatto da parte dell’offensore.
    Inoltre sono molto seccata perchè il procedimento dinanzi il Giudice di Pace non ti permette di difenderti come nel procedimento ordinario e perchè nella querela saranno esposti fatti completamente falsi.
    Non ho intenzione di chiedere scusa o di offrire dei soldi per far rimettere la querela ma temo che il p.m. rinvii a giudizio e che io debba affrontare il giudizio.
    Grazie infinite
    I.L.

  59. Intervengo il 18/12/2009 sul sito xxx, con un nick name, per lamentare decisamente, all’interno di un forum iniziato da altri su una società di vendite on line, il disservizio e l’inattendibilità di tale società in seguito a un mio ordine di xxx.
    In tale forum interloquisco con certa xxx intervenuta nel forum come titolare della ditta in questione, la quale mi attribuisce il ruolo di agente della concorrenza (sleale) e mettendo in dubbio quanto riferivo in relazione all’ordine eseguito, mentre una volta rivelata la mia identità osa mettere ancora in dubbio le mie affermazioni, tutte documentate, ironizzando inoltre sul mio titolo di studio.
    Succesivamnete tale persona mi contatta anche telefonicamente e, presente mia moglie che ascoltava in viva voce e insultandomi pesantemente, minaccia un’azione legale dicendo che l’ho diffamata, addirittura di rovinarmi. Per tranquillizzarla, vista l’estrema violenza del suo interloquire, propongo di eliminare dal forum ogni espressione critica, facendo presente che la mia unica intenzione era quella di ottenere la merce come da ordine inviato e pagato con un primo anticipo oltre 2 mesi prima.
    Con la persona in questione, tra lusinghe (le regalo …) e oscure minacce (lei non sa chi sono io …), si profila un accordo: togliere dal forum ogni espressione critica e, per quanto riguarda il sottoscritto, ottenere la merce in questione.
    Al di là della soluzione della vertenza, chi in realtà diffama l’altro?

  60. Intervengo il 18/12/2009 sul sito xxx, con un nick name, per lamentare decisamente, all’interno di un forum iniziato da altri su una società di vendite on line, il disservizio e l’inattendibilità di tale società in seguito a un mio ordine di xxx.
    In tale forum interloquisco con certa xxx intervenuta nel forum come titolare della ditta in questione, la quale mi attribuisce il ruolo di agente della concorrenza (sleale) e mettendo in dubbio quanto riferivo in relazione all’ordine eseguito, mentre una volta rivelata la mia identità osa mettere ancora in dubbio le mie affermazioni, tutte documentate, ironizzando inoltre sul mio titolo di studio.
    Successivamente tale persona mi contatta anche telefonicamente e, presente mia moglie che ascoltava in viva voce e insultandomi pesantemente, minaccia un’azione legale dicendo che l’ho diffamata, addirittura di rovinarmi. Per tranquillizzarla, vista l’estrema violenza del suo interloquire, propongo di eliminare dal forum ogni espressione critica, facendo presente che la mia unica intenzione era quella di ottenere la merce come da ordine inviato e pagato con un primo anticipo oltre 2 mesi prima.
    Con la persona in questione, tra lusinghe (le regalo …) e oscure minacce (lei non sa chi sono io …), si profila un accordo: togliere dal forum ogni espressione critica e, per quanto riguarda il sottoscritto, ottenere la merce in questione.
    Al di là della soluzione della vertenza, chi in realtà diffama l’altro?

  61. caro avvocato ieri in una riunione di colleghi con il nostro responsabile una collega alquanto cattiva e sicura di se’ , in seguito ad una discussione di servizio alquanto giustificata, lei la signora in questione davanti a tutti hadetto:”Stai zitta che tu sei seguita dallo psichiatra.” di cui ha fatto il nome del presunto medico che mi segue,Io sono parapleggica all’arto superiore dx 85% di invalidita’per un errore medico.Non mi sono mai recata da questo dottore e non ho ma fatto pesare il mio stato di infermita’ il fato dimostra che sono delegata responsabile del centralino dove lavoro.Questa persona sono anni che mi fa’ stare male, piangere e non dormire la notte vista che 60 interventi mi hanno provocato le crisi di pannico. La posso citare per diffamazione?cosa mi consigliate accetto tutti i consigli per allontanare da me questo essere . GRAZIE

  62. Egr.avv.Paudice,
    come posso comportarmi nel caso in cui il mio ex datore di lavoro vada raccontare in giro di un fatto mio personale del quale mi ero confidata, e del quale si approfitta per vendetta visto che non lavoro più nella sua ditta?
    Queste voci messe in giro nel piccolo paesino in cui abito mi stanno causando disagio e non trovo assolutamente corretto questo comportamento, dal momento che potrei anch’io ripagarlo con la stessa moneta riferendo fatti certi che potrebbero inesorabilmente danneggiare la sua persona e il suo operato come datore di lavoro.
    La ringrazio e saluto.

  63. Buon giorno Avvocato,vorrei sapere se per colpa di una diffamazione rivolta a mia moglie sul suo comportamento lavorativo ,lei ha perso la possibilita’di cambiare il suo posto di lavoro ..,da ostetrica in un piu’ tranquillo consultorio.nessuno la conosceva nel posto in cui sarebbe dovuta andare,le parole di diffamazione hanno
    contribuito a non trasferirla visto che comunque era gia’ assegnata lei,si puo fare ricorso per diffamazione e pretendere il posto a lei assegnatoli…o non se ne fa niente ..
    grazie anticipatamente

  64. Egr. Avvocato,
    in materia di diffamazione, l’art. 595 del c.p. punisce “chi comunicando con più persone…”
    Mi chiedevo se, affinchè si possa configurare il reato, è sufficiente che il soggetto attivo abbia comunicato ad una sola persona e che quest’ultima poi abbia riferito ad una terza e così via.
    In sostanza il tizio (che vorrei querelare) riferisce, al presidente di una associazione, di fatti non veritieri che offendono la mia professione e che screditano il mio operato. Il presidente dell’associazione, a sua volta, sulla base di quanto appreso, riferisce tali fatti non veritieri ad un dirigente della struttura pubblica presso la quale presto servizio, quest’ultimo a sua volta riferisce ad altre persone, giungendo infine a me la notizia.
    La ringrazio.

  65. Egr.Avvocato,

    volevo sottoporle quanto è successo a mia figlia di 10 anni.
    la bambina si è recata alla fermata dell’ autobus come sempre da sola perchè si trova sotto casa,è stata aggredita verbalmente con un tono di voce forte a distanza ravvicinata dalla faccia,dalla madre di una sua coetanea che l’ha accusata di trattare male sua figlia a scuola (cosa smentita in seguito dalle maestre di scuola) mia figlia è venuta a chiamarci in lacrime impaurita, alchè siamo scesi e abbiamo chiesto spiegazioni a questa persona sul perchè se la sia presa con la bambina e non sia venuta a porre il problema a noi,lei ci ha risposto che non è tenuta a comunicarlo a noi il tutto contornato da una serie di ingiurie fra cui la l’incapacità di insegnare l’ educazione dei figli cosa smentita da tutte le persone che abbiano a che fare con i miei figli.La bambina ne ha risentito al punto che non riesce a dormire di notte (fa degli incubi con questa signora) e ha paura a recarsi alla fermata dell’ autobus temendo di incontrare questa persona. come mi devo comportare?
    la ringrazio

  66. egregio avvocato

    ho avuto un diverbio con insulti reciprochi sia miei che della persona con cui ho avuto il diverbio . lei ora mi ha denunciato sostenendo che io ci sono andato più pesante di lei .. ora io non posso permettermi una denuncia per il mio fututo lavoro allora come mi devo comportare visto che la cosa è stata reciproca ??

    la prego gentilmente di aiutarmi .GRAZIE

  67. si ma non parliamo è sopratutto lei si rifiuta di ritirare la denuncia … però cintinuo a sostenere che la cosa è stata reciproca … io cosa rischio ma sporatutto come posso diffendermi ???…….. La ringrazio per la gentilezza e cortesia dimostrata

  68. Egregio avvocato,

    Un fornitore a cui non ho potuto pagare diverse forniture di materiale per colpa delle avversità economiche incorse alla mia azienda ha mandato una email a mia moglie scrivendole lo stato delle cose per farle conoscere la situazione che comunque crea problemi anche a lui.
    Lo scritto è pacato e risponde al vero ma è stato comunque imbarazzante.
    Ci sono gli estremi per la diffamazione?
    Grazie

    Paolo

    • proprio in ragione del linguaggio pacato adottato dalla missiva cercherei di adottare un comportamento conciliante ,anche se non remissivo in quanto comunque siamo in presenza di un comportamento scorretto.

  69. Spett.le Avvocato,
    su ordine dei miei superiori, sono tenuto a riferire comportamenti scorretti dei miei colleghi di lavoro, soprattutto se questi mettono a rischio il decoro dell’azienda presso i clienti ove prestiamo servizio, sia per la tutela del mio posto di lavoro in quanto non complice del fatto. Riferito che il collega in questione dormisse nell’orario di servizio, vengo minacciato indirettamente su un social network in maniera pubblica, celando il mio nome ma lasciando intendere ad altri colleghi facendo riferimenti fisici e commentato da altri ex colleghi a conoscenza dei fatti. Vengo insultato e sbeffeggiato. In seguito riesco a registrare gli insulti verbali di tal collega, ulteriori minacce anche sul posto di lavoro. E’ mia intenzione muovere denuncia soprattutto per ciò che ho subito a livello di offesa e per le preoccupazioni alla mia compagna che leggendo le minacce di lesioni alla mia persona hanno provocato. Cosa posso fare? Rischio qualcosa per le registrazioni da me effettuate? Grazie

  70. Da poco è deceduta mia madre, mio fratello maggiore è convinto che esiste un libretto bancario del quale io mi sarei impossessato, per questo motivo mi ha fatto convocare dai carabinieri, davanti al maresciallo mi ha apertamente accusato di aver sottratto una ingente somma di denaro dopo la morte di mia madre.
    In base alle sue accuse ho sporto querela per diffamazione, citando come testimone dell’ accaduto lo stesso maresciallo che mi aveva convocato.
    La testimonianza del maresciallo ha valore in giudizio, e se cosi fosse posso chiedere i danni morali a mio fratello per avere con le sue accuse leso il mio onore e prestigio?
    Distinti saluti
    Graziano Falchi

  71. Spett.le avvocato,
    ho dei problemi di condomio del quale sono anche amministratore.
    Io posseggo un cane per il quale, come in pratica quasi dappertutto, sono sorti dei problemi pur se in ogni modo cerco civilmente di evitarli.
    La signora sotto di me, un giorno, al culmine di una vera e propria “crisi”, inizia ad urlare a squaciagola lamentandosi di stillicidi che non esistono (sono molto attento a evitare queste cose al punto di aver messo una barriera che evita la caduta di acqua e pipi dal mio balcone) e così via.
    Così io, arrabbiato per la condotta tenuta dalla signora in questione, metto una comunicazione sulla bacheca condominiale riportante tra l’altro “diffido i coniugi xxxxxx a evitare di farsi prendere in futuro da crisi di chiaro stampo schizofrenico (….) soprattutto nei miei confronti lanciandomi parolacce, accuse e calunnie da me non gradite….”.
    I coniugi in questioni mi hanno denunciato per l’articolo 595 del c.p. e devo comparire dinnanzi al giudice di pace.
    Volevo chiederle a questo punto, in fase processuale potrò difendermi? Come posso dimostrare che verbalmente sono stato insultato io e molto più gravemente? Il diffidare qualcuno (sulla bacheca condominiale) a non farsi prendere da crisi schizofreniche, configura realmente il reato di diffamazione? O essendo la schizofrenia una patologia di alterazione improvvisa dell’umore e non un ingiurio posso sostenere questo? La ringrazio per la sua disponibilità, qualunque sua idea o suggerimento.
    Ferdinando.

  72. Egr. Avvocato,
    una mia amica si è separata dal suo convivente (hanno un bambino e l’altro in arrivo) perchè la nonna ed il convivente hanno raccontato a tutti i loro conoscenti del paesino dove vivevano fatti personali della mia amica ed in particolare che lei era stata violentata quando era una ragazzina. Circostanza questa che in un colloquio telefonico è stata confermata dalla mamma di lui e che è stata ascoltata in viva voce da quattro persone non parenti della mia amica. Ci sono i margini tra le latre cose, per una denuncia querela per ingiuria e diffamazione?
    Grazie per l’attenzione

  73. Egr. Avvocato
    Sono una ragazza peruviana di 26 anni e vorrei sporle brevemente l’accadutto,convivo col mio fidanzato da 2 anni a casa dei suoi 2 settimane fa certo sconosciuto per me e per le persone che mi sono accanto e andato al negozio della mamma del mio fidanzato ed e cominciato a saparlare di me sensa sapere che lei era l mamma di lui queste sono le sose dette su di me che io ero andata a letto con lui che io lo faccevo entrare a casa mentre il mio compagno era al lavoro che lo cerco per avere dei rapporti etc,il fatto a parte che non e vero mia futura suocera a voluto parlare con me e raccontarme l’accaduto il peggio che questo tizzio lo ha detto davanti a il marito e figlia di lei e adesso capira il dubbio che ce nei miei confronti pero parlandone de chi fosse questa persona avviamo assalito ad un tizzio che abita ad 1 isolato da casa nostra adesso non so come procedere perche non so nemmeno il nome di questo tizzio vorrei chiederle una orientazione su come comportarmi e si posso denunciarlo per diffamazione ?o per iingurie le ringrazio

  74. Egr. Avvocato,
    sarò chiamato a giorni a testimoniare in un processo civile per diffamazione (con richiesta di ingente risarcimento economico) come teste indicato dalla difesa. Dovrei riferire in tribunale una conversazione (realmente accaduta) tra il querelante e il querelato, riferita poi da quest’ultimo ad amici e stampa.
    Mi chiedo, ove il tribunale dovesse accogliere le istanze del querelante, rischio a mia volta una identica querela per diffamazione o altro? In quali altri rischi posso incorrere con la mia testimoninanza (ribadisco FEDELE e SINCERA)?
    La ringrazio anticipatamente…

  75. Egr. Avvocato,

    Volevo portare a sua conoscenza un fatto, per capire come posso procedere.

    Negli ultimi giorni, mi è capitato che, passeggiando con il mio cagnetto lungo la pubblica via, e nelle adiacenze di un piccolo piazzale (non recintato, e non recante nessuna indicazione circa eventuali proprietà private), una persona da una finestra di un edificio adiacente la strada, mi intimasse di non portare il cane a fare i suoi bisognini lì perché non è consentito. (??) Oltre a mettere bene in evidenza che sono munito di sacchettini per le deiezioni dei cani (in numero consono, come previsto dal regolamento di polizia urbana del mio comune), e che ho sempre raccolto le suddette, la prima volta mi vedo offendere con il termine ‘Stron..”.

    Lasciando comunque perdere vista l’aleatorietà della cosa, nei giorni successivi, vengo nuovamente insultato con altri termini estremamente volgari che qui non riporto per educazione.

    Ieri sera, come ultimo episodio, mi viene detto, in maniera chiara e inequivocabile, che sono una ‘testa di ca…”.

    A questo punto, vista comunque la mia pazienza e la mia tolleranza, volevo sapere se posso procedere in merito ai fatti qui sopra esposti, nei confronti della responsabile – della quale peraltro non conosco il nome – per il reato di cui all’art. 594 con l’aggravante di cui al comma 3.

    La signora qui in oggetto può invocare causa di esclusione della responsabilità , per il fatto che passeggiavo con il cane nei pressi della sua abitazione e del suddetto piazzale? ‘Non è punibile chi ha commesso alcuno dei fatti preveduti dagli artt. 594 e 595 nello stato d’ira determinato da un fatto ingiusto altrui, e subito dopo di esso.’

    Grazie per la risposta

  76. Buongiorno Avvocato,
    è successo che da un paio di mesi ricevevo delle email da questo collega, dapprima con un tono amichevole, poi esplicitamente segnate da un interesse nei miei confronti. C’è da notare che lo scambio di email è partito da parte
    sua in seguito ad un chiarimento dopo una riunione in cui lui ha avuto un atteggiamento duro e sproporzionato nei miei confronti, era presente il mio capo e tutti i miei colleghi e l’imbarazzo è stato grande. Prima diffamazione. Rispondevo in modo asettico e per mantenere il rapporto di cordialità in ufficio, tranquillizzata dai toni più educati. Ad un certo punto però la mia gentilezza ha dato spazio anche ad una critica lavorativa verso la quale questa persona si è incattivita e mi ha accusato, giacché difendevo un collega coinvolto nel fatto, di avere una relazione con il collega stesso (cosa assolutamente falsa). Dopo questi insulti ho smesso di scrivergli, dicendogli solo che se quella era la sua opinione non avrei più dato seguito a nessun dialogo.
    Ieri il molestatore si è dimesso, e nel dimettersi ha mandato una mail a tutti i colleghi del mio reparto, mettendo in copia la moglie del collega che avevo difeso per email (la moglie lavora nello stesso ufficio), dicendo che il primo problema che lo spingeva ad andarsene ero io – e che ho una relazione con l’altro collega, in toni pesantemente diffamatori.
    Inutile citare l’imbarazzo e la spiacevolezza (sono stata male anche fisicamente) della situazione, Vorrei sapere cosa posso fare per tutelarmi, nel posto di lavoro in cui opero, pur essendo un piccolo ufficio e pur essendo manifesto il poco equilibrio della persona in questione. Temo anche che compia altri gesti inconsulti e vorrei difendermi.
    Grazie in anticipo!

  77. BUON GIORNO
    Sono stato denunciato per ingurie,per aver mandato lettere anonime inguriose a 2 agenzie interinali.Nonostante le mie scuse fatte nel verbale in possesso dei cc la mia denuncia non è stata tolta.Ho spiegato che ho commesso tale reato, a causa di un periodo di depressione causato dalla perdita di lavoro e che ero seguito da uno psicologo.VORREI SAPERE COME MI DEVO COMPORTARE DAL PUNTO DI VISTA legale; e se posso avvalermi di attenuanti,quali lo stato psicologico presente durante i fatti.La ringrazio e spero vivamente che mi risponda a più presto PERCHè TALE PROBLEMA MI FA VIVERE IN UN ANSIA PERENNE
    CORDIALI SALUTI

  78. Gentile avvocato

    la moglie del mio amante ci ha scoperti e minaccia di chiamare mio marito e riferirgli della nostra relazione. ha letto tutti gli sms sul telefonino(naturalmente senza il consenso del marito). Se mette in atto la minaccia lei non ha prove posso denunciarla? che reato è configurabile e lui il mio amante può denunciarla per violazione della privacy?

    La ringrazio

  79. sono stato denunciato dai vigili di san costanzo (pu)art. 595 diffamazione.Mi multavano di continuo e alla gente del posto parcheggiavano in qualsiasi modo e senza il disco orario non venivano multate.un bel giorno mi metto e scatto le foto che con il mio avv.to porteremo davanti al giudice.chiedo ancora più sicurezza come andra a finire.

  80. gentile avvocato,sono stata convocata dal preside della scuola di mio figlio dove mi e stato fatto presente di aver fatto un gesto non corretto all interno della classe,senza sapere come il fatto e accaduto gli sono state fatte delle accuse x me gravi…… e x lo piu mi e stato fatto presente davanti ad altre persone senza privacy dove il preside ha accusato mio figlio di essere un pazzo e di aver commesso atti di vandalismo. a riguardo voglio sapere se puo essere accusato di diffamazione e ingiuria?

  81. Gentile avvocato,
    frequento la 2^ superiore e nella mia classe c’e un ragazzo(pippo) che prende sempre per i fondelli un nosto compagno straniero(papo) e lo induce alla disperazione. esempio: papo sbaglia la pronuncia di una parola e pippo comincia a prenderlo per i fondelli. oppure attribuisce soprannomi anche offensivi a papo anche su facebook. io ho provato a far ragionare pippo ma senza risultati. (certamente ho usato nomi di fantasia). papo potrebbe denunciare pippo per diffamazione o per mobbing?
    La ringrazio in anticipo e aspetto la sua risposta. GRAZIE

  82. Egregio Avvocato
    un utente di un forum privato mi ha insultato mentre chattava con altre persone indicando il mio nick ed altri dati. Io ero assente e me lo hanno raccontato. Ne forum mi sono sfogato parlando in generale di uno stronzo che in chat mi aveva offeso indicando i miei dati ma senza aggiungere nulla che possa far risalire a lei o a quando sia successo
    Questo tizio ha letto e si è riconosciuto, ora vorrebbe farmi causa. Lo può fare?

  83. caro avvocato ,sono una ragazza di 20 anni che vive fuori sede con altre due conquiline …avendo dei contrasti molto forti con isulti sia dalla mia parte che dalla loro …ho usato un socialnetwork famoso…e in uno dei tanti link che ho pubblicato ho scritto un fatto personale e insultato pesantemente e insinuato che non paga l’affitto varie volte una la conquilina e ne anche scritto che è la mia conquilina ma non ho scritto nomi ne fatto iniziali…. ora la ragazza se ne è accorta e ha chiamato i miei genitori minacciando di farmela pagare …come comportarmi adesso? rischio una denuncia? premettendo che anche loro hanno usato lo stesso metodo ma con insinuazioni più leggere ma sempre moralmente deleterie della mia persona….grazie

  84. Salve avvocato,
    avrei bisogno di un suo parere su diffamazione, calunnie avute da parte di terze persone.Non so cosa mi sia conveniente fare.

    Ho avuto una relazione durata circa 3 anni con una persona scozzese dal 2006 al 2009.
    Ho convissuto con lui per 1anno e mezzo, poi per vari motivi sono tornata in Italia ma abbiamo continuato a star insieme anche se a giugno 2008 mi lascia e poi ad ottobre 2008 torna con un anello e la promessa di matrimonio.
    Nel periodo che sono tornata in Italia ho trovato lavoro, un buon lavoro con contratto a tempo determinato.
    La relazione è andata avanti ma con molti alti e bassi dovuti a stress causati da situazioni di morte di un parente del mio ex partner, divorzio della sorella e la nostra lontananza.

    Il contratto scadeva a fine aprile 2008. Quando lui è tornato con la promessa di matrimonio io ho detto si ma ho espresso che volevo terminare il contratto e poi tornare da lui, quindi all’estero. MAn mano che passavano i mesi ,a lavoro venivo sempre ripresa per futili motivi, il che mi ha causato molto stress e nervoso.sembra che per i primi 8 mesi di lavoro erano tutti contenti di me e del mio lavoro, come hanno saputo o visto l’anello le cose sono cambiate (avevo confidato il fatto ad una collega che credo abbia riferito al mio manager e direttore generale)

    Lui è venuto qui in italia per vedermi ogni mese da ottobre a marzo 2008,ogni volta pero’ c’erano dei battibecchi dovuti allo stress – inoltre lui si è sempre lamentato con me del suo lavoro e ho fatto di tutto per poterlo aiutare nel senso a cercar di fargli capire che se non era contento di trovare altro. Quando ho vissuto con lui gli ho aggiornato il curriculum, varie volte inviato il cv sotto suo consenso o indicato vari link di web site dove poter cercar altro. Ma sono sempre stata attaccata da lui perchè non voleva trovare lavori al di fuori del suo paesino , ma continuava a stressarmi del suo lavoro.

    a fine aprile il contratto non viene rinnovato .Ci sono rimasta male perchè non mi hanno comunicato preavviso e mi son ritrovata a saper il tutto solo chiedendolo da parte mia. io anche se vi ero rimasta male sapevo che avevo qualcos’altro di importante a cui tenevo, tornare da lui e il progetto del matrimonio.

    Invece, la settimana dopo la fine del contratto lui mi telefona e mi dice che è finita senza una spiegazione, dicendomi per telefono che non provava piu nulla per me.
    Tutto mi è crollato addosso, avevo avuto la notizia del lavoro in modo non adeguato e poi lui cosi.

    Non capivo e non riuscivo a spiegarmi cosa gli fosse accaduto, cosi sono andata da lui per una spiegazione, ma non mi ha detto niente , le stesse parole è finita .
    Pero’ lui lho visto piangere, i suoi comportamenti nei miei confronti erano come se non avesse smesso di amarmi. Le parole che mi diceva non mi convincevano.

    c’era qualcosa che non andava.
    sono andata per vari mesi li da lui, anche perchè ho cercato di fare altri colloqui sempre all’estero- lui era sempre teso, nervoso a volte sembrava molto spaventato da me, un giorno mi trattava bene un altro male.
    A volte mi ha puntato il dito in faccia dicendomi che dovevo smetterla di andare li e che lo stressavo di piu.
    Poi mi chiedeva scusa e piangeva…. come vede alquanto strano.

    Ricevo pero’ dopo due settimane dalla rottura della relazione una sua mail dove mi accusa di esaurimento mentale e nervoso da quando aveva iniziato la relazione con me, che non mi aveva mai detto nulla per timore della mia reazione per lo stress che avevo a lavoro e per il mio passato.
    Da quella mail resto esterrefatta, non capivo cosa avessi causato in lui. Sinceramente era una cosa che avrei dovuto dirgli io a lui.
    nel corso della relazione mi ha reso nervosa parecchie volte per la sua insicurezza, dopo 8 mesi di convivenza una sera che avevamo avuto una discussione mi dice di andarmene.(qella sera si precipitarono a casa sua la madre e il fratello per decidere sul da farsi- avvisati da lui che io stavo andando via- ho avuto ore di ansia e stress perchè non volevano che andassi via da sola ma affittarmi una stanza in un albergo. douvetti rimanere a casa da lui con la madre e il fratello e lui lo mandarono a dormire da loro.
    poi, con la madre cercai di placare la situazione e il giorno seguente parlai con lui e restai da lui e continuammo a vivere insiseme.

    Insomma, da tutta questa situazione e da tutte le volte che sono andata a cercare una risposta , chiarimenti da lui per vari mesi dopo avermi lasciata senza una spiegazione…. vengo definita STALKER, PAZZA, MALATA DI MENTE.

    Ho letto molte cose che il fratello di lui e la sorella hanno detto su di me, sono rimasta sconvolta e il tutto mi ha causato ulteriore dolore dopo la rottura della relazione.
    Sono caduta in depressione, dimagrendo.

    Tra le tante cose, sembra che la sorella abbia spinto il fratello piccolo ad andare a parlare con il mio ex e convincerlo a lasciarmi perchè la relazione era una schifezza.
    Io ho sempre cercato di parlare con la sorella, sin dal momento che lui mi caccio di casa. Lei sembrava che all’inizio mi appoggiava , poi pero’ alla fine è stata contro di me.

    MI ha diffamata credo – ho alcune prove ma non so se alla fine queste possano causarmi qualcosa perchè le ho cercate da sola – con tutti i suoi amici, il nuovo partner e anche il vecchio partner che ho conosciuto.
    La sua famiglia o la madre di lui mi ha disprezzato credo sin dall’inizio perchè io non sono una persona ricca – che a me non piace lavorare -.
    Volevo solo prendermi il possesso della casa di lui e la sua pensione.

    Quello che mi sta accadendo ora e non ne posso piu oltre ad essere stata calunniata e diffamata anche se molte persone non le conosco direttamente, continuano a inviarmi messaggi dove mi minacciano di andare da un legale o polizia per farmi condannare.

    Ho dovuto chiedere aiuto al team di facebook perchè la sorella mi ha molestato con dei profili falsi, mi ha inviato mail minatorie che mi faceva querela da un legale quando stavo soffrendo per come ero stata trattata dal fratello.

    Mia madre insieme a me ha perso molti chili e anche a lei questa storia ha causato dolore perchè mi ha visto crollare per la perdita del lavoro e subito dopo la perdita di lui . Lei si è fidata molto di lui e gli voleva bene, vi è rimasta molto male dal suo comportamento senza nemmeno una scusa.

    Io dal canto mio forse presa anche dal continuo stress di queste cose ho messo su facebook la verità che loro non vogliono far sapere. Ho cercato di spiegare al fratello del mio ex partner cosa e quanto dolore mi è stato recato anche perchè ho avuto il rischio ben due volte di rimaner incinta. quando ero con lui ho dovuto prendere la pillola del giorno dopo , datami dall’ospedale del paese. qui in italia il test fatto da me. una cistite causata da lui.

    insomma tutto questo spiegato non è valso a nulla continuano a controllarmi su ogni profilo che ho per vedere se scrivo falsità su loro.

    Io non scrivo falsità ma la verità che loro ritengono non giusta perchè hanno inventato molte cose malvagie su di me e la mia famiglia.

    MI SCUSO DELLA LUNGHEZZA E FORSE CONFUSIONE, SPERO CHE ABBBIA COMPRESO IL MIO PROBLEMA PER DARMI UN COSIGLIO COME IO POSSA MUOVERMI PER DIFENDERMI.

    LA RINGRAZIO INFINITAMENTE
    ALLUVIA

  85. Salve Avvocato, vorrei avere un’informazione. Le spiego:
    ieri mattina mi sono recato in un ufficio del Comune della mia città per sbrigare una pratica; allo sportello si trovava una persona appartenente alla “categoria protetta”. Appena io gli ho detto cosa dovevo fare, questa persona, mentre iniziava l’iter per tale pratica, mi ha detto il prezzo che spendevo e d io gli ho messo sul banco i soldi (una banconata e delle monete); così lui ripone la banconota sotto il bancone e mi da il resto. Quasi alla fine della pratica, mi dice che io non avevo pagato tutto ed esigeva nuovamente la banconota; io gli ho fatto notare che gliela avevo già data ed avevo anche ricevuto il resto. A questo punto lui ha iniziato ad adirarsi sostenento che io sono un “disonesto” e che me ne approfittavo . . . Dopo avergli detto di cercare la banconota dietro il bancone, e per evitare l’imbarazzo di fronte alle altre persone che aspettavano in fila, ho deciso di dare nuovamente un’altra banconota; l’impiegato però ha iniziato a dire che non voleva i soldi di un “ladro” e così ha tirato per terra, con lo stupore di tutti i presenti, la banconota che gli avevo ridato, continuando ad attaccarmi, invitandomi ad andarmene e mettendo egli stesso di tasca propria la banconota che lui diceva mancante. Allora io, preso dalla rabbia per quanto era successo, sono andato a protestare con i suoi superiori, ai quali ho riferito l’accaduto e che mi hanno detto avrebbero chiarito le cose. Fatto sta che la figura del disonesto e del ladro l’ho fatta io di fronte alle persone che erano in fila dietro di me e con i colleghi dell’impiegato.
    La mia domanda è quindi se posso fare qualche azione, non solo contro l’impiegato ma anche, e soprattutto, contro il Comune stesso, in quanto a mio parere per ricoprire determinati posti non possono essere messe persone che hanno difficoltà di memoria . . . La mia intenzione non è quella di far perdere il posto a quella persona, ma solo quello di responsabilizzarlo, perchè qualora ci fosse stato qualcun’altro nella mia situazione, non so cosa potrebbe essere successo in quel preciso momento.
    La ringrazio.

      • Mi perdon Signora e mi perdonino anche gli altri. Son fuori città e sopratutto nella impossibilità di rispondere esaustivamente ai quesiti proposti. Lunedì prossimo cerchero di smaltire l’arretrato.
        Inoltre colgo l’occasione per informarvi nuovamente della prossima attivazione di una piattaforma web che tramuterà ,in parte , il tempo libero che vi sto dedicando in tempo di lavoro. E’ l’unica maniera per potere continuare a fare vivere questo blog,anche se sono consapevole che non tutti saranno d’accordo della scelta adottata

  86. Salve avvocato,
    avrei bisogno di un suo parere su diffamazione, calunnie avute da parte di terze persone.Non so cosa mi sia conveniente fare.

    Ho avuto una relazione durata circa 3 anni con una persona scozzese dal 2006 al 2009.
    Ho convissuto con lui per 1anno e mezzo, poi per vari motivi sono tornata in Italia ma abbiamo continuato a star insieme anche se a giugno 2008 mi lascia e poi ad ottobre 2008 torna con un anello e la promessa di matrimonio.
    Nel periodo che sono tornata in Italia ho trovato lavoro, un buon lavoro con contratto a tempo determinato.
    La relazione è andata avanti ma con molti alti e bassi dovuti a stress causati da situazioni di morte di un parente del mio ex partner, divorzio della sorella e la nostra lontananza.

    Il contratto scadeva a fine aprile 2008. Quando lui è tornato con la promessa di matrimonio io ho detto si ma ho espresso che volevo terminare il contratto e poi tornare da lui, quindi all’estero. MAn mano che passavano i mesi ,a lavoro venivo sempre ripresa per futili motivi, il che mi ha causato molto stress e nervoso.sembra che per i primi 8 mesi di lavoro erano tutti contenti di me e del mio lavoro, come hanno saputo o visto l’anello le cose sono cambiate (avevo confidato il fatto ad una collega che credo abbia riferito al mio manager e direttore generale)

    Lui è venuto qui in italia per vedermi ogni mese da ottobre a marzo 2008,ogni volta pero’ c’erano dei battibecchi dovuti allo stress – inoltre lui si è sempre lamentato con me del suo lavoro e ho fatto di tutto per poterlo aiutare nel senso a cercar di fargli capire che se non era contento di trovare altro. Quando ho vissuto con lui gli ho aggiornato il curriculum, varie volte inviato il cv sotto suo consenso o indicato vari link di web site dove poter cercar altro. Ma sono sempre stata attaccata da lui perchè non voleva trovare lavori al di fuori del suo paesino , ma continuava a stressarmi del suo lavoro.

    a fine aprile il contratto non viene rinnovato .Ci sono rimasta male perchè non mi hanno comunicato preavviso e mi son ritrovata a saper il tutto solo chiedendolo da parte mia. io anche se vi ero rimasta male sapevo che avevo qualcos’altro di importante a cui tenevo, tornare da lui e il progetto del matrimonio.

    Invece, la settimana dopo la fine del contratto lui mi telefona e mi dice che è finita senza una spiegazione, dicendomi per telefono che non provava piu nulla per me.
    Tutto mi è crollato addosso, avevo avuto la notizia del lavoro in modo non adeguato e poi lui cosi.

    Non capivo e non riuscivo a spiegarmi cosa gli fosse accaduto, cosi sono andata da lui per una spiegazione, ma non mi ha detto niente , le stesse parole è finita .
    Pero’ lui lho visto piangere, i suoi comportamenti nei miei confronti erano come se non avesse smesso di amarmi. Le parole che mi diceva non mi convincevano.

    c’era qualcosa che non andava.
    sono andata per vari mesi li da lui, anche perchè ho cercato di fare altri colloqui sempre all’estero- lui era sempre teso, nervoso a volte sembrava molto spaventato da me, un giorno mi trattava bene un altro male.
    A volte mi ha puntato il dito in faccia dicendomi che dovevo smetterla di andare li e che lo stressavo di piu.
    Poi mi chiedeva scusa e piangeva…. come vede alquanto strano.

    Ricevo pero’ dopo due settimane dalla rottura della relazione una sua mail dove mi accusa di esaurimento mentale e nervoso da quando aveva iniziato la relazione con me, che non mi aveva mai detto nulla per timore della mia reazione per lo stress che avevo a lavoro e per il mio passato.
    Da quella mail resto esterrefatta, non capivo cosa avessi causato in lui. Sinceramente era una cosa che avrei dovuto dirgli io a lui.
    nel corso della relazione mi ha reso nervosa parecchie volte per la sua insicurezza, dopo 8 mesi di convivenza una sera che avevamo avuto una discussione mi dice di andarmene.(qella sera si precipitarono a casa sua la madre e il fratello per decidere sul da farsi- avvisati da lui che io stavo andando via- ho avuto ore di ansia e stress perchè non volevano che andassi via da sola ma affittarmi una stanza in un albergo. douvetti rimanere a casa da lui con la madre e il fratello e lui lo mandarono a dormire da loro.
    poi, con la madre cercai di placare la situazione e il giorno seguente parlai con lui e restai da lui e continuammo a vivere insiseme.

    Insomma, da tutta questa situazione e da tutte le volte che sono andata a cercare una risposta , chiarimenti da lui per vari mesi dopo avermi lasciata senza una spiegazione…. vengo definita STALKER, PAZZA, MALATA DI MENTE.

    Ho letto molte cose che il fratello di lui e la sorella hanno detto su di me, sono rimasta sconvolta e il tutto mi ha causato ulteriore dolore dopo la rottura della relazione.
    Sono caduta in depressione, dimagrendo. ( forse puo’ capire che non ho fatto qualcosa di legale ma l’ho fatto perchè avevo il sentore di tutte queste bugie e prese in giro – ero depressa e non capivo piu’ nulla di cio’ che facevo- ma le dico che lho fatto solo per capire la verità)

    Tra le tante cose, sembra che la sorella abbia spinto il fratello piccolo ad andare a parlare con il mio ex e convincerlo a lasciarmi perchè la relazione era una schifezza.
    Io ho sempre cercato di parlare con la sorella, sin dal momento che lui mi caccio di casa. Lei sembrava che all’inizio mi appoggiava , poi pero’ alla fine è stata contro di me.

    MI ha diffamata (– ho alcune prove ma non so se alla fine queste possano causarmi qualcosa perchè le ho cercate da sola )– con tutti i suoi amici, il nuovo partner e anche il vecchio partner che ho conosciuto.
    La sua famiglia o la madre di lui mi ha disprezzato sin dall’inizio perchè io non sono una persona ricca – che a me non piace lavorare -.
    Volevo solo prendermi il possesso della casa di lui e la sua pensione.Tutte queste cose non le ho lette da alcune mail e non so se la sorella del mio ex partner si è inventato tutto.

    Quello che mi sta accadendo ora e non ne posso piu oltre ad essere stata calunniata e diffamata anche se molte persone non le conosco direttamente, continuano a inviarmi messaggi dove mi minacciano di andare da un legale o polizia per farmi condannare.

    Ho dovuto chiedere aiuto al team di facebook perchè la sorella mi ha molestato con dei profili falsi, mi ha inviato mail minatorie che mi faceva querela da un legale quando stavo soffrendo per come ero stata trattata dal fratello.

    Mia madre insieme a me ha perso molti chili e anche a lei questa storia ha causato dolore perchè mi ha visto crollare per la perdita del lavoro e subito dopo la perdita di lui . Lei si è fidata molto di lui e gli voleva bene, vi è rimasta molto male dal suo comportamento senza nemmeno una scusa.

    Io dal canto mio forse presa anche dal continuo stress di queste cose ho messo su facebook la verità che loro non vogliono far sapere. Ho cercato di spiegare al fratello del mio ex partner cosa e quanto dolore mi è stato recato anche perchè ho avuto il rischio ben due volte di rimaner incinta. quando ero con lui ho dovuto prendere la pillola del giorno dopo , datami dall’ospedale del paese. qui in italia il test fatto da me. una cistite causata da lui.

    insomma tutto questo spiegato non è valso a nulla continuano a controllarmi su ogni profilo che ho per vedere se scrivo falsità su loro.

    Io non scrivo falsità ma la verità che loro ritengono non giusta perchè hanno inventato molte cose malvagie su di me e la mia famiglia.

    In queste ultime settimane ho ricevuto nuovamente brutti commenti sul profilo di facebook dove ci sono 19 ragazziini di una scuola primaria a cui ho insegnato.
    Oltre questo, il fratello del mio ex mi ha continuato ad inviare mail nella mia posta e non volendo rispondere ha continuato – ho dato la mia risposta sul profilo perchè sono stufa di queste accuse, di farmi deridere da loro ancora dopo cio’ che hanno fatto- dopo questo mi ha inviato un’altra mail in copia mia mia sorella , al che mi sono sentita di rispondere dicendogli molte cose che non sapeva – ma a tutte le mie domande non ha risposto ha solo continuato a dire che sono cose del passato.
    che io avrei inviato dei messaggi a molte persone diffamando la sorella (questa sorella dopo la fine del suo matrimonio si è trovato un nuovo partner su un sito dating a pagamento – avendolo scoperto sempre leggendo le mail si è accanita contro di me e ha creato un altro profilo falso per accusarmi di aver fatto queste cose di cui ora parlano e mi accusano. di aver contattato la ex moglie del nuovo partner e di aver messo in pericolo 3 figli che ha questo uomo.

    ora come devo comportarmi???

    MI SCUSO DELLA LUNGHEZZA E FORSE CONFUSIONE, SPERO CHE ABBBIA COMPRESO IL MIO PROBLEMA PER DARMI UN COSIGLIO COME IO POSSA MUOVERMI PER DIFENDERMI.

    LA RINGRAZIO INFINITAMENTE
    ALLUVIA

  87. Gentile Avvocato,
    sono una insegnante precaria che, purtroppo, lavora saltuariamente grazie a supplenze che mi vengono assegnate. Premetto che la materia che insegno è la religione cattolica e sono diplomata all’Ist. Magistrale dal 1988.
    Purtroppo, o per fortuna, la lista degli insegnanti non dipende dallo stato ma dalla Curia della Diocesi in cui si fa la domanda di inserimento in graduatoria e l’idoneità all’insegnamento dipende dal Vescovo della Diocesi d’appartenenza.
    Ieri mi sono recata nella Diocesi vicina alla mia presso la quale ho lavorato nello scorso anno scolastico per rinnovare la domanda d’inserimento.
    Mi sono trovata davanti ad un rifiuto per i seguenti motivi:
    1- Il preside di un istituto, dove ho terminato il mio incarico a febbraio, ha interpellato dopo Pasqua, il responsabile dell’ufficio scuola lamentando, a suo dire, la mia severità verso il comportamento scolastico, cioè di studio, dei bambini, peraltro non provato ma per sentito dire da lamentele di genitori che avevano riscontrato un aumento dei compiti per casa, a mio dire irrisorio, trattandosi di schede per bambini da colorare…
    2- L’arrivo in ufficio in data 5 giugno di una lettera anonima che mi diffama letteralmente e mi offende per comportamento mai avuto nei confronti dei bambini. Comportamento, peraltro, provato in mia difesa, da insegnanti che sono state in compresenza durante le mie lezioni.

    Ora mi chiedo, essendo stata respinta dall’ufficio per questi motivi, posso sporgere denuncia contro ignoti?
    Posso denunciare anche il sacerdote che non ha voluto sentire ragioni?

    Premetto che la lettera è custodita nella mia cartellina personale dell’ufficio ma mi è stata negata la copia.

    La ringrazio e spero, per quanto Le sia possibile, di avere una rapida risposta vista l’urgenza della questione in sospeso.

    Distinti saluti, Mipple.

  88. PS: a completamento della descrizione dell’accaduto, preciso che sono venuta a conoscenza di maldicenze (sulla mia severità) di due insegnanti, probabilmente riferite al preside, che, purtroppo, difficilmente verranno testimoniate pubblicamente da altre colleghe, e, in riferimento alla lettera anonima, la stessa è firmata “un papà e una mamma”, e non “i genitori della classe xxx”, e mi accusa di aver torturato fisicamente e psicologicamente con punizioni fisiche e psicologiche i bambini al punto da crear loro incubi notturni. Specifico che da anni faccio catechismo in parrocchia e i miei bambini mi adorano, inoltre altri bambini da me incontrati sul lavoro, se occasionalmente li trovo in giro per negozi o piazze, mi salutano e mi abbracciano…
    Grazie di nuovo.
    Mipple.

  89. Buonasera Avvocato,
    per questioni di lavoro ho richiesto e poi certificato l’orario svolto da personale di una ditta di montaggi esterna.
    Al momento della resa dei conti, il titolare della azienda dove lavoro ha chiesto (a mia insaputa) la verifica di tale orario a un collega che aveva utilizzato in parte tale manodopera.
    1) Tale collega sottopressione ha dichiarato al titolare, senza che io lo sapessi, che tali ore (da me controfirmate) erano più del doppio di quelle realmente effettuate.
    2) Il titolare forte di questa “testimonianza” ha inviato (a mia insaputa) al titolare della ditta esterna di montaggi una e-mail riportando la dichiarazione del mio collega, screditando la mia certificazione e ipotizzando la mia “disonestà” e quella di alcuni responsabili della ditta di montaggio.
    3) I responsabili della ditta di montaggio mi giravano l’e-mail e io leggendola mi sono infuriato e ho risposto a tono (copiando tutti: Responsabili ditta esterna, Titolare e collega) chiamando meschino il comportamento del mio titolare e inattendibile il mio collega dandogli del confusionario, incompetente e superficiale.

    Quali reati si delineano per il titolare, per il mio collega e per me stesso?

    Grazie mille in anticipo per la sua risposta

    • Buongiorno Avvocato,
      Il mio collega ha fatto scrivere al suo legale una lettera raccomandata dove mi chiede di spedire una lettera di scuse a tutti i destinatari dell’e-mail da me inviata e da lui considerata diffamatoria, oltraggiosa e lesiva all’onore personale e professionale. Se non risponderò entro domani Giovedì 8 Luglio il legale è incaricato di procedere contro di me per diffamazione.

      Pertanto, se lei potesse, avrei bisogno di una risposta prima dell’ultimatum di domani.

      Per chiarire ulteriormente, faccio presente che dopo un paio d’ore dalla prima e-mail ho inviato una seconda e-mail (a tutti) dicendomi dispiaciuto per quanto detto del mio collega, per il tono eccesivamente veemente, ma sottolineando che il fatto che mi avesse screditato con il titolare e indirettamente con gli altri mi aveva mandato in bestia e per ciò così di getto avevo risposto.

      Non mi fido a inviare una lettera di scuse, perche non capisco com’è che l’avvocato ignora il fatto che già ho inviato, in pratica immediatamente, l’e-mail dove ritrattavo quanto di gratuitamente offensivo ritenevo aver detto. D’altronde una lettera di scuse mi sembra una tacita ammissione di colpa, cosa che non ritengo minimamente di avere, essendo stato provocato dal mio collega (credo involontariamente) da un offesa maggiore quale lo screditarmi con il titolare; tanto più ch’egli non ha neanche ritrattato quanto dichiarato e palesemente scorretto.

      La ringrazio comunque per l’aiuto che forse vorrà darmi,

      Distinti Saluti

      • Se lei crede fermamente di ciò che riferisce non abbia difficoltà a difendersi nerlle sedi opportune . Un diverso atteggiamento non sarebbe frutto di un attenta ponderazione di tutti gli elementi che lei descrive nella vicenda

      • Grazie Avvocato per la risposta,
        ma in effetti volevo sapere se l’affermazione verbale, fatta alle mie spalle dal mio collega al nostro
        ttitolare e la successiva comunicazione scritta, fatte a mia insaputa dal titolare ai Resp. della ditta
        esterna costituiscano reato e nel caso quale.
        Il problema è il mio controattacco, non tanto la mia difesa.

        Io mi sono limitato a difendere il mio operato, ma loro agendo così scorrettamente (a mio parere)
        e ora addirittura accusandomi, sempre senza chiamarmi neanche per un chiarimento verbale, non sono denunciabili?

        Grazie di nuovo per la risposta che vorrà darmi,

      • E’ proprio questo il punto. Solo un accurata strategia processuale potrà fare emergere quanto lei sostiente e quindi proscioglierla da ogni accusa

  90. Buona sera Avvocato,
    mi dispiace disturbarla di nuovo, ma come piu’ volte da lei richiesto le ho inviato il mio post a cui non ha risposto.

    come posso avere un aiuto da lei? un consiglio.

    La ringrazio vivamente
    Alluvia

  91. Gentile Avvocato,
    sono una insegnante precaria che, purtroppo, lavora saltuariamente grazie a supplenze che mi vengono assegnate. Premetto che la materia che insegno è la religione cattolica e sono diplomata all’Ist. Magistrale dal 1988.
    Purtroppo, o per fortuna, la lista degli insegnanti non dipende dallo stato ma dalla Curia della Diocesi in cui si fa la domanda di inserimento in graduatoria e l’idoneità all’insegnamento dipende dal Vescovo della Diocesi d’appartenenza.
    Ieri mi sono recata nella Diocesi vicina alla mia presso la quale ho lavorato nello scorso anno scolastico per rinnovare la domanda d’inserimento.
    Mi sono trovata davanti ad un rifiuto per i seguenti motivi:
    1- Il preside di un istituto, dove ho terminato il mio incarico a febbraio, ha interpellato dopo Pasqua, il responsabile dell’ufficio scuola lamentando, a suo dire, la mia severità verso il comportamento scolastico, cioè di studio, dei bambini, peraltro non provato ma per sentito dire da lamentele di genitori che avevano riscontrato un aumento dei compiti per casa, a mio dire irrisorio, trattandosi di schede per bambini da colorare…
    2- L’arrivo in ufficio in data 5 giugno di una lettera anonima che mi diffama letteralmente e mi offende per comportamento mai avuto nei confronti dei bambini. Comportamento, peraltro, provato in mia difesa, da insegnanti che sono state in compresenza durante le mie lezioni.

    Ora mi chiedo, essendo stata respinta dall’ufficio per questi motivi, posso sporgere denuncia contro ignoti?
    Posso denunciare anche il sacerdote che non ha voluto sentire ragioni?

    Premetto che la lettera è custodita nella mia cartellina personale dell’ufficio ma mi è stata negata la copia.

    La ringrazio e spero, per quanto Le sia possibile, di avere una rapida risposta vista l’urgenza della questione in sospeso.

    Distinti saluti, Mipple.

    PS: a completamento della descrizione dell’accaduto, preciso che sono venuta a conoscenza di maldicenze (sulla mia severità) di due insegnanti, probabilmente riferite al preside, che, purtroppo, difficilmente verranno testimoniate pubblicamente da altre colleghe, e, in riferimento alla lettera anonima, la stessa è firmata “un papà e una mamma”, e non “i genitori della classe xxx”, e mi accusa di aver torturato fisicamente e psicologicamente con punizioni fisiche e psicologiche i bambini al punto da crear loro incubi notturni. Specifico che da anni faccio catechismo in parrocchia e i miei bambini mi adorano, inoltre altri bambini da me incontrati sul lavoro, se occasionalmente li trovo in giro per negozi o piazze, mi salutano e mi abbracciano…
    Grazie di nuovo.

  92. Buonasera Avvocato,
    mi dispiace disturbarla di nuovo ma vorrei capire perchè, vedendo i suoi interventi negli altri post, al mio non ha dato risposta, forse è di così poca importanza?
    Basta saperlo…
    Grazie e scusi il disturbo.
    Mipple

    • Gentile Signora -le chiedo scusa dela mia disattenzione ed ecco pronto a rispondere al suo quesito.
      ritengo che le problematiche da lei evidenziate debbano provocare una risposta dall’Autorità a cui lei si è rivolta. Le consiglio quindi di scrvere una lettera in cui le riassume le sue doglianze ,minacciando che la mancata risposta comporterà una denuncia per omissione di atti di ufficio a seguito della mancata risposta nei trenta gg dal ricevimento della presente . Da un esame attento della documentazione si potrebbe anche ipotizzare un delitto di abuso di ufficio ,laddove si riscontrasse una violazione di legge o di regolamento ,come prescritto daal’art 323 c.p.. In entrambi i casi le consiglierei di rivolgeri ad un legale per dare veste giuridica a quanto lei scriverà nell’esposto

      • La ringrazio molto per il consiglio.
        Nel frattempo, due mie colleghe, in ruolo da anni presso la scuola, hanno telefonato all’ufficio scuola parlando col diretto interessato per avere un appuntamento di persona allo scopo di contraddire ciò che la lettera accusa portando, invece, le mie difese e descrivendo il mio operato ed i suoi esiti più che positivi sui bambini ai quali loro insegnano da anni. Il responsabile ha avuto solo un colloquio telefonico con esse dicendo che tutto ciò che loro hanno riportato gli sarebbe stato utile e, ringraziandole, ha detto che non si necessitava di un incontro di persona nel suo ufficio. Purtroppo, però, io non ho ancora ricevuto riscontri da questa cosa, anche perchè lui mi aveva già detto che per ripensarci avrebbe avuto tempo tranquillamente fino a metà settembre.
        Secondo Lei, devo aspettare, come consigliato dal responsabile, o conviene che mi muova indipendentemente dalla risposta?
        Grazie di nuovo e scusi se Le ho fatto premura.
        Mipple

  93. Delle signore mi hanno dato del gay, ecc.. (cosa non vera), mentre sparlavano tra di loro, un mio amico ha sentito ed è venuto a riferirmelo, sussistono gli elementi per presentare una querela? … in caso si vada in tribunale il mio amico deve testimoniare?

  94. Salve,una persona che ritenevo di mia fiducia ha pubblicato meno di un mese fa il suo libro con tutta la mia vita privata la mia malattia le mie emozioni ecc. e il mio diario.Premetto che questa persona non aveva il mio consenso e prima della stesura era stata avvisata di non pubbliccare niente della mia vita.Purtroppo l’ha fatto con la furbizia di usare un nome inventato ma tutto ciò che è scritto fa risalire a me.Le faccio notare che nel libro il nome inventato vive nel mio stesso paese,svolge il mio stesso lavoro ecc., cè anche una parte del mio manoscritto scritto di mio pugno ma non cè in quelle frasi il mio nome.E poi tutta la stesura è fatta in modo che tutti capiscano che sono io dal momento che io con questa persona abbiamo una società in comune.Le chiedo gentilmente cosa posso fare?

  95. Ill.Avv.le scrivo per chiederLe consiglio,3 giorni fa ho inviato un sms,non presentandomi,ad un signore il cui numero avevo trovato in rete su internet.Nello stesso sms chiedevo una cosa e gli davo del fallito.Dopodichè questo signore si è irritato e ha cominciato ad offendermi,io non l’ho più offeso e ho scritto che finiva lì.Però questo signore ha continuato ad offendermi anche volgarmente.Senonchè dopo un pò il tal signore mi ha scritto che andava ai carabienieri e mi denunciava per molestie via sms per il semplice fatto che non conosceva la mia identità.Posto che,non credo sussista una querela per molestie laddove l’altro utente mi ha anche risposto,le chiedo se tuttavia sussista una querela per ingiuria,nei miei confronti.La ringrazio per la risposta che vorrà darmi

  96. salve avvocato… tramite fb ho conosciuto una persona… dopo esserci incontrati era diventata una cosa insopportabile, continui sms , chimate e messaggi privati in fb… le ho detto che se non la finiva la denunciavo… dopo averla bloccata e quindi non potendo leggermi ho ingenuamente accettato un amicizia , era lei e leggendo una frase che diceva che era pazza , dice che ha sporto querela per diffamazione… devo aspettarmi qulche sorpresa o andrà tutto nel cestino? e se si che posso fare? deve comunque dimostrare che è stata scritta da me… ma chiunque può entrare una volta avuta la password in fb…
    Distinti saluti…

  97. Spett.le avvocato, qualche giorno una collega ha subito un furto sul luogo di lavoro. Adesso tre nostri colleghi girano in azienda dicendo che sono stata io (accusa infondata, non hanno prove e non sono stata io.).
    Alcuni colleghi me lo hanno riferito dicendomi che sono certi di quello che hanno sentito, e che non credono ad una delle loro parole.
    Posso querelarli per diffamazione? E qual è l’iter che devo seguire? Mi devo rivolgere ad un avvocato civilista o penalista o ai carabinieri?
    Grazie.

  98. salve avvocato, volevo porle due quesiti, riguardo ad un fatto accaduto in ambito lavorativo..
    Ho commesso una leggerezza (non furto) al lavoro, praticamente dovevo aquistare del materiale nell’azienda dove lavoro, mi sono fatto aiutare da un altro dipendente a prelevarla, ed ho lasciato la lista del materiale(che puo’ assere pagato dopo un mese) ad un addetto anziche’ ad un altro. da una verifica dell’inventario e’ emerso che il materiale mancava cosi’ il datore di lavoro mi ha messo subito alla porta…sono venuto a sapere da un mio collega , (registrando la telefonata) che il datore, in un altra filiale della ditta, davanti a lui ed altri dipendenti, ha esclamato ad alta voce che io ero un ladro e che loro mi avrebbero sempre coperto, anche da altri furti commessi in passato nell’azienda. la notizia poi si e’ sparsa anche in tutte le altre filiali ( 5o 6), cosicche’ sono passato da ladro (anche qui’ da testimoni fonici registrati).Risultato che mi sono dimesso, visto che non potrei mentalmente lavorare in un contesto simile…..sono venuto a sapere poi, inoltre, sempre da un testimone fonico registrato, che l’anno scorso era stato trasferito da una sede ad un’altra dell’azienda, non per motivi tecnici, ma bensi’ perche’ ero sospettato e accusato di furti avvenuti (incredibile)…. Volevo sapere, dato che ho testimoni registrati fonicamente, tutte che confermano la pesante diffamazione, sia nel posto del ”reato”, sia per la propagazione della diffamazione e sia per il trasferimento , quante possibilita’ ho di vincere la causa(che faro’), e di quanto si puo’ essere risarciti, a grandi linee da una diffamazione del genere. Inoltre sto cercando un altro lavoro da gente che conosco, ma questi hanno saputo il fatto e mi hanno fatto problemi…sono veramente affranto, depresso e quant’altro, riesce a capirmi..?

    grazie, le sarei grato per una sua eventuale risposta.

    • Gli elementi di prova sno fondamentali per un reato di tal genere. Quindi incaricherei un avvocato per la vicenda che comunque ha buone possibilità di vederle soddisfatta delle sue pretese risarcitorie

  99. Vorrei chiederle una informazione per capire se nel caso che sto per esporle si ravvisi il reato di diffamazione.
    Qualche mese fa in collegamento su facebook, ho notato che alcuni personaggi hanno creato una pagina con il preciso intento di calunniare una mia proprietà al quale interno mia figlia di 25 anni gestisce una attività turistico-balneare con relativo parcheggio per i camper.La pagina era gestita dalla moglie di un politico a livello provinciale e guarda caso l’amministratore della stessa era il politico con il preciso intento di far chiudere l’attività che a detta di loro è pregiudizievole alla vista delle loro belle case abusive e scrivendo altre falsità che potevano e possono ancora incidere in maniera negativa sull’attività esercitata da mia figlia.
    Utilizzando la password di mia figlia con impeto ho risposto per chiarire la mia posizione e mettendo in luce argomenti in negativo che riguardavano gli stessi cioè la parte che oggi si definisce offesa la quale (probabilmente il padre) ma io ho scritto le generalità della figlia che aveva utilizzato il mio fondo discaricando materiale di risulta, installando e interrando per circa mezzo metro in maniera arbitraria tubi e e fili elettrici che attraversavano un altra villetta d’accordo con lo stesso per un perimetro di circa 200 mt. per prelevare acqua di mare utilizzata per riempira una piscina abusiva e ridiscaricarla nel mio terreno, il tutto è stato verbalizzato al momento della scoperta dagli organismi competenti quali l’ufficio ecologia, capitaneria del porto e guardia costiera. Pensavo che il reato di appropriazione indebita di proprietà l’avessero fatto loro ed anzi ero in attesa di ricevere notizie da parte degli organismi atti al controllo. A distanza di tempo viene recapitata a mia figlia una vviso di comparizione per il reato di diffamazione nei confronti della moglie del politico. Se un cittadino si difende da false accuse lanciata da una pagina web, può dopo subire persino il reato di diffamazione dagli stessi che l’avevano diffamata? addirittura la pagina creata conteneva chiaramente le foto della mia proprietà? grazie attendo con ansia una sua risposta.
    P.S. Vorrei accompagnare mia figlia dal magistrato e spiegare che se reato è stato commesso sono stata io a commetterlo.

  100. Egregio avvocato,
    qualche giorno fà un giornale locale ha riferito di un accaduto in una scuola e senza fare il mio nome ha narrato di fatti che purtroppo riguardano una querela e controquerela. Dai dati dell’articolo si parla delle classi in cui insegno e della materia di cui sono l’unica titolare nella scuola, dunque sono stata facilmente identificata da chi conosce la mia condizione lavorativa e personale. Il giornale non è entrato in altri particolari ma nella versione internet poi nelle discussioni una ragazza ha invece aggiunto delle notizie commentando l’articolo che ledono la mia onorabilità (riferendo particolari circa il fatto che sia stata in cura per depressione, che abbia detto di “suicidarmi” che sia stata una assenteista….).
    Si ravvisa secondo Lei una diffamazione a mezzo stampa. Devo denunciare la testa e la ragazza che non si è firmata o solo la ragazza?.
    Grazie

  101. Buona sera avvocato.

    Mi ano denunciato per hacker e per divulgare datti aziendali, le prime indagini per hacker sono cadute,adesso manca le indagini per divulgazione datti aziendali,bene io non o fatto nulla di quello che mi accusano, il mio caso grazie a il legale di xxxx a fatto uccire sui giornali
    le accuse con nome e cognome ( poi scanarizzate e mandate a clienti) il bello di tutto e che adesso mi trovo senza lavoro ,diffamato,senza podermi difendere di false accuse mentre durino le indagini.la gente mi dice che continua a diffamare pero non vogliono metterci in mezzo.
    cosa posso fare perche finisca questo incubo?
    grazie

  102. salve Avv. vorrei un consiglio se è possibile. Qualche giorno fà Ho scoperto che un’ amica di mia moglie si è permessa di dire al telefono che io tratto mia moglie da tro……. e il consiglio che le dava era quello di lasciarmi.
    Posso denunciare questa persona o querelarla, avendo i tabulati telefonici con la conversazione?

  103. salve..vorrei avere delle info su una cosa che sta succedendo nel mio paese:gira una lettera denigratoria su delle persone..ed un sito web l’ha letta in un video pubblico cambiando i nomi e trasformandoli in quelli dei cartoni animati…il sito può essere querelato???grazie mille..ps il comune ha già sporto querela verso ignoti e forse anche verso il sito

  104. Buongiorno avvocato, le vorrei chiedere un consiglio qualora fosse possibile, le spiego il mio problema:
    Qualche mese fa ho accettato su Facebook l’amicizia di una donna.
    Inizialmente si facevano normali conversazioni. Quando decisi di non parlarle più scoppiò un casino.
    Sostanzialmente vorrei sapere se nonostante venga chiesto di smettere di scrivere si persisti e per di più vengano scritte queste cose :
    “28 ottobre alle ore 16.23 Segnala
    sappi che potrei farti molto male anche solo perchè l’hai cercato…non farmi innervosire sono a un tiro di schioppo …hai già fatto abbastanza direi! Limitati… ”

    “28 ottobre alle ore 16.21 Segnala
    e così sei proprio idiota…poveraccia! Evita di avvicinarti ai miei amici o altro…esci dalla mia vita immediatamente non intendo condividere niente con te chiaro…??? Togli Mark dai tuoi amici o ti vengo a fare un cu*o come una capanna CHIARO? LEVATI DALLE PALLE…O TI CI LEVO IO TU NON CONDIVIDI NIENTE CON ME QUESTA VOLTA SERENA NON SCHERZO PER NIENTE COME HAI VISTO IO FACCIO QUELLO CHE DICO!”

    Sottolineo il fatto che io non “ho cercato” nessuno in quanto fu la stessa persona (MARK) a cercarmi personalmente e che, a differenza di quanto continui ad affermare, io non avevo piu contatti con il mittente delle mail ma avveniva regolarmente il contrario. Al mittente è stato espressamente chiesto piu volte di lasciarmi in pace ma persiste e insiste dicendo che a contattarlo sono io.

    Dopo di che vengo contatta da altri accounto della stessa persona che continuano a mandare email private, vengono contattati i miei famigliari ed amici utilizzando anche diversi nomi.
    A causa del suo comportamento io devo stare attenta ad utilizzare tutti i social networke mi è capitato di dover avere discussioni con persone a me care ed anche sconosciuti.
    Vengo ricontattata in altri social network e diffamata pubblicamente con affermazioni come “Attenzione al contatto XY che si chiama (mette le mie vere generalità) non è di (nome della città in cui mi trovo) ma è una MITOMANE” oppure consiglia a tutto ilsocial network di segnalrmi.
    Posso denunciarla? O querelarla? La prego di aiutarmi e la ringrazio.

    Grazie mille

    P.s. posseggo tutte le mail ricevute e i post da lei pubblicati con precisi orari e date.

  105. Salve Avvocato,
    sono una docente. Pochi giorni fa dalla Preside sono venuta a conoscenza che alcuni alunni della mia classe, tramite i loro genitori, mi accusano ingiustamente (come possono testimoniare colleghi e persone presenti alle mie lezioni: educatori e docenti di sostegno) di accuse molto gravi e vorrei sapere se ci sono gli estremi per una denuncia, anche se io non ancora letto la lettera. Sembra che le accuse vadano dall’esaurimento nervoso alla scarsa equità fino addirittura all’accusa di scarsa igiene personale, che sebbene clamorosamente falsa e che chiunque può smentire, mi sembra che sia anche poco rilevante ai fini del mio ruolo e della mia funzione. Addirittura mi sono sentita dire che il mio abbigliamento non è adeguato e quasi ridicolo: questo quanto riferito dai genitori, ma la stessa preside alla mia presenza ha potuto constatare il contrario (magari originale e non anonimo ma non certo inadeguato o altro..).
    Dubito che sia un modo per attaccarmi (anche su altri fronti) per non essere da me “attaccati”, ammesso che i miei rilievi alle famiglie siano attacchi e non consigli volti ad un loro coinvolgimento nell’educazione dei figli.
    Le ripeto che le accuse mossemi sono ingiuste, e che ho sentito la mia dignità fortemente lesa, soprattutto quando la Preside mi riferiva le accuse e mi faceva alzare per valutare come ero vestita. Anzi posso dire che non mi sono sentitra mai così umiliata nella mia vita.
    Come devo comportarmi?
    Grazie per qualsiasi consiglio voglia darmi.
    Cordiali saluti

  106. Salve
    quest’oggi ho avuto una discussione con la maestra di mio figlio, perchè lo accusano ingiustamente di cose non vere premetto che ha 10 anni, ma il problema da una parte è risolto, la maestra si è rivoltata verso di me minacciandomi che mi denuncia per diffamazione in quanto lei dice di avere 10 testimoni, che testimonierebbero il fatto che io gli ho dato della pazza e della svalvolata nel momento in cui lei non era presente, che io mi ricordi non l’ho detto e se lo avessi detto è perche evidentemente in quel momento ero arrabiata per il comportamento che sta assumendo nei confronti di mio figlio.
    A questo punto potrei io denunciarla per minaccie visto che mi ha detto stai attenta che ti denuncio per diffamazione? io ho semplicemente se lei è convinta lo faccia.
    A che vado in contro, quello poco male ma il problema piu grande è potro continuare a portare mio figlio a quella scuola?

    grazie distinti saluti

  107. Buongiorno Avvocato,
    sono un insegnante di scuola superiore e vorrei dei consigli riguardo ad una vicenda che mi ha coinvolto personalmente. La scorsa setttimana si è tenuta presso la mia scuola una riunione, in gran segreto, richiesta direttamente dalla rappresentante dei genitori di una classe nella quale si richiedeva la presenza del nostro dirigente scolastico e del coordinatore di classe. Premesso questo, all’indomani di questa riunione, il preside mi convoca nel suo ufficio consegnandomi una lettera nella quale mi chiede dei chiarimenti in merito ad un paio di vicende (ben distinte l’una dall’altra) accaduti una ad ottobre l’atra ai primi di novembre e per le quali un manipolo di genitori (cinque/sei, voluti rimanere nell’anonimato) avevano sottoscritto una lettera di lamentela circa i miei atteggiamenti e comportamenti da docente; del contenuto e degli autori della lettera dei genitori il mio dirigente riferisce di non voler dire nulla, ma sbirciando dalla lettera di richiesta di chiarimenti intuisco che ci si riferisce ad un episodio in cui sarei stato accusato di aver dato del “testa di c***o” e “c******e” . ad uno studente; l’unica cosa che il dirigente aggiunge verbalmente è che si tratta di una situazione abbastanza delicata e, di fronte alle mie ulteriori richieste (essendomi alquanto alterato sulla falsità di certe affermazioni), il dirigente mi invita a non andare a fondo, di dare soltanto, sempre se lo ritenessi opportuno, le risposte per iscritto ai chiarimenti sugli episodi contestatomi ma di non fare altro (contattare i genitori, chiedere di visionare il contenuto e i firmatari della lettera) perchè altrimente ciò avrebbe potuto aggravare la situazione.
    Siccome ricordo bene che l’episodio è riferito ad un mio rimprovero verbale conseguente alla rottura di un vetro del nostro istituto durante la pausa in cui oltre ad aver alzato il tono di voce non mi solo assolutamente permesso di offendere con parole l’allievo (erano presenti due personale a.t.a. che potrebbe testimoniare) vorrei a questo punto tutelare anche la mia persona verso certe illazioni e accuse infondate. Mi sento un po’ messo alla gogna ingiustamente per aver fatto il mio lavoro di docente con serietà, forse troppa, e non vedo assolutamente una collaborazione da parte di queste famiglie! Ad ogni modo ho deciso che risponderò al mio superiore sulle vicende; nello stesso tempo però, E LE CHIEDO, verso queste famiglie, cosa mi consiglia di fare?
    Avrei innanzitutto diritto di chiedere al dirigente scolastico (anche se me lo ha sconsigliato) la visione degli atti amministrativi (la lettera dei genitori presente al protocollo) per conoscere contenuto e individuare i nominativi della persone firmatarie? ESISTE, di fronte a questa accuse, un ipotetico reato di calunnia e diffamazione nei miei confronti?
    Nel caso di risposta affermativa mi consiglia di scrivere una specia di diffida direttamente i firmatari ?

    Grazie per la risposta,
    Andrea

  108. Salve Avv.,
    suono in una band locale e un mese fà abbiamo avuto dei problemi con un componente e si è deciso insieme, senza la presenza di quest’ultimo, di escluderlo, perchè poco serio.
    Ho scoperto che tale persona sta diffondendo la notizia che la decisione di escluderlo sia stata completamente mia.
    Siccome questa notizia non è vera e nella notifica dell’esclusione gli è stato palesemente detto che la decisione era stata presa da tutti i componenti, potrei denunciare questa persona per diffamazione?

    Grazie

  109. gentile avvocato
    io volevo chiedere se e da considersi diffamazione dire in un post su un blog qualunque che una persona e un truffatore o scrivere un articolo in cui si accusa una persona di essere un truffatore considerando il fatto che pero si hanno le prove per dimostrare che questa persona ha pubblicamente truffato i suoi clienti commettendo un reato.
    Considerando anche l’art 20 della costituzione che sancisce il diritto di libera opionione e stampa
    grazie della sua risposta

  110. Egregio Avvocato,

    ho una domanda da farle.

    Circa 5 giorni fa, parlando con Caio al telefono, mi ha chiesto cosa fosse successo con Sempronio. Io ho risposto a Caio che ho avuto un diverbio con Sempronio il quale non si era comportato adeguatamente con me.

    Sempronio è venuto quindi a sapere che ho parlato al telefono con Caio,e mi ha detto che avrebbe parlato con Caio, e che se mi avrebbe denunciato in caso avessi “sputtanato” la sua persona. Volevo chiederle gentilmente se ci sono gli estremi per qualsiasi tipo di denuncia o querela in base a quello che ho detto. Inoltre, vorrei anche chiederle, se senza che me ne rendessi conto, altre persone abbiano ascoltato la mia conversazione telefonica, cambierebbe qualcosa?

    Grazie mille per la sua disponibilità

  111. Egregio Avvocato,

    si rischia querela d’inguria, nel caso si chiami una persona con l’appellativo di “stronzo” per via telefonica? Il caso si è verificato seguito ad una provocazione che è la seguente: Tizio incarica un avvocato per una certa pratica. Tale professionista non ottempera pienamente alle informazioni nei confronti del cliente, anzi quando chiamato non si fa trovare, da un email non valida, il cui messaggio non viene recapitato. Nell’arco di un anno lo si riesce a contattare solo una volta. Questo per avere info in merito all’avanzamento della pratica. Ritentando un altro contatto, nell’arco di 4 mesi (ottobre-gennaio), risponde solo in seguito ad una raccomandata inviatogli per chiedere un contatto. La mancanza di reperibilità dunque ricorrente e una volta l’avvocato dice al cliente che lo si sta disturbando. Non è quindi presente quando si ha bisogno di consulenza e consigli. In seguito a ciò il cliente commette un errore per ingenuità, che consiste nel prendere un contatto con un medico legale, cosa che non li compete. L’avvocato prende la palla al balzo dicendo di riferire al giudice dell’udienza successiva che rifiuta il mandato, quindi danneggiando la causa legale in corso, e adducendo che lo fa per un comportamenteo maleducato e inappropriato da parte del cliente (la prima non vera e la seconda sembra un pretesto). L’avvocato cumunica quindi la sua rinununcia a ridosso di un udienza quando poteva chiederla precedentemente, ovvero durante i mesi precedenti. Anziche dimostrare la sua indisponibilità nei modi descritti, poteva essere onesto. L’errore da parte del cliente, per impulsività e perchè provocato da tempo, è stato certamente quello di esprimesi verso l’avvocato con l’appellativo sovra indicato. La provocazione però era data dal comportamento di detto legale. Detto ciò essendo suscettibile di querela per ingiuria, quale dovrebbe essere il comportamento? Grazie

  112. Gent.ssimo Avv. Paudice,
    trovo molto interessante la sua sezione dedicata alle domande. Ne ho una io che riguarda migliaia di utenti e venditori, EBAY, il feedback e le frasi che vengono rilasciate, quelle non sono ingiurie?
    Se uno mette un segno neutro e una frase tipo “ok rimborsato” dove l’ingiuria è nel segno, o ancor peggio mettendo un segno negativo (come un vero e proprio divieto) con effetti immediati, non sono ingiuriose?
    Attendo sue notizie
    Cordialità

  113. Avvocato Paudice, spero mi risponderà perchè la questione è importante per me. Volevo farle qualche domanda sul reato di “diffamazione” verso un’altra persona:
    Commetto reato di diffamazione se verso un’altra persona, in un blog (nella sezione commenti) gestito da terzi, parlo di essa citandone aspetti della sua vita (ripeto, in un blog dove anche questa persona lascia commenti; ogni tanto interagisce con il pubblico di internet), del tipo: lo sapete che “lui” è disoccupato, lo sapete che “lui” percepisce il sussidio di disoccupazione, vorrei chiedere a “questa persona”, quanti soldi percepisci alla fine del mese, tu e tua moglie, da quel libro che avete scritto; dimmi la verità, lo fate solo per interesse? Ripeto, in base a queste notizie, che io vorrei dire agli internauti di questa persona….verso questa persona commetto un reato di diffamazione? Aspetto al più presto una sua risposta e la ringrazio anticipatamente

  114. egregio Avv. Le chiedo un parere in merito ad un increscioso episodio . Ho ricevuto per due giorni consecutivi telef anonime silenziose. 5/6 al di’. Ad un certo punto ieri sera mi sono incavolata e ho detto parolacce senza accertarmi se era una chiamata per me o no. Non ho dato tempo di far parlare e ho staccato la cornetta. Stasera un carabiniere ha telefonato dicendo che una certa signora giovanna DARCO MI HA DENUNCIATO. io non volevo offendere chi non ha colpa ma sono esaurita e prendo antidepressivi per tanti problemi che ho. A cosa vado incontro? È normale che la polizia chiami a casa anziché mandarmi a chiamare? Grazie.

  115. Gentile Avvocato, avrei una domanda “concettuale” che proprio non riesco a risolvere:

    nel reato di calunnia viene espressamente specificato che il reo è conscio della falsità delle accuse che sta muovendo nei confronti del calunniato

    nella diffamazione ciò non avviene, anzi ho letto al proposito che “la facoltà di dimostrare la verità delle asserzioni ritenute diffamatorie è fortemente limitata”.

    Ma allora mi domando: se affermo che il tizio X (effettivamente condannato in via definitiva per associazione mafiosa o per omicidio) è un mafioso / è un omicida, trattandosi di un’accusa infamante, posso per assurdo essere un diffamatore?

    Al di là dell’esempio “estremo” posto, mi chiedo in sostanza fino a che punto posso sentirmi libero di fare affermazioni che in buona fede ritengo veritiere senza per questo essere un diffamatore, dal momento che tanto poi non mi è data possibilità di provare che ho detto tali affermazioni non per offendere ingiustamente l’altro (come palesemente fa chi calunnia, siccome per definizione del reato è in mala fede quando lo fa) ma per riportare delle informazioni note.

    Mi sembra davvero incredibile che nel considerare il reato di diffamazione non si faccia o si faccia comunque ben poco riferimento alla veridicità dei fatti.

  116. Egregio Avvocato,

    le scrivo per chiederle delucidazioni riguardo ad un caso controverso e ad un dubbio interpretativo alla stregua dell’ articolo 595. Dopo una riunione la Signora Y (per rispettare l’anonimato) invia una lettera al Segretario Provinciale del sindacato definendomi tra l’altro “persona ignobile”, io tramite richiesta ufficiale di spiegazioni da parte del suddetto Segretario, la struttura del sindacato è piramidale ed io mi trovo nel livello immediatamente inferiore a questo, vengo a conoscenza della lettera. Ora, la lesione dell’altrui onorabilità e reputazione mi sembra abbastanza evidente, il problema interpretativo è nella parte in cui si dice “comunicando con più persone”, ricordando che la lettera in questione è stata inviata al Segretario Provinciale dalla Signora Y recante offesa indirizzata a me e che la giurisprudenza in più occasioni (es. ricorso avverso la SENTENZA del 05/03/2008 TRIBUNALE di LATINA – SEZ. DIST. di TERRACINA) ha affermato che “puo’ dar luogo a diffamazione anche la comunicazione con una sola persona, quando la notizia sia destinata, nelle intenzioni del propalante, ad essere riferita almeno ad un’altra persona”, le sarei grato se mi desse il suo punto di vista riguardo la ricorrenza o meno dei presupposti oggettivi per il concretizzarsi della fattispecie di diffamazione all’articolo 595 e se è possibile chiedere un risarcimento economico del danno. La ringrazio anticipatamente certo di una sua illuminante risposta. Cordiali saluti

  117. sono stato denunciato per diffamazione per aver inserito, in un post a commento di un articolo, un commento del tipo “tizio è solo un burattino nelle mani di caio” (dove tizio e caio sono 2 politici locali). Secondo lei si tratta davverodi diffamazione? l’articolo in questione lasciava ipotizzare (sena dirlo esplicitamente) che il comportamento di uno (tizio) dei due fosse dettato dalla richiesta dell’altro (caio)…

  118. Una persona ha detto che vuole denunciarmi per diffamazione del suo numero telefonico contro persone ignote per uso improprio,solo perchè lui ipotizza che io abbia dato il suo numero a terzi,è mai possibile ciò?

  119. Egr. Avv.
    vorrei chiederle un pare in merito ad una lettera ricevuta dal io ex marito dove mi definisce “madre indegna”. Posso denunciarlo per diffamazione? Con quali possibilità?Mi risponda per favore. La ringrazio anticipatamente.

  120. Egr. Avv.
    sono stata invitata con mio marito ai colloqui scolastici della scuola elementare dei miei
    figli. In tale riunione, alla presenza di tutti gli altri genitori, la maestra dopo essersi autoelogiata di essere la migliore maestra in circolazione con 30 anni di esperienza alle spalle, ha accusato che qualcuno tramava alle sue spalle e cioè di sobillare altri genitori contro di lei. Diverse volte si è rivolta a me che, oltre ad essere la rappresentante di classe,
    sono stata la destinataria di tutte le presunte macchinazioni contro di lei.
    Ha detto che il suo nome è comparso su internet e che nessuno può rovinare la sua onorabilità .
    Premesso che io sono completamente estranea a queste accuse, mi chiedo se è giusto essere messi alla berlina in questo modo in pubblico e non avere neppure la possibilità di
    replicare perchè mi ha anche zittita dicendo di rivolgermi alla vice-preside.

    Fra l’altro, a seguito di tale circostanza, le altre mamme mi hanno girato le spalle e non mi hanno più rivolto la parola.
    Come crede che possiamo tutelare i nostri figli, oltre alla nostra immagine e reputazione?
    La ringrazio anticipatamente.
    Cinzia

  121. buona sera vorei un aiuto la mia domanta e se si viene denuciati per insulti in un gioco di ruolo ad un giocatore mi a detto di avermi denuciato cosa rischio sono senza lavoro dissocupato ma fatto reati simili aiuto non dormo la notte

  122. In un famoso portale della rete dove si pubblicano le opinioni dei consumatori, il commento di un utente riguardo un prodotto elettronico e il relativo rivenditore online, riporta una serie di fatti veri accaduti nel processo di post vendita per l’assistenza in garanzia. Dagli eventi descritti emerge chiaramente una certa superficialità da parte del venditore che richiede il pagamento di una quota come contributo per la riparazione, che altrimenti non verrà effettuata. Tutto ciò non fa certo pubblicità positiva al venditore, ma sono tristemente fatti accaduti riscontrabili.
    Si configura il reato di diffamazione per chi scrive e pubblica un opinione su fatti realmente accaduti, pubblicando il nome del negozio non usando rafforzativi offensivi ovviamente?
    grazie per l’attenzione

  123. buonasera avvocato volevo sapere un’informazione le faccio una sintesi.siccome a fine febbraio 2011 mi arriva a casa una raccomandata del mio padrone di casa dicendomi che a dicembra 2011 devo lasciare l’appartamento dopo 10 anni che sto in questa abitazione.in questa casa gli ho speso tanti soldi,circa 3000,00 euro perche’il padrone di casa mi avevo detto che ci posso stare x sempre.e adesso mi viene a dir che ci serve a lui.quindi dopo che mi arriva questa brutta noizia tra la mesata morta e le spese che ho ricorso io per rendere l’abitazione vivibile non gli pago i 3 mesigiorno 15 aprile 2011 mi arriva la notifica di sfratto e di presentarmi davanti al giudice il 4 maggio 2011,cioe’ieri.il 23 aprile mentre stavo facendo pulizie mio marito mi aiutava a pulire gli oggetti crolla accidentalmente un pezzo di intonaco con pietre in cemento armato,e viene colpito in testa portando un’emicrania dolori in testa che tutt’ora mio marito settimanalmente ha!andando in guardia medica dopo un’approfondita visita ritiene di portarlo in ospedale dove gli da una diagnosi di dolore alla digitopressione sul cranio,con prognosi di 2 giorni salvo complicazioni.e lo rivia nel suo medico curante.lo stesso medico curante gli da’7 giorni di prognosi.s.c.concludendo fotografiamo il tetto crollato,ecc.adesso noi il 4 maggio 2011 ci presentiamo all’udienza ma chiediamo al giudice 15 giorni di rinvio,dove il giudice rigetta perche’non avevamo in quel minuto i documenti perche’li avevo portati al mio avvocato che in quel giorno causa forza maggiore era in corte d’appello.mio marito chiedeva al giudice davanti all’avvocato accusatorio un rinvio di causa perche’non potevamo fare opposizione per mancanza del nostro avvocato.e conclude facendo lo sfratto esecutivo e ci da 30 giorni per mandare l’ufficiale giudiziario.esattamente il 6 giugno 2011.caro avvocato c’e qualcosa per fare appello per questo spiacevole evento.le sembra giusto?che non ho potuto provare le motivazioni del perche’non ho pagato,perche’aveva tutto il mio avvocato che non era presente?cosa ci consiglia di fare?
    distinti saluti

  124. buonasera signor avvocato….
    le racconto la mia storia mi sono fidanzato circa 2 anni fa con una ragazza siamo andati a convivere dopo 6 mesi fino a li tutto bene
    qualche litigio qualche discussine logicamente c e stata, una volta in particolare c e stato anche la litigata dove pultroppo mi sono preso degli schiaffi e una tirata di capelli e una serie di graffi li non ci ho visto piu e gli ho dato un ceffone indietro ok chiarita poi la situazione siamo andati avanti tra alti e bassi in due occasioni per colpa della sua gelosia e delle sue continue infamazioni l ho cacciata poi a distanza di tempo dopo che ci siamo parlati ci siamo rimessi insieme questo per ben 2 volte , l ultima di queste due e stato che abbiamo litigato un tardo pomeriggio mentre io ero al lavoro le spiego .
    ho una attivita in propio ho 30 anni e sono di rimini mi vedo mentre lavoro tantissime chiamate della mia ragazza che ripetutamente e insistentemente mi faceva, io avevo 5 persone davanti a me e siccome non volevo che continuasse a suonare il telefono o risposto e le ho chiesto cosa fosse successo lei invei nei miei confronti dicendo che la dovevo chiamare che lei si era appena svegliata e voleva sapere cosa facevamo la sera io ho cercato di dirle che stavo lavorando e al moento non doveva continuare ma lei insistette e io la mandai a quel paese, ripresi a lavorare morale di quel sabato io mangiai per i cavoli miei e lei anche con la promessa che dovevammo uscire poi dopo, la chiamai e non volette uscire anzi mi disse esci tu che io non sto tanto bene eppoi hai avuto una giornata piena io cercai di farla uscire ma lei insistette morale della favola uscii a prendere le sigarette e un caffe mi fermai a parlare con una mia conoscenza mi arrivavono messaggi che era incazzata che io fossi uscito e che non credeva che io ero a prendere le sigarette ecc ecc li mi incavolai logicamente non potevo fare niente che lei mi stressava e le dissi di andare a letto che ne avremmo parlato il giorno dopo.
    la domenica mi alzai prima andai da lei nel lavoro e le dissi che appena avesse finito il propio turno dovevamo parlare, lei disse no no no non abbiamo niente da dirci e io insistetti cmq mi allontanai dicendole che l aspettavo alla macchina. lei spari io incominciai a chiamarla cercarla e non mi rispose per una settimana all inizio le feci molte chiamate a cui lei mai rispose la cercai e le mandai molti messaggi tra qui una trentina circa anche molto cattivi, cmq l ultimo messaggio e stato fai la tua vita non mi meriti o provato a cercarti sia con le buone che con le cattive volevo solo una spiegazione della tua sparizione non farti piu sentire
    la cancellai da facebook da msn cancellai e bruciai tutte le sue foto
    incominciai ad uscire con altre ragazze una al giorno senza problemi qui arriva il brutto
    dopo 3 settimane di sabato aprii il mio negozio e mi vennero ad arrestare con l accusa di stalking morale della storia?….10 giorni di carcere ora agli arresti domiciliari ho riscito o.p.g a reggio emila perfortuna il dott del carcere ha smontato la mia accusa dicendo che sono normalissimo e che e stata solo una discussione tra fidanzati con una ricerca da parte mia di 7 giorni nei suo confronti ora come ora devo ancora oppormi alle accuse di questa donna senza una dignita ma io cmq mi ritrovo agi arresti con una attivita chiusa senza potere parlare al telefono ed usare i social network con le mie amicizie quindi divieto assoluto con intercettazioni da parte dei reparti operativi per vedere se io cerco questa ragazza, ma io mi chiedo se l ho cercata per 1 settimana e per 3 settimane non la ho piu cercata e uscivo con amici e altre ragazze perche mi vogliono fare tutto questo male ? a lei non guardano?
    un suo consiglio?

    • mi sono dimenticato di aggiungere che la domenici quando andai a parlarle lei dichiaro che io le puntai un coltello alla gola cosa assolutamente non vera

  125. Egr. Avvocato
    Sono la compagna di un uomo divorziato da ben 7anni, dall’anno scorso, quando ho partorito mia figlia gli attacchi, spesso infondati della ex moglie, si sono fatti innumerevoli, su piu’ fronti..
    Ora minaccia di andare a denunciarmi per diffamazione perche’, a suo dire, parlo male di lei in giro, nello specifico dice che ho riportato di una sua relazione extra-coniugale fasulla, e che me la fara’ pagare perche’ devo pensare ai fatti miei..
    Gradirei da lei un parere, xk dopo qst ennesimo attacco infondato voglio difendermi al meglio, quindi come mi consiglia di muovermi?

  126. Salve, mi sono lasciato andare a commenti un pò troppo pesanti in un blog, relativa ad un azienda e ho praticamente scritto che probabilmente fanno alcune cose non troppo lecite, non ho detto chiaramente siete dei ladri, ma ci sono andato vicino.
    Posso essere denunciato per diffamazione?? ed in caso quali sono i tempi ?? devo andare da un legale?? visto che loro hanno risposto che si riservano di denunciarmi??

    Grazie per una sua gentile risposta.

  127. Buongiorno, Ho ricevuto degli insulti via email per errore: il mittente (un fornitore) pensava di scrivere ad un collega scrivendo, con linguaggio a dir poco colorito, che i miei collaboratori ed io non capiamo nulla, che io potevo andare a quel paese (per non ripetere le stesse offese) e che il lavoro che gli avevamo commissionato avrebbe richiesto molto più tempo.. Segue una patetica email di scuse. Esistono i presupposti per un’accusa di ingiuria?

  128. Buongiorno… Sono un’insegnante e ieri sera a cena con i colleghi, in pizzeria, una di queste mi ha offesa dandomi della “stupida”, “esibizionista”, “ipocrita”… Ammutolite hanno assistito alla scena le altre 14 colleghe ed il personale del locale.
    Ci sarebbero i presupposti per formulare un’accusa?

  129. Buongiorno avvocato,
    le racconto la mia storia sono una ragazza di 27 anni figlia di un cardiopatico accusato ingiustamente abito in un appartamento di un primo piano condominiale senza regole….i signori dell’appartamento superiore ci hanno sempre disturbato con il suono della pianola a tutte le ore….il tagliare della legna alle 5.00 la mattina e noi giustamente abbiamo sempre chiesto di non disturbare ma loro in tutta risposta ci dicevano che siccome sono a casa loro fanno quello che vogliono….abbiamo fatto delle diffide per avvertimenti…ma nulla….e loro dopo tante cativerie cosa hanno fatto?hanno architettao un piano la una mattina di 3 mesi fà facendo casino di brutto hanno provocato i miei e così hanno litigato e loro cosa hanno fatto? 2 denuncie una penale a mio papà di calunnie pesanti e un’altra civile con testimoni suo figlio e un nipote.hanno valore?….cosa non vera. Ora dalla nostra ragione passiamo al torto abbiamo testimoni ci siamo rivolti ad un avvocato ma io vorrei sapere di pìù pechè vedo i miei disperati mio padre accusato come un delinquente offeso anche nel suo onore Lui che a quasi 60 anni non ha avuto mai problemi…..cosa possiamo fare mi dica Lei….per far decadere tutte quelle bugie….e fargli pagare le grandi accuse fatte…..la ringrazio e attendo una sua cortese risposta.grazie Aurora

  130. Gentile Avvocato, è successo che il mio ex ragazzo storico con cui sono stata 7 anni ha pubblicato su facebook un post dove scrive che sono, con toni molto coloriti, una poco di buono. Vorrei sporgere denuncia per diffamazione ma non ha specificato che parla della mia persona anche se è palese, considerando che accenna alla sua nuova compagna come una manna scesa dal cielo,considerando che lei è la compagna che ha avuto dopo di me e che leggendo il commento è lampante che parla male della sta ex. Cosa mi consiglia? Le forniro maggiori informazioni qualora me lo chiedesse. La ringrazio infinitamente Vanessa

  131. GENTILE AVVOCATO,
    VOLEVO SAPERE SE, SU QUANTO LE ESPORRò, CI SONO ELEMENTI PER UNA DENUNCIA .
    IO ED IL MIO EX SIAMO SEPARATI DA 9 ANNI; LA SUA COMPAGNA, CON LA QUALE STA DA 7 ANNI, HA INSULTATO LE MIE FIGLIE, UNA IN PARTICOLARE, DANDOLE DELLA MALEDUCATA, VIZIATA E DICENDOLE CHE ERA UNA MERDA (LA bambina ha 12 anni); QUETO E’ ACCADUTO IN MACCHINA, PRESENTA LA PICCOLA DI 10 ANNI.
    CI SONO I TERMINI PER UNA DENUNCIA?
    GRAZIE
    BARBARA

  132. Buona serata, pino e mario, dialogano privatamente via facebook criticando giovanna, senza pubblicare le notizie, ne sono al corrente solo loro. Giovanna però riesce ad ottenere la passwor di uno dei due (non si sa come) entra nella mail e stampa i dialoghi. Può giovanna denunciare pino e mario per diffamazione? nel caso lo facesse, possono pino e mario fare una controdenuncia a giovanna per diffamazione??? Grazie infinite.

  133. buongiorno avvocato,io abito in un paesino di soli sette mila abitanti dove tutti ci conosciamo e poco tempo fà un ragazzo ha messo in giro delle voci su me che a dir la verità sono vere però senza il diritto ed il mio permesso di divulgare queste voci mettendo nella vergongna me e la mia famiglia che da anni viviamo in questo paesino,in questo caso posso ricorrere a vie legali denunciandolo per diffamazione?

  134. Salve,
    ho un negozio su ebay ed ho effettuato una transazione con una cliente messicana. Una pessima transazione in cui, pur avendo subito acconsentito alla restituzione ed al rimborso, mi sono dovuta sentire 3000 accuse e alla fine (a rimborso effettuato entro 24 ore dall’arrivo del pacco) mi sono presa anche un bel feedback negativo con commento in cui è riportato che ho dato l’indirizzo sbagliato per evitare il rimborso (una volta avevo citato il numero civico 27, una volta il 29, ma avevo spiegato che erano due diversi portoni attigui di una stessa casa in un paese di 500 abitanti dove ci conosciamo tutti. Ho dovuto chiamare DHL (dopo che la signora aveva blccato la consegna) solo per confermare l’esattezza dell’indirizzo).
    Per questo feedback si può configurare un reato di diffamazione? E, nel caso, quale sarebbe la procedura per la denuncia, in particolare essendo la cliente messicana? Ne varrebbe la pena?
    Grazie

  135. Salve avvocato volevo porle un quesito:
    Ho offeso una persona (senza farne il nome solo il cognome) su un social network, ora questa persona non poteva leggere i commenti da me espressi per via di privacy amicizia e condivisione tra utenti, ma qualcuno potrebbe aver come si dice “fatto la spia”…
    Sono passibile di querela ugualmente? Aggiungo che la conversazione è stata cancellata e i commenti rimossi subito.
    Si rischia il carcere per una cosa del genere?
    Grazie Mille

  136. Avvocato salve, Per diffamazione sono intese anche le parole “cattivo-falso-invidioso-manipolato” e la spiegazione senza parolacce di un fatto? Le spiego: ho scoperto tramite social network che il mio ex fidanzato si divertiva alle mie spalle caldeggiato dai suoi amici. Ho pubblicato una nota pubblica (non nel suo blog ma sul mio ma visibile da chiunque) nella quale rispondo senza però fare nomi,luoghi o altro. Ho solo risposto a quanto aveva scritto inserendo anche delle frasi che mi diceva in tempo di “pace” come ad esempio che è un infelice cronico.
    Può essere reato di diffamazione? come può dimostrare che io mi stia riferendo proprio a lui o magari ad un altro ex fidanzato? La ringrazio fin da subito, ho davvero bisogno del suo consiglio

  137. salve avvocato volevo porle il seguente quesito:
    Trovandomi a commentare sul facebook le parole scritte da un giornalista postate sulla bacheca di un mio amico(quindi non sulla bacheca del giornalista), ho scritto: perchè leggere le cazzate di uno pseudo giornalista c’è di meglio da fare.
    Tale giornalista ora dice di volermi querelare.Lo stesso nei vari commenti che si sono succeduti mi ha dato del vigliacco( più precisamente combriccola di vigliacchi riferito a tutti coloro che avevano criticato le sue parole)
    Come devo comportarmi?
    Spero in una sua risposta.

  138. caro avvocato,
    ho bisogno di un consiglio:l’anno scorso sono arrivati tre messaggi anonimi con dentro parolacca ad una ragazza dal mio telefono. IO non ne sapevo l’esistenza.Ieri sono andata alla polizia postale e mi ha presentato la denuncia dicendomi di presentare il nome dell’avvocato.
    Io sono andata a parlare con la ragazza (minorenne) e sua madre ma non hanno voluto parlarmi con tutto che non ci conoscevamo.Io sono maggiorenne però vivo con i miei e non ho possibilità economiche per affrontare questo processo. Mi hanno detto che dato che non supero il reddito potrei rivolgermi all’avvocato d’ufficio.Adesso mi chiedo a cosa vado incontro? Dovrò uscire soldi? E se chiede danni morali? A quanto possono ammontare???

  139. Buongiorno Avvocato,
    ho chiesto un colloquo con la Preside della scuola di mio figlio preoccupata delle assenze della Maestra e quindi del programma scolastico indietro. Mi sono ritrovata a fare il colloquio con la Maestra interessata ed un’altra presente nello stesso ufficio della Preside…. Allorchè ho esposto le mie preoccupazioni e poichè le assenze sono giustificate come malattie, ed avendo le prove che tali non sono xkè la Maestra è stata presente negli stessi luoghi in orari previsti di lavoro con me presente, ho esposto il fatto. La Maestra prevenuta aveva già contattato il Suo legale e mi minaccia di diffamazione. La mia domanda è: ma non è lecito avvisare la Preside di tale anomalia? E poi, non è stata scorretta la presenza di altre due persone ad un colloquio richiesto privato? Certa in una Sua gentile risposta, S.M.

  140. SALVE ,LE VUOLEVO CHIEDERE GENTILMENTE SE CHI MI HA DENUNCIATO ,OTTIENE LA MIA CONDANNA ,E DOPO VA’ A RACCONTARE AI MIEI AMICI O PARENTI O VICINI DI CASA COSA HO COMMESSO ,IO LO POSSO QUERELARE?

  141. Buongiorno Avvocato
    le racconto in breve la mia esperieza. una settimana fa ho acquistato per via internet un oggetto, è risultato essere una truffa. giovedi sono andato dai carabinieri a denunciare l’accaduto. il giorno stesso ho provato a richiamare il trufatore al numero di cellulare con cui mi aveva contattato, ovviamente il numero era abilitato ma riconoscendo il mio numero “buttava giù”. ieri (sabato) ho provato a richiamarlo però da un telefono di casa che non è mio, ma di un mio amico, al telefono questa volta mi hanno risposto e anche se la voce era diversa, gli ho detto che l’ho denunciato e che ha fatto male a truffarmi. il problema è che non ho chiamato con il numero nascosto perciò quando ho riattacato mi ha richiamato. il tizio ha affermato che il suo è un numero aziendale che non ne sapeva niente di quello che mi era successo e mi avrebbe denunciato.
    mi sorge il dubbio che la persona che mi ha risposto non sappia effettivamente niente di ciò che mi è successo perchè dalla voce e da come parlva e quello che diceva non sembrava essere comunque uno sprovveduto. io ho chiamato una sola volta. questo tizio può veramente denunciarmi per ingiura o calunnia??
    la ringrazio anticipatamente
    cordiali saluti

  142. Buon giorno avvocato ,
    io vorrei fare una denuncia per diffamazione a dei miei vicini di casa ,persone che ormai conosco da trent’anni, perchè nel quartiere dove abitiamo anno gravemente leso la mia dignità raccontando a tutti episodi della mia vita che ormai erano passati da tempo e portando a conoscenza di tutti particolari dellla mia salute . A causa di queste persone nel quartiere mi conoscono tutti e sanno tutto della mia vita .Talvolta sono stata oggetto di scherno da perte di ragazzini e anche da parte di adulti .Il problema è che loro quando parlano di me raccomandano a tutti di non dirmi niente percio non so esattamente dire chi era persente quando facevano queste “adunate “,tra virgolette ,parlando di me alla gente del quartiere .
    Secondo lei mi conviene denunciarli?
    Lasciare le cose cosi come sono mi fa stare male perchè mi sembra che mi stia venendo un esaurimento e ho gia una forte depressione .

  143. Buon giorno avvocato ,
    io so che delle persone parlano male di me nel quartiere in cui vivo in modo duramente dispregiativo ma lo fanno alle mie spalle perche io con queste persone non ci salutiamo neppure percio non so come poter affermare che loro lo hanno fatto in una specifica data o in un determinato luogo o con determinate persone .Percio dovro per forza ,credo , affidarmi alla testimonianza di qualcuno che vorrà testimoniare .devo chiederglielo io ? e devo cercare io i testimoni ?

  144. mi chiamo andrea ho 35 anni la mia ex compagna con la quale adesso ho 2figli mi ha denunciato di stupro e lesioni quando era in stato interessante del mio secondo figlio il quale non ha voluto mai farmelo riconoscere ..lei adesso e in comunita raggazze madri nel tempo ho dovuto subire mille denunce false atte a nuocere la mia integrita prima di padre per farmi passare da bestia poi come essere umano adesso mi sono rotto dopo 5 anni di lotte … a breve ci sara l udienza dove voglio chiedere i danni morali e fisici perche lei mi ha distrutto la vita che era stupenda fino al suo arrivo …. ps cosa da non sottovalutare lei dopo aver allertato la polizia che io avrei anche tentato il sequestro del mio primo genito cosa appurata non vera dalle forze dell ordine …in seguito la seconda accusa di stupro la signorina se tale si puo definire mi inviava delle foto esplicite trammite telefonino di sue parti intime chiedendomi di soddisfarla ..le foto ritraggono non solo….anche viso ora data e luogo … chiedo posso chiedere i danni morali ..in seguito a cio la mia vita e stata disrtutta completamente

  145. salve signor avvocato sono una ragazza di 21 anni le avevo gia scritto in passato per un sequestro di persona a scopo di estorsione…volevo chiederle…se il tipo sequestrato ha dichiarato delle cose false…e poi si mette una mano nella coscenza e cambia versione dicendo la verita è possibile o andrebbe nei casini per false dichiarazioni ?mi faccia sapere grazie in anticipo…e la denuncia in qsto caso si puo ritirare o và avanti d ufficio?

  146. Gent.mo avvocato, io sono mamma di due bambini di 9 e 12 anni, avrei bisogno di sapere delle informazioni, mio marito lavora con suo padre, suo zio e suo cugino presso i mercati giornalieri ambulanti. Circa tre anni fa abbiamo avuto dei problemi di salute gravi con la mia bambina di 12 anni ( 9 quando si è scoperta la malattia), abbiamo purtroppo avuto bisogno di molti soldi per spostamenti (da Trento a Padova) di ospedali e alloggi in zona dell’ospedale, andando cosi’ incontro ad aver bisogno di piu’ soldi.Ormai è da quando stiamo curando la nostra bambina che lo zio e il padre rinfacciano a noi che siamo sempre bisognosi di soldi, che si tante volte ci troviamo costretti a prendere in anticipo dal magazzino…..essendomi io licenziata per stare dietro ai figli! E’ un continuo rinfaccio di soldi, e merce (mio marito vende alimentari) che prendiamo e che alla fine dei mesi noi spendiamo di pi’ degli altri, siamo gli unici con quattro persone in casa….in piu’ questa volta si sono permessi di dire che viviamo al di sopra delle nostre possibilità,cioè mangiando pesce ogni tanto 1 volta ogni 15 gg, e carne durante la settimana, a questo sono arrivati, entrando nella mia vita, già segnata dal dolore della malattia di mia figlia.Il “debito” che avevamo in magazzino dei “viveri” lo abbiamo saldato chiedendo a mio padre i soldi (mio padre ha 85 anni), adesso io non vorrei casini pero’ vorrei che non mi si diffamasse piu’ in questa maniera, tra l’altro difronte ad altre persone, e soprattutto in questo momento in cui siamo pieni di pensieri per nostra figlia, forse loro non capiscono il dolore che si prova ad avere una figlia malata, e in difficoltà economica visto che loro stanno molto bene economicamente!!Mi scuso se ho scritto male spero comunque di essere stata abbastanza chiara…La saluto Angela….

  147. Buongiorno avvocato,
    le volevo chiedere se esistono gli estremi per una denuncia nel caso che sto per esporle.

    Abito in un condominio da composto da 24 appartamenti, e recentemente una condomina ha esposto nel vano ascensore un
    foglio in cui denunciava pubblicamente il “condominio” di atti vandalici (lesioni sulle fiancate) alla propria automobile.

    Io ed altri condomini abbiamo trovato francamente offensivo l’accaduto, in quanto riteniamo che sia stata offesa la nostra dignità attribuendoci, senza alcun tipo di riscontro e per giunta pubblicamente, la responsabilità di quello che si configura come un vero e proprio reato. In più, il messaggio riportava anche un augurio funesto nei confronti dell’ipotetico condomino che a suo dire avrebbe compiuto il gesto.

    Il foglio in questione è di fatto sparito in poche ore, ma la prova della sua affissione risiede in uno scambio di email (che ho stampato e ho ancora in memoria) che il sottoscritto ha avuto con la madre della condomina (le due vivono insieme), in cui anch’essa confermava in sostanza l’accusa al condominio mossa dalla figlia, e rincarava persino la dose.

    Le chiedo gentilmente se esistono gli estremi per denunciare per diffamazione (o altro) le due donne, e se la denuncia può essere mossa solo da me, o è necessario che venga mossa da tutti i restanti condomini in quanto chiamati tutti in causa.

    Alex

  148. Gentilissimo avvocato, negli ultimi mesi sn finito in una spiacevole situazione. Ho avuto problemi con una ragazza e mi ha messo contro ttt la vecchia compagnia dicendo che sono un bugiardo pazzo e che mi devo fare curare,il mio problema non e questo ,io mi.sn rifatto una vita con un altra ragazza e trovando una nuova compagnia.a novembre e successo che ho avuto discussioni su facebook con queste persone e qualche gio rno fa sono syate inviate d un amica della mia ragazza creando enormi fastidi e perdita d credibilita.e legale inviare mie conversazioni a terzi? Mi dn arrivate conversazioni avvenute a mia insaputa dove venivo offeso e chiamato pazzo e altrei nomi poco piacevoli. Cosa posso fare??a me nn interessan soldi o altro.voglio solo stare in pace.attendo risposya e grazie 1000

  149. Gentile avvocato,
    sono un giovane scrittore in erba che cerca di crescere e farsi notare in piccole pubblicazioni per mettermi sempre alla prova. Per oltre un anno ho frequentato i corsi di una scuola di scrittura. Mi prendo una cotta per una collega di corsi e ci provo, ma lei mi respinge. Tuttavia, la scuola si evolve presto in un gruppo stretto di persone coinvolte in presentazioni letterarie, cene, meeting e quant’altro e io quest’altra ragazza finiamo presto con l’incontrarci molte volte alla settimana oltre al giorno dei corsi. Ne consegue che dopo un poco entriamo in confidenza e apriamo un rapporto delicato, ma cordiale.
    Verso la fine del 2011, la ragazza comincia a lamentarsi spesso di me, attribuendo ai miei comportamenti intenzioni diverse da quelle mostrate, perché è convinta, malgrado il passare di molti mesi, che io stessi ancora tentando di flirtare con lei. Poco dopo l’epifania del 2012, mi stanco di questa situazione e mi lamento per i suoi continui processi alle intenzioni. Ne nasce un litigio sulla chat di facebook, in seguito alla quale, lei, infuriata, scrive che da un po’ discute di me e dei miei “atteggiamenti” con le sue amiche e che erano tutte d’accordo a definirmi uno stalker.
    Infuriatissimo e scandalizzato, decido, seduta stante di troncare ogni rapporto con la persona e di abbandonare anche la scuola di scrittura perché ritenevo sconveniente continuare ad averci a che fare, anche coartatamente, a acausa del gruppo. Mi consulto con un amico che studia giurisprudenza che mi consiglia di parlarci e chiarire perché questo tipo di lettera costituisce ingiuria e, se vero che parlava così di me con più persone, si poteva configurare anche la diffamazione.
    Ancora più arrabbiato, decido di mandarle un sms, poi, non avendo ricevuto risposta, di scriverle una lettera a mano in cui le riportavo esattamente queste informazioni e pavento cupamente la possibilità di rivolgermi ad un vero tribunale se la ragazza non mi avesse garantito che avrebbe smesso di dire certe cose di me e si fosse scusata. Non conoscendo l’indirizzo di casa della ragazza, e frequentando spesso il suo luogo di lavoro (un importante museo), decido di consegnare la lettera chiusa all’addetta dello sportello informazioni del museo perché gliela consegnasse. Quindi scrivo anche una e-mail di reprimende ad una delle amiche di questa ragazza, cui sapevo di non stare molto simpatico. Il tutto con toni sicuramente rabbiosi, ma comunque non volgari né offensivi.

    Entro due giorni, ricevo la telefonata addirittura da parte del maestro di tale scuola di scrittura, il quale mi dice che nel momento in cui mando un sms, scrivo la lettera, la lascio sul luogo di lavoro e contatto anche l’amica, si fosse qualificato senz’altro lo stalking. Mi impone di smetterla di cercarla, altrimenti lui e la ragazza mi sarebbero andati a denunciare. In compenso, mi avrebbe assicurato che la faccenda non sarebbe trapelata, perché la ragazza si era impegnata con lui a non parlare dell’accaduto. Non mi convince affatto, ma mi pare accettabile il compromesso e accetto. Tuttavia, nei mesi successivi, scopro che almeno altri due “compagni di scrittura” erano al corrente di tutta la storia e, per tale motivo, avevano deciso di troncare ogni rapporto personale con me. Ce n’è anche un terzo, ma questo sembra essere “più comprensivo”. In ogni circostanza, mi lamento con il capo della bottega che mi aveva assicurato che la storia non sarebbe trapelata (la ragazza, si capisce, non la cerco né la contatto più: è il capo-bottega ora il mio referente). In febbraio, si arrabbia talmente tanto che mi grida in mezzo alla strada che avrei soltanto dovuto chiedere scusa per avere stalkerizzato la ragazza e non fare tante discussioni, quindi mi impone di non cercarlo più.
    Non ho altre sorprese, quindi l’accontento, fino a pochi giorni fa, in cui decido di tornare ad una delle lezioni (aperte al pubblico) di questa scuola. Era in procinto di pubblicazione una raccolta di racconti, curata proprio dal capo-bottega, cui avevo partecipato con alcuni miei brani che erano molto piaciuti a lui e a tutto il gruppo di scrittura, tale che erano stati preventivamente accettati nella raccolta. In occasione di questa cosa, volevo provare a ricucire i rapporti con questa persona, che mi sembrava comunque per bene e anche un contatto importante. Invece abbiamo un’altra sgradevole discussione, in cui mi dice che i miei brani erano stati eliminati dalla raccolta, che la casa editrice da lui appena fondata non avrebbe mai pubblicato un mio scritto se io non avessi “cambiato modo di comportarmi”, altrimenti non mi voleva vedere mai più. Disgraziatamente, non avevo nessun contratto siglato con la casa editrice sopra menzionata.

    Questa la storia, qual è la sua opinione? C’è qualcosa di rilevante in termini di diritto? Sono io uno stalker, o si configura qualche altro tipo di reato? E da parte di chi?

  150. Caro avvocato
    Ho proprio bisogno di Lei
    Sono un direttore di filiale.
    Una lavoratrice pessima ha appena finito il suo contratto determinato. E vero che li è stato rinnovato per due volte, ma ogni contratto interrotto a distanza di un mese uno dal’altro. Ancora non ha fatto 36 mesi di lavoro nella medesima azienda, quindi non ha diritto al contratto indeterminato. Purtroppo, l’avevo già scusata varie volte, per vari ritardi, dimenticarsi di venire al lavoro, flirtare mentre lavorava, lentezza estrema sul posto di lavoro, ribellarsi ad ogni regola ed ogni circolare aziendale, offese verso il diretto superiore (cioè io) e una mancanza di collaborazione non immaginabile. Al inizio le rinnovavo il contratto perchè mi piaceva credere che migliorerà, era quello che mi prometteva con gli occhi in lacrime giustificandosi che per causa di un matrimonio fallito sta passando un periodo brutto e quindi è in tensione e sbaglia per quello.
    Ma col tempo ho capito che lei era proprio cosi di natura. Ribelle, superbe, pigra, irresponsabile.
    Quindi ho deciso di non rinnovarle più il contratto, ma neanche di licenziarla, di lasciarla finire il contratto e fare posto ad una ragazza che veramente ha voglia e bisogno di lavorare.
    Purtroppo mi trovo adesso minacciato che impugnerà questo fine rapporto tramite avvocati ecc…e si farà riassumere con la forza.
    Mi può dire se è possibile , nelle condizioni in cui non l ho neanche licenziata ?
    Ha solo finito un contratto a tempo determinato. Punto. E determinato, lo dice la parola stessa.
    Sento delle voci che con le nuove leggi potrebbe impugnarlo.
    Sarei molto indignato , perchè non tollero l’idea che una lavoratrice incapace come lei può rubare il posto ad una ragazza molto più capace e seria.
    Per favore, mi dia una risposta. Ogni tanto, pure noi, che assumiamo, soffriamo delle ingiustizie. (quando siamo troppo buoni e ascoltiamo i problemi personali altrui…ehe, offri bene e ricevi male).
    Le ringrazio in anticipo

  151. salve ho avuto problemi con un gestore di un locale,io sono un musicista,e sentendomi preso in giro e sfruttato gli ho mandato questa e-mail…vorrei sapere se lui puo’ denunciarmi per questa cosa e a cosa andrei in contro,laringrazio molto le copio la e-mail…. ciao,non so’ se sei davide del bebop,io sono marco enot della band near the jail…..le avevamo chiesto se poteva mettere la locandina gentilmente fuori dal locale e lei non lo ha fatto dopo che ci aveva chiesto di portare foto per attaccarla….2)domani noi veniamo a suonare li e portiamo gente a vederci ma sinceramente per il trattamento di merda che ABBIAMO ricevuto nei nostri confronti da lei,non ha messo la locandina e per lo piu’ì domani lei fara soldi sulla nostra pelle e non ci paghera’ praticamente niente…questo e’ sfruttamento vero e proprio,spero sinceramente che a lei succeda la stessa cosa,che qualcuno la sfrutti e la prenda per il culo come sta facendo lei con noi..domani io vengo a suonare solo perche’ mi interessa far stare bene il pubblico che ci sara’ e le persone che ho invitato,mi interessa farli passare una bellissima setrata con la nostra musica ottima… io sinceramente l’unica cosa che mi premeca di dirle e’ che nessuno mi ha mai trattato cosi’ di merda e sruttato come lei sta facendo…spero sinceramente che la cosa li si ritorga contro almeno forse capisce cosa sta facendo perche’ mi sa che non lo capisce altrimenti non lo farebbe o sarebbe veramente un meschino….arrivederci a domani sera,anche se non so’ con che faccia ci potra’ accogliere nel suo locale sinceramente…..

  152. Caro Avvocato qualche sera fa sono stato accusato di aver chiamato ” Fallito ” una persona per strada.. !!
    Sta minacciando di andare a querelermi, con l’ausilio di testimoni falsi..
    volevo sapere se è reato ed in caso di querela cosa rischio..
    saluti.

  153. Aiuto, che gente scrive quì?!?!?! ma vi rendete conto che state scrivendo a un avvocato, in un sito serio, e non per bimbi??? e scrivete “X” anzichè “per”??? “cmq” anzichè “comunque”??? come siete messi??? male!!! ma poi quante domande inutili…. quella che dice ha sentito il collega parlar male dell’altro per negligenza, ma guarda che non è diffamazione, sono bambinate!!! ma il tuo pensiero, non certo la loro discussione!!! e a questo proposito ricordo ai tanti che hanno sbagliato scrivendo, di rileggere in titolo… diFFamazione, con 2 F…. mamma mia come state messi!!!

  154. Egr. Avv.
    Un collega di lavoro mi ha sparlato con parole volgari presso un operatore dove ha svolto un controllo. Noi siamo dei pubblici ufficiali e svolgiamo controlli presso diversi operatori. L’operatore mi ha riferito tutto dicendomi che il collega sputava sentenza nei miei confronti e nei confronti di altri colleghi e superiori. Potrei denunciarlo per diffamazione, ingiuria o querela? A cosa andrei incontro? La prova è la testimonianza dell’operatore ma questo collega anche davanti a me a parlato male dell’Agenzia in generale dei suoi diretti superiori. Cosa mi consiglia di fare o non fare?

    Certo di un Sua gentile risposta Le porgo distinti ossequi.

    Alex Di Stefani

  155. Buonasera avvocato sono una mamma separata vorrei sapere se posso sporgere denuncia per offese,diffamazioni e calunnie da parte dell`insegnante di mio figlio che oltre ad avermi convocata mille volte con tranelli( lettere in cui mi chiamavano ad una normale assemblea senza specificare i motivi,e l`ultima e` stata quella che ha fatto traboccare il vaso,oggi sono stata convocata con una lettera che era indirizzata a tutti gli altri genitori per la fine dell`anno,invece per l`ennesima volta era un tranello ed era indirizzata a me per continuare ad offendermi) ma questa volta non solo in privato ma d`avanti ai genitori di venti bambini dandomi della cattiva madre,di non curarmi di mio figlio perche` e` aggressivo, io ho tentato di spiegare che ultimamante ho problemi di salute anche se non volevo dirlo d`avanti a 20 persone,ma lei ha continuato a replicare dicendo che non gliene importa nulla della mia salute,mio padre si occupa di mio figlio,e l`insegnante d`avanti a tutti ha detto che non devo lasciare mio figlio al nonno,che e` sporco,che il bambino le racconta DELLE COSE SU DI ME minacciandomi di dirle a tutti….insoma mi ha umiliata d`avanti a 20 persone e per di piu` ogni volta non mi hanno mai spiegato i motivi della convocazione perche` avevano capito che avrei potuto presentarmi con un avvocato!! Le ho spiegato a grandi linee la situazione ,ma e` diventata insostenibile!! Tutto cio` e` un reato?? Potrei denunciarli?? E se si Che ti po di reato e`?? riferendomi alle convocazioni anonime e agli insulti e alla diffamazione delle mie cose personali. Attendo una risposta ,grazie in anticipo. p.s. loro sono al corrente ke in questo periodo sono in cura da uno psicologo e ke sono fragilmente emotiva.,non curandosene.

  156. salve un collega mi accusa di non eseguirw dei controlli su dei sistemi informatizza mettendo in copia tutti i colleghi e superiori, ovviamente i controlli li ho eseguite e volendo posso avere anche le prove e possibile procede per vie legali

  157. Salve,
    io abito in una casa in condivisione c’era un ragazzo che faceva problemi con me perché l’ho beccato tante volte a rubare le mie cose e le cose degli altri e mi insultava e offendeva ma una delle volte sono riuscito a registrare le sue offese contro di me. La domanda è è un reato registrare le offese e gli insulti? o se faccio una denuncia contro di lui con questa registrazione sarebbe un reato da parte mia?

    Grazie

  158. Salve.
    Recentemente un mio collega di lavoro ha dichiarato al nostro datore di lavoro che io l’ho minacciato fisicamente. Non ci sono testimoni ma nonostante cio’ ha messo cattiva luce nei miei riguardi. Volevo sapere se ci sono gli estremi per denunciarlo per diffamazione.

    Grazie

  159. salve avgocato
    volevo sapere se si configura ingiuria o diffamazione quando una persona ingiustamente accusa l’altra di essere malati di aids ingiustamente e senza alcun motivo valido mettendo solo in cattiva luce
    grazie

  160. egregio avvocato,
    volevo chiedere un suo consiglio, il fatto è il seguente:
    sono fidanzato da un bel po d tempo con la mia attuale ragazza, ma su di un noto social network il suo ex ragazzo non fa altro che mandare messaggi di insulti verso la mia persona, io gli ho intimato più volte di smetterla, ma lui ha continuato. come devo comportarmi? posso esporre denuncia? la ringrazio in anticipo per l attenzione datami…

  161. Buonasera Avvocato,
    a seguito di una mia richiesta di intervento di installazione di dissuasori della sosta in area di sosta vietata di Supercondominio dove vivo onde impedire soste selvagge a ridosso del mio posto auto, uno dei consiglieri superocndominio parlando con un altro consigliere che mi ha riferito la cosa, ha detto di opporsi in quanto io sarei stato in passato maleducato e incivile nei suoi confronti. Ovviamente non ricordo di aver agito in tal senso, forse al consigliere non va giù il fatto che in passato avessi agito per vie legali per tutelare un mio diritot, cosa che ho ottenuto.
    Vorrei scrivergli un e-mail chiedendogli date e circostanze certe in cui io mi sarei comportato male e qualora non producesse nulla, posso querelarlo per diffamazione?

    Grazie mille in anticipo per il suo parere
    Saluti

  162. Buona era cosa posso fare se un mio superiore mi ha ripreso trattandomi male davanti a colleghi e persone che non conoscevo, il tutto derivato per un ritardo duvuto a un altro superiore che mi tratteneva nel suo ufficio per delle notizie riguardanti il lavoro da svolgere.
    La ringrazi anticipatamente per il suo parere.
    Cordiali saluti

  163. Buona sera Sig. Avvocato,
    proprio ieri sera in un forum un utente insultava l’autore dell’articolo pesantemente (sai fare solo figure di m…), allora io gli ho risposto dicendogli che in realtà era lui, F.P. (autore degli insulti) ad aver fatto una “figura di m…..” sia per l’italiano scorretto, che per il contenuto dello stesso messaggio. Allora egli in risposta, mi insulta pesantemente (dandomi del cogl….) rivolgendosi chiaramente a me con Nome Cognome, pubblicando tale messaggio anche sul suo profilo Facebook. Gli rispondo dicendo di aver stampato i commenti e di voler sporgere denuncia-querela per diffamazione/ingiuria/calunnia. Decide (dopo svariati messaggi di insulti tutti stampati) di cancellare tutti i messaggi e di scrivere “ti chiedo scusa se tu mi chiedi scusa” al mio ultimo messaggio. Gli rispondo che accetto solo le scuse se egli le espone per almeno una trentina di giorni sia sul sito che sul suo profilo. Egli dice di non volerlo fare e mi minaccia di denunciarmi per stalking tramite un suo “carissimo amico maresciallo”.
    Le chiedo se ne vale la pena denunciare codesta persona, tenendo presente che l’insulto è rimasto visibile per almeno 12-13 ore, e se effettivamente può denunciarmi per minaccia e stalking per avergli chiesto di pubblicare le scuse su entrambi i siti per almeno trenta giorni in cambio della rinuncia alla denuncia per diffamazione/ingiuria/calunnia. Inoltre non c’è un qualche tipo di “conflitto di interessi” nel suo ipotetico carissimo amico maresciallo? Non dovrebbe denunciarlo per diffamazione nei miei confronti? Inoltre, questa persona dal profilo Facebook risulta essere di una regione alquanto lontana dalla mia di residenza. A chi dovrei rivolgermi?

    La ringrazio infinitamente anche solo per l’attenzione, Avvocato!

  164. Buongiorno Sig. Avvocato,
    le chiedo cosa è meglio fare in questi casi, cosa si rischia e come è meglio comportarsi:

    Dopo aver letto un annuncio in un sito di incontri, ho inviato una mail ad un ragazzo visto sul sito e gli ho richiesto un appuntamento. Il ragazzo mi ha risposto sempre via mail dandomi un numero di telefono e un nome.
    A questo punto io, in buona fede, ho chiamato il numero di telefono e con mia sorpresa ho constatato che il ragazzo che mi stava rispondendo era molto adirato e mi chiedeva dove avessi preso quel numero (sembrava che avesse avuto già molte telefonate da altri).
    Io a questo punto gli ho spiegato in tutta sincerità la situazione (anche perche mi sembrava esausto e ho cercato di aiutarlo) e gli ho comunicato l’indirizzo mail da cui avevo ricevuto il suo numero di telefono.
    Lui ha quindi detto che avrebbe chiamato la polizia postale e ha riattaccato.

    Ora..io sono un attimo preoccupato perche il ragazzo che mi ha risposto ha la mail da cui io ho ricevuto il suo numero di telefono (e questo ok..gliel’ho data io), ma ha anche il mio numero di telefono da cui l’ho chiamato e non vorrei che venisse usato in caso di querela o simile.

    A me pare ovvio di essere stato vittima, quanto il ragazzo al telefono, da parte di chi ha utilizzato il suo numero di telefono in modo ingiusto e persecutorio.

    Ma mi sono chiesto: non è che in qualche modo anchio concorro (incosapevolemente) in una qualche denuncia? Quali sono i rischi? Cosa è meglio fare?

    Resto in attesa di un riscontro.

    Grazie
    S.

  165. If you are appearing for more than one interview at a time, don’t be afraid to let the interviewer know this. For example, quarterly or annual bonus, that might be tied into some sort of incentive plan. This article will prove useful for people willing to enter the creative field of copywriting. 2) Performance in interview – So, you have the talent, required skills, experience and expertise but how will the companies or those interviewers know this? lookity

  166. Buonasera Avvocato, vorrei sapere se avendo mandato un sms anonimo ad un ragazzo per informarlo del tradimento della sua ragazza, quest’ultima può o meno fare una denuncia per diffamazione e se può risalire alla mia identità. in caso questo accadesse, cosa mi succederebbe? grazie in anticipo per una sua eventuale risposta.

  167. Gentile Avvocato
    ho spedito una mail all’intestatario di un annuncio per un oggetto usato. Dopo una serie di contraddizioni palesi e aver scoperto che le foto inserite nell’annuncio fossero appartenenti ad un altro annuncio non riconducibile a quest’ultimo e per di più pubblicato precedentemente; ho inviato questa email in cui scrivo :il suo annuncio è chiaramente un tentativo di truffa. Consigliandogli vivamente di rimuoverlo prima che lo avessi comunicato alla polizia postale (cosa che non ho fatto).
    Lui mi ha risposto dandomi dell’imbecille e minacciandomi con procedimenti legali. Secondo lei rischio qualcosa?
    Grazie

  168. Esimio avv.to, mi darebbe un consiglio circa il dafarsi per aver subito umiliazioni, offese e minacce da un subordinato visibilmente “fuori di testa” che all’avvicendamento del turno, dopo avermi detto che doveva parlarmi, dinanzi a colleghi, mi ha aggredito verbalmente e solo per intervento di terzi non fisicamente? Grazie!!!

  169. Gentilissimo Avvocato, nel caso in cui una coinquilina, si permetta di offendere ripetutamente me la mia compagna ed i suoi parenti , creo ci siano i presupposti per una denuncia. Mi chiedo come si possa dimostrare, in quanto tutto cio avviene in assenza di terzi. Se riprendo con una telecamera la signora in questione nell’atto di offendere è prova ammissibile? commetterei un reato nel riprenderla?
    Grazie dell’attenzione e Buone feste

  170. Se la donna che sta con mia suocera malatta di parkinson puo ofendermi dicendo che io sono nessuno e wuello che dico io non ha nessuna importanza per lei! La casa e proprieta di mio ragazzo e sua madre (55% lui e 45% madre) su jna superficie di 800 compressi i garage cortile ..etc! Non sono sposata e ho la residenza in questa casa e sono la madre di un bimbo di 3 anni che di mio ragazzo certamente! La situazione dura da piu di un anno e le sorelle sono che comzndanno qui in casa e nessuno fi loro non rispetta i miei spazzi la mia vita la mia integrita mentale( sono assolvente di universita+ master) e loro sono dei campagnoli!come devo fare per allontanare loro e la fonna che sta in casa con la suocera che sta parlando in giro tutto che succede in casa?

  171. “INGIURIA E DIFFAMAZIONE | Avv. GIULIO PAUDICE” seriously causes me personally
    contemplate a little bit further. I adored every individual element
    of this blog post. Thank you -Charmain

  172. Buon giorno Avvocato, vorrei chiedere se posso sporgere denuncia nei confronti del mio ex, avendo rivelato al nostro capo, dopo la rottura, che in realta siamo una coppia e non solo amici come lui aveva raccontato per farmi entrare a lavorare nello stesso posto, lui non mi ha consultato violando la mia privacy, perchè dicendo al capo che eravamo insieme ha detto automaticamente che anche io sono gay,

  173. buonasera,

    vorrei sapere se è legittimo, da parte di un consiglio di classe, sospendere un alunno x ben 14 giorni, perchè ha insultato su una pagina spotted (facebook) una professoressa, citandola solo con le sue iniziali e non con il nome completo.
    Non abbiamo la certezza che gli insulti erano rivolti proprio a lei e in più il ‘reato’ NON è stato commesso a scuola.

    grazie anticipatamente

  174. Egr.Avvocato,
    ho ricevuto una citazione a giudizio davanti al giudice di pace (D.L.274/2000) per il reato di ngiuria. La citazione a giudizio e’ del tutto inaspettata e sorprendente poiche’ i fatti sono ben diversi. Tuttavia, essendoci ora questa citazione a giudizio, devo sapere come devo comportarmi e vorrei chiederle alcuni chiarimenti:
    1. prima di tutto vorrei sapere se ho facolta’ di difendermi da sola: posso fare a meno di un avvocato (mio o assegnatomi di ufficio), o e’ obbligatorio essere assistiti da un legale?
    2. Se dovreo’ obbligatoriamente avvalermi di un avvocato, riultando poi innocente dovro’ pagare lo stesso io il mio avvocato difensore o le spese da me sostenute dovranno essere a carico di chi mi ha ingiustamente citato a giudizio?
    3. Posso inoltre, una volta risultata la mia innocenza, o non procedibilita’, rivalermi contro chi mi ha querelato chiedendo un risarcimento per danni morali e materiali? (materiali: i giorni di permesso da lavoro che saro’ costretta a prendere per presenziare alle udienze etc.; morali poiche’ oltre alla ingiustizia della accusa questa citazione a giudizio mi ha causato un forte stato di ansia causando insonnia e forte stress emotivo.
    4. nella notifica ricevuta dai carabinieri sono chiata a giudizio per il prossimo 22 aprile: posso/devo presentare prima di tale data la mia contro relazione riguardo l’impuitazione a mio carico e a chi devo presentarla? In particolare ho da segnalare, infatti, che:
    a) e’ stato indicato un falso testimone, in quanto all’episodio cui si riferisce la citazione erano presenti solo due delle tre persone indicate, + un’altra che non e’ invece stata indicata (la persona che era con me)
    b) le mie parole sono state in risposta e in seguito (immediato) ad accuse e comportamento ingiusto subito: credo quindi di poter invocare a mia discolpa le esimenti della provocazione, previste dall’art. 599 c.p.. Ma come posso/devo farlo? Con uno scritto da far pervenire al Giudice di pace prima di quella data? oppure andando dai carabinieri? o con altra modalita?
    c) Avendo prove oggettive da mostrare per documentare quanto ho da riferire, come devo produrle? Allegandole al testo che eventualmente invio prima del 22 aprile oppure in quella data direttamente davanti al giudice?
    5) Infine: poiche’ mi sono accorta di un errore contenuto nell’atto di citazione, in quanto le generalita’ della persona offesa sono indicate erronemante (data di nascita sbagliata: al nominativo infatti hanno attribuito erronemante la data di nascita del padre), posso far annullare per questo motivo la citazione, dal momento che quelal persona offesa indicata con quelle generalita’ non esiste?
    Grazie

  175. Caro Avv.,
    Una mia collega di lavoro ha investigato sul posto di lavoro tra i miei colleghi se avessero anch’essi trovato indizi riconducibili ad una mia gravidanza, come sintomi di malessere, nausea e altro, adducendo agli altri l’idea che forse potrei essere incinta. Sia se la notizia fosse vera o meno, volevo sapere se potevo intervenire per vie legali, in quanto mi sono sentita violata nella mia vita privata, riguardo ad un evento così intimo. Grazie

  176. Scuola pubblica e un malinteso con una collega, prontamente chiarito il giorno seguente ma il suo ‘atteggiamento di denigrazione professionale e morale prosegue sino a diffondersi nella comunità con un mio fattivo allontanamento e isolamento. Chiaramente non ho prove ne testimoni – certamente non si schiererebbero dalla mia parte – a me resta una colite nervosa, un mutismo estremo e non reattivo, un continuare a fare il mio lavoro al meglio possibile ma con la percezione che c’è chi cerca il primo mio intoppo. Legalmente che cosa posso fare oltre che piangere e non avere più la forza di tornare? C’è una pena reale per la cattiveria della gente? Grazie per l’ascolto.

  177. Salve avvocato,
    vorrei sapere seposso denunciare due ragazzi che conosco che mi offendono molto pesantemente senza minaccie su un programma per messaggiare che si chiama whats app io gli rispondo per non fargli pensare che abbia paura..gli rispondo assecondandoli ! E in più mi hanno fatto due chiamate, una chiamata un ragazzo e L’altra chiamata l’altro ragazzo..si può denunciare? E cosa gli accade a loro? Dato che ho risposto anche io (soli assecondandoli ) mi accade qualcosa?
    Grazie

    • Buon giorno,
      Le descrivo il fatto: nella scuola un ragazzino dice ad un altra ragazzina che i “suoi genitori sono dei drogati” (sembra che in passato avevano dei problemi simili). I genitori della ragazzina si lamentano con le insegnanti. Le inseganti convocano la madre del ragazzino la qualle dichiara che il suo figlio la frase incriminata la sentita dal mio figlio. Non solo, la madre del ragazzino lo dice anche alle altre persone (vari genitori) e alla madre della ragazzina.
      Io vengo alla conoscenza di tutto questo da un altro genitore. Come non è la prima volta che sucedono i fatti del genere (vivamo in paese piccolo) , vorrei sapere se posso denunciare la madre del ragazzino per diffamazione in quanto ritengo che lei con il suo operato ha leso onore mio e di mia moglie. Bambini sono piccoli (8-10 anni) per cui le frasi del genere possono averle sentite solo dagli addulti.
      Grazie

  178. Gentile avvocato vorrei un consiglio..ho sentito il nostro vicino di casa raccontare al telefonoo fatti non veri nei nostri confronti(che facciamo dispetti e offese di ogni genere)minacciando addirittura di voler uccidere mio marito.come ci dovremmo comportare?possiamo denunciarlo?

  179. gentile avvocato. Ho scoperto che il mio vicino di casa sul suo profilo facebook pubblico mi ha appellato con St***o e minacciando guerra. Questo dopo una discussione in cui io esasperato ho chiesto di non fumare davanti la mia porta di casa e chiedendo rispetto (Questo per farla breve) Non ci sono nomi ma solo riferirmento al vicino di casa e ad una frase detta da me tra l’altro travisata dove citerei un’altra persona. Posso denunciarlo per diffamazione e minaccia o potrebbe appellarsi al fatto che è dubbio il riferimento a me?

  180. gentile avvocato, chiedo lumi in merito ad un fatto accadutomi, a seguito di motivi non rilevanti un professore ha iniziato a mettermi in esempi di quando spiega la lezione, sono stato definito ( sempre in un esempio) malato di mente, che mi esprimo in turpiloqui ecc tra l’altro ho la registrazione perchè lo portavo in classe per ripassare meglio le lezioni, posso inpiantare un procedimento ai sensi dell’art 595 c p ? anche altri vengono messi in esempio ma solo con me affonda la mano, poi chiedo lumi in merito all’acquisizione delle registrazioni come mezzo probatorio, e se eventualmente può essere disposta una CTU, e poi se non dovessi farmi la costituzione di parte civile, il PM garantirà la mia posizione? si tratta di un legale quindi è un argomento delicato

  181. Buonasera Avvocato .
    in uno scambio di mail tra 2 colleghi di lavoro con grado gerarchico inferiore al mio uno dei due ha usato epiteti offensivi nei riguardi della mia persona e mi ha messo in cattiva luce accusandomi di aver avuto comportamenti non consoni alle linee aziendali .Sono in possesso della copia cartacea ed informatica della mail incriminata .
    Grazie

  182. Hello there! This is my first comment here so I just wanted to give a quick shout out and
    say I truly enjoy reading your articles. Can you suggest any other blogs/websites/forums
    that go over the same subjects? Thanks for your time!

  183. Buon giorno Avvocato,
    volevo sapere se una lettera raccomandata inviata all’Amministratore di condominio contenente una risposta ad una lamentela
    manifestata dai vicini a causa di una presunta roncopatia dello scrivente puo’ essere girata interamente ai vicino che si sono lamentati o se la mia raccomandata e’ protetta dal segreto professionale o quanto meno sia stata violata la mia privacy.
    Grazie mille per l’attenzione.

  184. Gentile avvocato , sono stato vittima un presunto furto .
    Ero in compagnia di più persone in una piazzetta e considerato che nessuno è arrivato , nessuno se n’è andato e persino per strada non è passata anima viva mi son deciso a chiamare i CC . Dopo una perquisizione quasi inesistente i signori in mia compagnia mi hanno detto che mi avrebbero denunciato per calunnia e diffamazione . Preciso che non mi sono permesso di indicare nessuno in particolare non avendo sospetti precisi .
    E’ possibile che abbia io commesso un qualche tipo di reato? La ringrazio anticipatamente .

  185. Buongiorno avvocato,

    Ho scritto un post sul mio sito per lamentarmi di un servizio ricevuto su groupon, dopo una richiesta di rettifica l’ho modificato, ma loro mi chiedono ancora di rimuoverlo. Secondo lei ci sono dei presupposti per essere denunciato per diffamazione?
    Ecco l’articolo: http://www.marimoreno.it/wordpress/?p=20003

    Nelle mie modifiche ho tolto il nome dell’azienda nella prima parte dell’articolo e quando parlavo delle infrazioni ho aggiunto “secondo me ” o ” secondo la mia interpretazione” .

    Grazie in anticipo e complimenti per quello che sta facendo,

  186. Stim.mo Dottore.
    In data 17 giugno 2013 consumo un rapporto occasionale con una “collega” di lavoro. Entrambi imbarcati come personale di bordo su nave da crociera (quattro mesi, nel mio caso), accade l’incontro. Uno, semplicemente; con profilattico gestito in maniera inadeguata… Forte del fatto che lei mi abbia confidato di aver ultimato il ciclo mestruale da tre gg., non dò pensiero alle conseguenze eventuali.
    In data 29 giugno mi cerca per imputarmi la propria condizione di gravidanza.
    Le chiedo, per cortesia, come tutelarmi da una situazione imbarazzante e, forse, neanche a me attribuibile (con chi sarà stata prima di me? E poi a così breve distanza dall’evento e poco dopo il termine ciclo riferitomi…).
    Ho una lungimirante carriera professionale avanti a me. E non intendo metterla in discussione.
    Vorrei agire ora e presto.
    Non posso perrmettermi di aspettare nove mesi e poi… disconoscerlo!

  187. Buon giorno gentile avvocato ,vorrei un parere riguardo :ho un ‘account su facebook ,mi è arrivato un post dove c’era una persona che diceva di praticare su appuntamento un rito draconiano contro il malocchio etc.,ho commentato con testuali parole,ma per piacere smettiamola,in quanto ,questo lo scrivo qui,non credo a queste cose tipo Wanna Marchi,la risposta è stata: PEZZO DI MERDA FALLITA SCHIFOSA MEGERA DA 2 SOLDI IL TUO COMMENTO DIFFAMATORIO SUL MIO BLOG E’ STATO INVIATO ALLA POLIZIA POSTALE CORREDATO DI DENUNCIA CI VEDIAMO IN TRIBUNALE LURIDA SCHIFOSA PREPARATI TI CHIEDERO’ MIGLIAIA DI EURO DI DANNI PER DIFFAMAZIONE LURIDA PUTTANA,ho cercato di fare copia incolla del testo ma non me lo prende,questa è stata la risposta di questa gentile persona ,così amabile che dovrebbe liberare gli altri dal malocchio con tali energie positive che emana,per quello non ci credo,non credo proprio di aver diffamato nessuno,tanto più che ,mi viene da pensare ,se questa persona fa ciò ,lo fa a pagamento,sennò non lo farebbe su appuntamento,paga l’iva su ciò che chiede?Ovviamente questa è una supposizione,quindi penso proprio che abbia ,non uno ,ma più torti ,sia penali ,per come mi ha offesa e fiscali ,ma che non posso dimostrare,e poi ,mi parla di diffamazione?Attendo sua risposta,premetto che ha cancellato il mio commento la signora,ma credo che rimanga comunque traccia,perchè sennò perde i clienti,o perlomeno suppongo,chi crede che pagando cifroni possa liberarsi da negatività,ridicolo veramente!!!!attendo sua risposta buona serena giornata

  188. Buonasera avvocato
    Sto lavorando in un albergo in trentino altoadige ,vicino bolzano ,faccio il cuoco.Il mio problema e che ho uno chef che e’ un alcolista e spesso mette le mani addosso fa mobbing e mi fa deridere da tutti. Spesso ho minacciato di denunciarlo ma niente da fare.Circa 22-23 giorni fa (15 giugno) non c’e l’ho fatta piu’ e dopo una sua tirata di capelli ho finito il servizio del pranzo e gli ho detto che di sera non sarei sceso perche’ avevo dei dolori gastrointestinali. Alche l’azienda (specificatamente la moglie che si occupa del personale) il giorno dopo mi chiama e mi dice di presentarmi in ufficio perche’ voleva sapere i motivi del mio non presentarmi al lavoro ( gli alloggi del personale si trovano di fronte all’albergo).Io sono andato e alla presenza della moglie e del marito che e’ l’amministratore gli ho detto cio’ che avveniva.Loro molto allegramente mi hanno detto che ognuno a i suoi difetti e lo chef era cosi’ e che loro non potevano far niente(prendendosi le parti del mio responsabile ben sapendo che avevo ragione).E il marito(amministratore) mi da 2 opzioni la prima che mi metta in malattia per tutta la durata del contratto e la seconda, che se voglio andare via devo dargli preavviso e se non lo rispetto me lo scalano dalla busta paga.Cosi’ la sera stessa vado in ospedale e mi danno 5 giorni di malattia perche’ mi dicono di aver contratto un virus. Conseguentemente me ne danno altri 5 sempre per gli stessi motivi di salute(Loro nel frattempo gia’ si sono trovati un’altro cuoco).Non sapendo cosa fare ed avendo fatto 1200 Chilometri per andare a lavorare li mi rivolgo ai sindacati cisl di bolzano dove mi fanno promesse che non mantengono.Dopo vari giorni di tentennamenti e di chiamate mie a vuoto mi chiama la persona che aveva preso la pratica e mi dice che gli chef trentini sono cosi’e qua cosi’ funziona. .Ma non e ancora finita’ l’azienda mi chiama dicendomi che quando avrei lasciato la camera doveva pulirla per bene(questo per farvi capire quanto se ne freghino).Dopo aver sopportato queste azioni circa 10 giorni fa mi metto in malattia per stress da lavoro per un mese, non le nascondo che prendo pillole per dormire perche’ mi scoppia continuamente la testa, non riesco a capire se gli abbia fatto qualcosa di grave(non e possibile) o se non piacevo al mio responsabile ma cio’ che e’ sicuro e che senza motivazioni mi ritrovo carcerato a casa per prendere 6-700 euro al mese, e che mi hanno rovinato la stagione.Il contratto e iniziato il 7 maggio ed e’ in scadenza il 15 novembre.Di testimoni c’e ne sono e sto provando a contattarli per vedere se vogliono fare i testimoni per questa causa.Cosa puo’ fare l’azienda se lo viene a sapere?puo’ darmi qualche dritta o qualche trabocchetto per far si che l’azienda possa sbagliare in modo che posso poi richiedegli il risarcimento per il contratto?? grazie…

  189. Buonasera avvocato: studio giurisprudenza e sono tornato nella mia città per le vacanze estive. Mia madre mi ha detto di essere stata denunciata da uno dei condomini dello stabile in cui i miei genitori sono proprietari di un appartamento, per ingiuria. A quanto pare mia madre avrebbe offeso questa persona con un insulto. Ora conoscendo mia madre, non è la tipica persona che insulta, anzi preferisce evitare il contatto con questi condomini, che comunque vada la stuzzicano e la perseguitano accusandola di cose che non si rivelano poi essere vere, in particolare di gettare rifiuti, avanzi, e oggetti nel loro balcone, che sitrova due piani sotto il nostro; ovviamente queste accuse si risolvono in nulla di fatto. Nello sporgere denuncia tale individuo ha indicato un testimone unico, che altro non è che il nuovo amministratore di condominio. Ora, mia madre non ha rivolto alcun insulto a questa persona, tanto meno in presenza dell’amministratore dello stabile; il nostro avvocato sta lavorando per preparare una contro querela. Mia madre inoltre si è recata al comando dei carabinieri per vedere meglio il verbale della denuncia, è risultato che l’amministratore di condominio è già indagato, chiaramente non è stato specificato per quale reato, e le hanno detto letteralmente di “fregarsene” della denuncia in questione, così come del presunto testimone, in quanto è ben conosciuto dai carabinieri stessi. Volevo domandarle, l’insulto (scusi il termine) “testa di c****o”, che secondo il condomino sarebbe stato rivolto a lui da mia madre, potrebbe rientrare nella specie di reato, perchè quello è il termine che è stato “tirato fuori” come motivazione, inoltre in questo caso, essendo sicuri che il racconto è falso, come si puó agire in propria difesa, potrebbe configurarsi il reato di calunnia? La ringrazio in anticipo, grazie per il suo prezioso tempo.

  190. Mi scusi. vorrei sapere se due ragazzine di 12 anni offendono un altra ragazza e tale la registra e va al comune con i suoi genitori cosa potrebbe a,cadese quali son le conseguenze e i reati commesi ?? . e importante risponta grazie e arrivederci

  191. Buon giorno, scusi il disturbo, mi rivolgo a Lei in quanto non ho bene in mente cosa fare in relazione a quanto accaduto. Ogni anno, quando mi sposto nella casa di vacanza per le ferie, incontro un coinquilino (quelli che non hanno nulla da fare e passano la vita ad assillare i coinquilini) che, senza nessun motivo, appena mi rivolge la parola usa termini molto volgari eserdendo in minacce assurde sul mio conto. Nessuno lo tollera nel condominio, ma solo con me si comporta in questo modo cosi volgare. All’ultima riunione di condominio, svoltasi alcuni giorni fa, si è rivolto in modo inopportuno nei miei confronti finchè non ha perso le staffe del tutto e ha cominciato a gridare come un pazzo sul mio conto!! Gli altri coinquilini lo hanno incitato piu volte a smettere ma lui era fuori di sè; soprattutto perchè ad ogni sua parolaccia io non rispondevo e rimanevo impassibile. Quindi piu io stavo zitta, piu lui dava i numeri. Uno degli altri coinquilini ha registrato col cellulare l’accaduto, nonostante il tipo che mi insultava lo sapesse (era talmente fuori di sè che la metà bastava!!) ma se ne è fregato e ha continuato lo stesso ad imprecare contro di me. E’ anni che si ripetono questi episodi, e ogni anno, senza motivo mi faccio delle figure assurde. Cosa posso fare? Devo andare dai carabinieri o meglio da un giudice di pace? Vale la registrazione che ho in mano? Ho anche un sacco di testimoni che possono testimoniare la cosa…
    Devo per forza prendere un legale? E’ da anni che sopporto questo individuo e ora che ho prove e testimoni vorrei fare qualcosa. La ringrazio infinitamente se mi potesse rispondere
    Eva

  192. Buongiorno Avvocato,
    per fortuna ho trovato un aiuto concreto in lei..
    Nel condominio dove abito spesso ci sono stati malanni, auto strisciate, bidoni rotti, bollette prese dalla mia cassetta e buttate via ecc.
    L’utlima è stata qualche notte fa, hanno strisciato l’auto di un mio vicino.
    Ecco dal terrazzo o dalle finestre è la terza volta che lo sento parlare con tutti i vicini (si prende 1/2 famiglie al giorno) dicendo che non ha le prove ma sa che sono stato io (?).
    Adesso primo ho paura di una ritorsione nei miei confronti, secondo mi da molto fastidio che questo tizio che nemmeno mi conosce mi stia infamando con tutti i condomini. Considerando la privacy come mi posso muovere? grazie infinite

  193. Buon giorno, mi rivolgo a lei per riflettere su un delicato episodio che riguarda il rapporto tra me e mia figlia.
    Premesso che:
    1) in seguito a separazione consensuale del 05/08/2009 si conviene affido condiviso al 50% con mio contributo mensile di 250 euro + metà delle spese mediche e scolastiche documentate
    2) ho sempre pagato con irreprensibile puntualità ogni mio adempimento nei confronti di mia figlia
    3) usufruisco piacevolmente di ogni momento che mi è concesso trascorrere con lei (sono un buon padre che ama la propria figlia più di ogni altra cosa)

    mi è capitato la scorsa settimana che la bambina (6 anni, va in prima elementare) dicesse <>

    Sulle prime le ho risposto con stupore che io do tutto quanto devo dare alla mamma affinchè lei abbia sempre da mangiare, mi interesso di ogni cosa che la riguarda e le compro sempre vestitini + scarpe SENZA MAI DARE IMPORTANZA A QUANTO SPENDO PER IL SUO BENE. Insomma le ho detto che non è vero.

    Come mi devo comportare per tutelarmi da queste situazioni volte a condizionare negativamente il rapporto padre/figlia, peraltro in modo assolutamente infondato?
    Posso in qualche modo diffidare la nonna materna dal ripetere parole simili?

    • DOMANDO SCUSA, DEVO RISCRIVERE LA DOMANDA PERCHE’ IL SISTEMA NON HA PUBBLICATO IL DISCORSO DIRETTO CON IL SIMBOLO <<

      Buon giorno, mi rivolgo a lei per riflettere su un delicato episodio che riguarda il rapporto tra me e mia figlia.
      Premesso che:
      1) in seguito a separazione consensuale del 05/08/2009 si conviene affido condiviso al 50% con mio contributo mensile di 250 euro + metà delle spese mediche e scolastiche documentate
      2) ho sempre pagato con irreprensibile puntualità ogni mio adempimento nei confronti di mia figlia
      3) usufruisco piacevolmente di ogni momento che mi è concesso trascorrere con lei (sono un buon padre che ama la propria figlia più di ogni altra cosa)
      mi è capitato la scorsa settimana che la bambina (6 anni, va in prima elementare) dicesse "LO SAI CHE LA NONNA XXXXX DICE CHE DAI POCHI SOLDI ALLA MAMMA PER COMPRARMI LE PAPPE?"
      Sulle prime le ho risposto con stupore che io do tutto quanto devo dare alla mamma affinchè lei abbia sempre da mangiare, mi interesso di ogni cosa che la riguarda e le compro sempre vestitini + scarpe SENZA MAI DARE IMPORTANZA A QUANTO SPENDO PER IL SUO BENE. Insomma le ho detto che non è vero.
      Come mi devo comportare per tutelarmi da queste situazioni volte a condizionare negativamente il rapporto padre/figlia, peraltro in modo assolutamente infondato?
      Posso in qualche modo diffidare la nonna materna dal ripetere parole simili?

      Ringraziando porgo Distinti Saluti

  194. Gentile Avvocato,
    lavoro in un’azienda, sono impiegata.
    La mia responsabile sta dicendo ad altri miei colleghi che io ho esercitato “nonnismo” nei confronti di una mia collega, la stessa collega ha negato alla mia responsabile di subire questo comportamento da parte mia. Ho già fatto presente l’accaduto all’ufficio del personale, posso fare altro?
    Cordiali saluti

  195. Salve avvocato, le scrive perchè ho un dubbio! Su facebook c’era un ragazzo che cercava dei punti regalissmi in regalo, e ne cercava molti! Allora mi sono permesso di dire ” Ho letto altrove che cercava per venderli.Non dategli assolutamente i punti, li cerca gratis perchè li vuole rivendere e farci un guadagno!” Questo ha detto che mi denuncia per calunnia/diffamazione! Secondo lei ci sono i presupposti per farlo? E quando rischio se la denuncia viene accettata?

  196. gentile avvocato,

    sono passibile di denuncia se, a seguito di un pagamento doppio a mio carico per un servizio X che ho utilizzato, contattato il supporto online senza avere spiegazioni plausibili sulla metodologia di applicazione “sovrattassa/more/penali” etc, nè vi è una informazione sul regolamento del sito che citi di questi pagamenti, ho detto che li avrei denunciati all’autorità competenti qualora non avessi ottenuto il rimborso, e mi sono finta giornalista con stesura di articolo? Se sì, visto che sono una studentessa universitaria, come ne posso uscire?

  197. Buongiorno,
    Sono una mamma di una ragazza di 14 anni la quale ha scritto un blog per due giorni nel quale parlava (senza volgarità o insulti) male dei compagni di classe citandoli con una lettera dell’alfabeto. La scuola la puó denunciare? I compagni non vogliono denunciarla ma la scuola puó farlo. Lei ha citato solo il nome della scuola e la classe. Ora il sito é cancellato.

  198. bUON GIORNO,CIRCA UN ANNO E MEZZO FA ERO AMM.RE DI SOCIETà LA QUALE AVEVA IN LEASING LA PARTE TECNOLOGICA (COMPUTER SERVER ED ALTRO). i CANONI AD UN CERTO MOMENTO NON VENGONO PAGATI E LA SOCIET ED INOLTRE ALLA SOCIETà VIENE DATO LO SFRATTO. eSCE DAL MAGAZZIONO IN CUI ERA ALLA DATA DEL 31.5.2012. pOCO DOPO AI PRIMI DEL MESE DI GIUGNO SO PRESENTANO DAL PROPRIETARIO , I TITOLARI GIà NON AVEVANO PIU’ ACCESSO NE LOCALE NAGAZZINO, GLI ADDETTI DELL’ASSISTENZA TECNICA I QUALI CON MADATO SCRITTO RITIRANO TUTTO IL MATERIALE PER CONSEGNARLO ALLA SOCIETA’ LOCATRICE. IN LUGLIO RICEVO IN QUALITà DI AMMINISTRATORE UNA DENUNCIA PENALE PER SOTTRAZIONE DI BENI ” PER ARRECARMI UN INGIUSTO PROFITTO ” RECITA LA DENUNCIA. mA C OME, HANNO MANDATO A RITIRARE TUTTI I BENI IN LEASING E NONOSTANTE MI DENUNCIANO PER APPROPRIAZIONE INDEBITA? MI SEMBRA CHE VI SIA UN DOLO GRALE DA PARTE DELLA SOCIETA FORNITRICE DEI COMPIUTER NON LE PARE? mI CHIEDO ANCHE GLI AVVOCATI CHE HANNO PREPARATO LA DENUNCIA , HANNO IN MANO LA LETTERA DI INCARICO PER PRELEVARE I COMPIUTER DAL MAGAZZIONO STILATA DALLA CLIENTE CHE ACCUSA DI NON AVER RICEVUTO IN RESTITUZIONE I BENI IN LEASING E NONOSTANTE SPORGONO DENUNCIA DI APPROPRIAZIONE INDEBITA. iO SO CHE NON SONO COLPEVOLE ED HO LE PROVE MA INTANTO DEVO SOPPORTARE LE SPESE PER DIFENDERMI. NON E’ GIUSTO . pOSSO IN QUESTO CASO DENCIARE PER DIFFAMAZIONE CHI MI HA DENUNCIATO PER APPROPRIAZIONE INDEBITA PROCURNDOMI UN DANNO D’IMMAGINE? cHE RISARCIMENTO POTRO’ SENDO lEI RICHIEDERE?
    gRAZIE BUON LAVORO.
    EROS.

  199. Avvocato, buonasera.
    il CDA dell’ente per il quale lavoro in qualità di direttore ha nominato amministratore unico una persona con l’obiettivo di verificare se fosse possibile salvare l’ente oppure se fosse meglio chiuderlo.
    Dopo un mese dal suo insediamento, mi sono giunte voci (che continuano ad amplificarsi) provenienti da più persone residenti nel luogo dove questo ente opera che la causa del dissesto finanziario dell’ente è da attribuirsi alla mia incompetenza, al fatto che percepissi stipendi faraonici, che mi elargissi premi in denaro a mia discrezione, ed altre nefandezze simili.
    Premetendo che, ovviamente, quanto sopra è frutto della fantasia di qualcuno che ha interesse a gettare fango sulla mia persona (diventerei così il perfetto capro espiatorio per la chiusura dell’ente) , che la mia estraneità ai fatti citati è ampiamente dimostrabile documenti alla mano, cosa posso fare per fermare questo scempio ad opera della mia persona?
    La ringrazio della risposta che mi darà.

  200. Gentile Avvocato, vorrei chiederle se è possibile querelare una persona che scrive di fatti realmente accaduti con coinvolgimento di persone vere ma cambiando i nomi reali con nomi di fantasia (lasciando intatte le iniziali dei nomi).
    La persona in questione ha pubblicato su social network una serie di capitoli con lo scopo di pubblicarne un libro.
    I fatti sono fedelissimi alla realtà, per cui è facilissimo risalire dal personaggio alla persona reale.
    Grazie in anticipo per la risposta

  201. Gentile avvocato la mia futura suocera continuamente sparla di me con la mia compagna dandomi dell’alcolizzato nonostante beva saltuariamente e in particolare non abbia toccato alcol in quella determinata situazione quando mi è stato dato dell’alcolizzato e dicendo continuamente alla mia fidanzata che faccio cose che in realtà non faccio. La mia fidanzata è ancora minorenne e molto influenzata dai genitori e quando la madre gli dice queste cose il nostro rapporto ne risente parecchio. cosa posso fare?

      • Buongiorno avvocato volevo sapere se sussiste reato di ingiuria per insulti in questo caso:

        Stavo attraversando un incrocio con il mio veicolo a bordo c’era anche mio padre ad una velocità moderata, dietro arriva una coppia di anziani che mi suona per andare più veloce allora io gli faccio il gesto dal finestrino come per dire che ca vuoi? questi continuano dopo a suonare mi
        superano è dicono la signora nel auto mi dà del cogli.. perché dice che gli ho fatto gesti gli ho minacciati è mi fanno vedere un foglio di carta dove hanno preso la mia targa è mi vogliono denunciare… io gli ho detto di non rompere i co. è me ne sono andato? ecco vorrei sapere se è possibile fare una denuncia per queste cose, mi devo aspettare qualche sorpresa? c’è reato per una cosa simile? visto che al giorno d’oggio non mi stupisco più di nulla

  202. Buona sera avvocato, la zia del mio compagno mi ha denunciato art594 dopo aver avuto una discussione accesa tramite messaggi privati facebook a seguito di un suo cattivo comportamento al battesimo della mia bimba, le parole che ho usato sono state meschina, cattiva, maligna e pessima. Ora mi chiedo la giustizia italiana puo davvero perseguirmi per queste parole? Grazie

  203. Buongiorno signor avvocato,mi chiamo efisio e vengo dalla sardegna,vorrei porle il mio problema se possibile:Ho lavorato per circa 2 anni presso una ditta di impianti elettrici,il mio datore mi ha sempre pagato ma li ultimi mesi,non mi ha dato neanche un euro e tantomeno la liquidazione;un giorno ricevo una telefonata da parte sua,mi dice di andare a prendere i soldi a casa sua,mi doveva 3700 euro,ma una volta arrivato li mi dice che quella somma non me la da,che se voglio mi da 1000 euro ma che le devo firmare che ho preso tutto,altrimenti non mi da niente!Io me ne sono andato ma ho registrato tutta la conversazione con il telefono!!posso uttilizzarla per denunciarlo affinke” non mi dia questi soldi che mi spettano??Potrebbe darmi qualche consiglio per favore?In attesa di una vostra risposta vi porgo distinti saluti,grazie

  204. Buongiorno avvocato volevo sapere se sussiste reato di ingiuria per insulti in questo caso:

    Stavo attraversando un incrocio con il mio veicolo a bordo c’era anche mio padre ad una velocità moderata, dietro arriva una coppia di anziani che mi suona per andare più veloce allora io gli faccio il gesto dal finestrino come per dire che ca vuoi? questi continuano dopo a suonare mi
    superano è dicono la signora nel auto mi dà del cogli.. perché dice che gli ho fatto gesti gli ho minacciati è mi fanno vedere un foglio di carta dove hanno preso la mia targa è mi vogliono denunciare… io gli ho detto di non rompere i co. è me ne sono andato? ecco vorrei sapere se è possibile fare una denuncia per queste cose, mi devo aspettare qualche sorpresa? c’è reato per una cosa simile? visto che al giorno d’oggio non mi stupisco più di nulla grazie

  205. Egregio Avvocato,
    sono un dipendente privato in attività di front-office. E’ configurabile il reato di diffamazione da parte di un cliente che rivolgendosi al sottoscritto dice : “siete dei figli di p******a” “siete una manica di s*****i”. Gli chiedo a chi si riferisse e dice : “a voi” verso di me ed i miei colleghi. Tengo a precisapere che nessun comportamento mio e dei colleghi può essere addotto come scusante al tipo di reazione del cliente. Ecco i dubbi : avendo i dati della persona posso denunciarlo privatamente, nonostante sia durante l’orario lavorativo? Avrei conseguenze negative con il mio datore di lavoro se adottassi tale condotta? A quali autorità posso rivolgermi?
    La ringrazio per il tempo concessomi e porto distinti saluti.

  206. Salve avvocato,
    Nel corso di una telefonata ricevuta in ufficio dalla moglie del mio datore di lavoro – evidentemente affetta da problemi psichici- mi sono sentita ingiustamente accusare di intrattenere una relazione extra-coniugale con il marito. Durante detta conversazione purtroppo era presente solo il marito che mi ha poi pregata di essere comprensiva nei confronti della moglie che sta passando un periodo di instabilità emotiva. Cosa che avrei fatto volentieri se all’accusa telefonica non avessero fatto seguito due email accusatorie e offensive che la signora mi ha inviato all’indirizzo di posta elettronica della società . In dette email oltre a rimarcare la sua convinzione mi chiede una “confessione” dell’inesistente relazione col marito. Ho quindi deciso di rispondere alla signora mettendo in copia il marito mio datore di lavoro e citando gli articoli 594 e 595 del codice civile e invitandola a smettere di tormentarmi pena denuncia. La signora credo non abbia intenzione di smettere e il mio datore di lavoro credo se la sia presa per la mia iniziativa. Cosa posso fare per tutelarmi? Oltre all’autorità giudiziaria per una querela per ingiurie a chi potrei rivolgermi? ci sono altre articoli del codice civile o penale ai quali appellarmi? l’atteggiamento della signora infatti oltre ad essere discriminante nei miei confronti (la mia unica colpa in effetti è quella di essere donna) si inserisce in un contesto lavorativo pluriennale e dove è evidente la vulnerabilità di chi teme di perdere il proprio lavoro. E’ una situazione imbarazzante e non so come uscirne…

  207. caro e gentilissimo avvocato io e’ da cinque anni che vivo in un allogggio con la mia famiglia, una bambina di sette anni e mio marito.noi siamo meridionali e da cinque anni siamo criticati da i condomini,perche abbiamo abitudini diverse ed essendo nuovi dobbiamo cambiare e attenerci l alle loro abitudini .in casa non ci possiamo muovre non possiamo parlare che origliano tutto ridono sulla nostra intimita’.noi sempre zitti per educazione ,tempo fanon ce l’ho fatta piu eho commentato con mio marito quello che avevo sentito.dopo cio mi hanno denunciato ,a casa non mie giunta nessuna comunicazione di cio.., loro stanno unendosi ad altri condomini per avere dei testimoni. cossa posso fare per difendermi?

  208. Salve sign. avvocato mi e stata inviata una lettera di contestazione in breve diceva che sono venuti sul posto di lavoro e non mi hanno trovato io lavoro in una scuola pubblica nell’orario che citano l’oro e impossibile perche ci sono piu di 15 persone ed io ero presente ……la preside vuole anche scrivere una lettera dove dice che io ero presente, cmq vorrei sapere come comportarmi perche cmq devo andare a rispondere di sta cosa che non ho fatto ma io voglio prendere provvedimenti contro l’azienda a me sta cosa non sta bene

  209. Buonasera Avvocato,
    Sono dipendente di una piccola azienda privata, composta da sedi diverse nelle quali esercitano vari preposti, il mio datore di lavoro per forza di cose quindi non può essere sempre presente, e anzi, capita spesso che due dipendenti si ritrovino a lavorare soli, senza testimoni, quindi.
    Poco dopo la mia assunzione mi sono resa conto che era “sport aziendale”, praticato in particolare dalla nostra preposta e dal marito nostro collega, sparlare in maniera reiterata e continuativa delle nostre colleghe e del titolare, anche con riferimenti pesanti, ad esempio dando della ladra a destra e a manca!
    La situazione non era serena, vedevo continuamente le colleghe calunniate subire comportamenti che rientrano nel mobbing senza ombra di dubbio, e subire ” ritorsioni” nel caso si ribellassero anche se sempre nei limiti della correttezza del comportamento sul posto di lavoro. Per paura a mia volta di subire ritorsioni, ho ascoltato, pur senza partecipare, ai discorsi calunniatori del preposto e del marito, con atteggiamento, vigliaccamente da parte mia, condiscendente.
    Ora, sono divenuta anch’io oggetto di calunnia, in seguito a mia ribellione anche in difesa di alcune colleghe, e volta a un più sereno svolgimento dell’attività lavorativa. Tentando di difendermi, ho contattato direttamente il mio titolare, riferendogli minimizzandoli comunque molto i comportamenti che turbavano lo svolgimento del lavoro. Il risultato è che sono stata calunniata anch’io col titolare!
    Si tratta quindi della mia parola contro la loro di fronte a lui. In particolare mi accusano di razzismo, cosa che posso tranquillamente dimostrare non mi appartenga neanche in misura infinitesimale, e di aver minacciato denunce allo spisal.
    Per difendermi da accuse di questo tipo, cosa posso fare? Ci sono gli estremi per una denuncia? Nel caso ricevessi a seguito di tutta questa faccenda un richiamo disciplinare, e ritenendo la sola risposta ” troppo poco”, ci potrebbe essere una maniera più incisiva di procedere?
    Preciso che mi aspetta un futuro di mobbing in quest’azienda, almeno finchénon troverò un altro impiego.
    La ringrazio in anticipo per l’attenzione.

  210. Gentile avvocato, recentemente è successa una cosa brutta al lavoro. Ho avuto un incidente e ho dovuto mettere il collare e andare in malattia. Una mia collega, in confidenza, mi ha detto che il direttore ha riferito ad una collega che da come stavo male ero riuscito a portargli il certificato direttamente a mano, facendomi capire che stava mettendo in dubbio la veridicità dell’accaduto. Io ho reagito malissimo, perché è da un po’ che ho problemi a livello sia professionale che personale con il diretto interessato, ma ci sono sempre passato sopra. Questa volta però ho deciso di mandare una mail al mio datore di lavoro chiedendo spiegazione per il comportamento del direttore e facendo delle considerazioni personali serie rispetto al fatto. Ho scritto che non mi sembrava giusto che la mia integrità morale fosse messa in discussione e che avrebbero potuto mandare una visita fiscale a casa se non mi credevano, oltre al fatto che preferirei che il direttore mi dicesse queste cose in faccia piuttosto che dirle ai colleghi come in un discorso da bar. Non appena il datore di lavoro ha letto la mail, ecco che ha chiamato subito il direttore chiedendo spiegazioni. Quest’ultima ha contattato la persona che era con lui nel momento in cui ha proferito queste parole e le ha chiesto se le risultasse che lui avesse detto realmente quello che io sostengo nella mail e quest’ultima lo ha appoggiato dicendogli che è vero che non le ha dette e che sarebbe disposta a testimoniarlo in tranquillità. Il fatto è che a me la stessa persona ha mandato un messaggio al cellulare dove diceva l’esatto opposto citando testualmente le parole del direttore. Il direttore mi ha chiamato e mi ha voluto vedere. Mi ha detto che lui è sicuro di non aver detto quello che gli è stato messo in bocca e che è pronto a dimostrarlo. Ovviamente mi ha chiesto chi me lo avesse riferito e io, titubante, alla fine ho ceduto, perché, avendo mandato un documento ufficiale al datore di lavoro, lamentando questa cosa, non potevo certo rimangiarmi tutto. Il mio obiettivo era quello di proteggere la mia collega che si è fidata di me e non metterla in mezzo ai problemi. Ho quindi detto che sarei stato disposto a dirgli come sono andate le cose a patto che non ci fossero conseguenze disciplinari a carico dei colleghi coinvolti, perché sicuramente si sarà trattato di un qui pro quo. lui ha accettato, ma adesso mi è venuto in mente che la collega in questione ha avuto una sospensione dal lavoro per insubordinazione e che il mio datore e il direttore non aspettano altro che trovare un appiglio per poterla licenziare. la mia domanda è: può la mia collega essere licenziata se viene dimostrato che in realtà le parole a me proferite in maniera del tutto confidenziale non sono state realmente pronunciate dal direttore? può quest’ultimo appellarsi a questa sorta di diffamazione (non so se è giusto usare questo termine) per ottenere una sospensione dal lavoro e un successivo licenziamento? ovviamente io sono certo che le parole del direttore erano realmente quelle e mi aspettavo che la mia collega non se le rimangiasse se messa in pericolo, ma capisco che la paura di perdere il posto di lavoro o essere messa in mezzo è stata più forte di tutto il resto.

  211. Chiedo scusa non so scrivere bene ho un problema con la sorella del .io anziano ogni volta che vene a trovarlo mi offende dando mi da schiava e da stupid da delicuente poi ogni in pronto soccorso davanti a l’agente presente mi a offeso ancor a. Cosa devo fare io lavoro 24sul24 voglio estere lasciata.n pace m ia non capisce curato ormai sono stufa mi dia un consiglio perche io sto lavorando e sono in te.po di lavoro quando lei mi offende spero che capisca grazie av

  212. Hello there! This post couldn’t be written any better!
    Reading this post reminds me of my old room mate! He always kept talking about this.
    I will forward this article to him. Fairly certain he
    will have a good read. Many thanks for sharing!

  213. Buonaresa avvocato, sono un genitore di un ragazzo di tredici anni, volevo chiedere se posso provare che mio figlio e’ stato messo in difficolta’ dai suoiprofessori per l’esame di terza media? E’ stato spesso offeso …..con delle frasi <> e’ stato offeso per il mestiere del papa’ ……….gli e’ stato detto <>…..abbiamo fatto presente alla dirigente ……ben due volte …ma lei ha risposto<> possiamo scrivere almeno una lettera di lamentela……

  214. Egregio avvocato, vorrei porLe una domanda: posso querelare per diffamazione, il mio capo servizi ( lavoro in una società di trasporto valori) per aver detto ad un mio carissimo collega e sindacalista come me, che il sottoscritto era a casa in malattia per dispetto. Tengo a precisare che ho un certificato medico che attesta una lombo sciatalgia e per di più l’azienza mi ha mandato la visita fiscale dell’ IPNS, dove il dottore mi ha accertato la lombo sciatalgia e addirittura non mi ha chiuso la malattia perchè ero ancora incriccato alla schiena.
    Il mio collega è diposto a testimoniare l’accaduto.
    Mi spiego meglio, il mio collega si è recato dal capo servizi per farmi la cortesia di ritirare il mio porto d’armi rinnovato, visto che io ero in malattia ,(il documento mi serve per poter uscire di casa in servizio con l’arma) , risposta del caposervizi :” lo faccio a posta a stare a casa in malattia e che il porto d’armi me lo dava quando tornavo in servizio”.
    Faccio presente che per recarmi in azienza faccio 60 KM in auto, in questo tragitto se vengo fermato per un controllo come faccio ad avere l’arma addosso ed il porto d’arma in azienda?.
    Nonostante il mio collega a più volte ribadito questo concetto non ha voluto saper nulla è rimasto inremovibile sulle sue decisioni.
    Ho deciso di querelarlo per diffamazione. Chiedevo un suo gentilissimo consiglio.
    Un saluto

  215. Egr. Avv. Le espongo il mio problema sono oggetto di ingiurie diffamazioni ed offese
    continue di tipo verbale da parte di diverse persone che stanno
    rovinando il mio onore e la mia credibilità.
    Le offese mi vengono rivolte indirettamente anche in pubblico con battute e
    versi ecc. Spesso gente passa sotto casa gridando soprannomi e ingiurie.
    Conosco queste persone ma tuttavia non ho prove documentate sulle offese subite
    e che le accuse siano rivolte a me per poter presentare una querela avendo l’obbligo di provare tutto.
    Cosa devo fare, come comportarmi ?

  216. Gent.Le Avvocato
    vorrei sapere se esiste reato di ingiuria o diffamazione in questo caso:
    mia figlia ogni tanto gioca con il suo smarthphone su un gioco di poker online dove x registrarsi deve dare una email e inoltre essendo online anche se sul telefonino ha bisogno della connessione internet.
    Ultimamente una persona entra e si mette a giocare nei tavoli da poker insultando pesantemente gli altri giocatori compresa mia figlia con frasi del peggior scaricatore di porto che non mi permetto di ripetere, mettendo in mezzo e insultando pesantemente anche membri della famiglia non presenti e augurando morte e malattie varie ai presenti e ai relativi.
    Si puo’ fare qualcosa in questo caso?
    Sperando in una sa risposta seria, la saluto cordialmente
    Maria

  217. Buon giorno volevo sapere se potevo avviare una pratica di querela alla ex fidanzata di mio fratello in quanto sul giornale e uscito un articolo in cui dicevano che un ragazzo del età di mio fratello era stato imputato di furto.
    Però la ex manda sms a me e mio padre dicendo che siamo una famiglia di ladri delinquenti e che la pagherete e in questo contesto con questa offesa prende anche mio marito e le mie figlie che dono ancora piccole posso avviare una querela per diffamazione .
    In più sul Suo profilo whatsapp mette articolo del giornale e sono certo che a tutti dice che è stato mio fratello

  218. Salve avvocato vorrei un parere. In una recente telefonata di lavoro stavo spiegando al committente le procedure da mettere in atto per ottenere dei permessi per un’opera da realizzare. Mentre gli spiegavo le cose da fare, all’improvviso e senza motivazione il mio interlocutore ha cominciato a darmi del pazzo, a dire che vivo in un mondo alieno e a dire che starei bene in un noto ex ospedale psichiatrico di Roma. Questo atteggiamento offensivo completamente gratuito, ha leso la mia dignità tanto più perché totalmente inaspettato. Registro sempre le telefonate di lavoro e gradirei sapere se è configurabile una denuncia per ingiuria, utilizzando la registrazione come prova. Grazie mille
    Saluti

  219. buongiorno,
    mi potrebbe gentilmente dire se perseguibile
    persona che invia a me o a terzi email diffamatorie e offensive nei miei confronti e della mia compagina?
    posso denunciarlo?
    grazie dell’attenzione.
    marco

  220. Buon giorno sig.r Avvocato, le volevo sottoporre alla sua cortese attenzione quanto successomi: inseguito ad una lite avvennuta tra parenti, ho fatto denuncia in questura contro uno dei miei parenti, affermando che mi avesse minacciato verbalmente, sottointendendo con la frase “Prima o poi ti sistemo” che fosse sua intenzione farlo con l’uso di una delle sue armi da caccia, che possiede gelosamente in casa sua. Il punto è che realmente tale minaccia non m’era stata espressa in questi termini, ma dal momento che ero impaurito per l’atteggiamento colleroso tenuto nei miei confronti da parte di questo parente, ho pernsato bene di enfatizzare i termini della mia denuncia, affinchè le forze dell’ordine fosse così autorizzate a sequestragli le armi in suo possesso. La mia domanda è a questo punto a cosa vado incontro se adesso lui col suo avvocato mi fa una querela per falsa dichiarazione?

    La ringrazio per la sua cortese attenzione.

  221. Buongiorno avvocato ho una domanda da porle.. Se un mio collega racconta ad altri colleghi che a loro volta raccontano ad altri colleghi fatti intimi e privati di una relazione che abbiamo avuto in passato è passibile di denuncia sia lui che gli altri che hanno infangato il mio nome.. Considerando che sono una donna felicemente sposata ora è queste offese mi potrebbero danneggiare sia come singola persona che come coppia.? Grazie della Disponibilità.. Cordiali saluti

    • Salve signor awocato.
      Sono una ragazza straniera che non conosco bene le leggi italiane.
      Per questo lì chiedo Aiuto.
      Lavoro in una Pizzeria e la mia D’attore di lavoro oggi mi ha chiamato brutta stronzo, e putana e altro..
      Perché avevo detto a suo figlio che lavora con me “Handicapato”.
      Lui mi provocava ogni giorno
      Però anche lui mi aveva offesa tante volte.
      problema non è lui perché con lui era una cosa reciproca fra noi.
      mi ha d’atto molto fastidio che è venuta sua madre in cucina e mi aveva offesa come a ultima prostituata.
      Mi scusi awocato per il disturbo ma ho bisogno che mi aiuta.
      Grazie mille
      Cordiali saluti

  222. Buongiorno avvocato sono stato licenziato p.a perchè il capoufficio ha segnato giorni di assenza per malattia ,invece ero fermo per infortunio in servizio con riconoscimento causa di servizio dovuta alla stessa ,ma l’amministrazione non mi ha ricollocato in servizio , il tar inammissibile
    il consiglio di stato ha respinto il giudizio di merito ,se denuncio il capoufficio potrei riaprire il caso magari in cassazione grazie

  223. Buongiorno avvocato,

    sono consigliere comunale, e sono stato vittima di un’ingiuria da parte di un altro consigliere, membro del mio stesso gruppo, in luogo pubblico e alla presenza di una decina di persone, tra cui altri membri del gruppo stesso.
    E’ possibile, nella lettera di diffida a nome di tutto il gruppo, richiedere le dimissioni del reo dalla carica di consigliere (dimissioni peraltro da lui già promesse, ma non ancora ottenute), oppure si rischia una controquerela/controdenuncia?

  224. Avvocato buongiorno, avrei bisogno di un parere. La mia ex ragazza mi ha deciso di lasciarmi a metà settembre 2013, ma fino a gennaio 2014 ha continuato a scrivermi frasi via whatsapp per convincermi a tornare con lei e a cambiare quelle cose della mia vita (interessi personali, sportivi) che l’avevano spinta a lasciarmi. Alla fine ognuno ha preso la propria strada. Nulla di strano, se non fosse che qualche giorno fa viene fuori una sua foto pubblicata su instagram nella quale la didascalia riporta la scritta “un anno di noi” o qualcosa di simile, con riferimento alla relazione con il suo attuale fidanzato. Quello che vorrei sapere è se rischio qualcosa in termini legali nell’inviare a lei e al suo attuale ragazzo, in forma privata (penso a un messaggio privato su facebook) qualche screenshot di conversazione intercorsa fra lei e me nel periodo settembre-dicembre. Spero di essere stato chiaro. Grazie

  225. Salve Avvocato,

    Avrei una questione da sottoporle: anni fa, nel corso di un festival musicale, ho avuto un malore che mi ha causato una crisi epilettica; fortunatamente, trattandosi di un episodio isolato e causato da un forte stress psicofisico, non ho mai più manifestato i sintomi di questa tremenda patologia nervosa e ho potuto proseguire tranquillamente la mia vita.
    L’altroieri ho avuto un bruttissimo risveglio: una mia cara amica intima mi ha telefonato avvertendomi che una persona iscritta nella lista dei suoi amici di Facebook (per altro una lista dell’ordine di qualche migliaia di persone!) mi ha menzionata, facendo riferimento all’episodio di cui le ho accennato sopra (come lei può immaginare molto doloroso da ricordare) e raccontando i fatti in modo che risultassi il più umiliata e screditata possibile; cosa ancor più assurda, lo ha fatto a titolo assolutamente gratuito, perché io non sono sua amica su Facebook, non lo sono mai stata e nemmeno anni fa nell’occasione del malore lo ero: ero, semmai, conoscente di terzi suoi amici che in quella circostanza si sono allarmati per il mio stato di salute.
    Questa persona, a mio parere e a parere anche di molte altre persone che sono state molestate da lei su Facebook e nella vita reale per i motivi più superficiali e pretestuosi, è mentalmente disturbata; i contenuti che condivide pubblicamente sul social network sono di gusto molto dubbio e di nessuna rilevanza. In nessun caso avrei voluto che l’immagine della mia persona fosse in qualsiasi modo accostata alla sua, si immagini l’orrore di vedermi citata per nome in un commento scritto in un italiano penoso, con un linguaggio mortificante e senza il minimo rispetto né per la mia dignità di persona né addirittura per la mia famiglia, dal momento che si è permessa addirittura di nominare mia figlia, sostenendo che “avrà una vita infelice” perché – sempre secondo lei – io soffrirei di epilessia. Voglio specificare che questa molestatrice è al corrente della mia maternità esclusivamente tramite le foto condivise su Facebook da me insieme all’amica che mi ha telefonato per mettermi al corrente di quello che stava succedendo sulla sua bacheca.
    Sfortunatamente non ho avuto la lucidità e il distacco tali da evitare una reazione impulsiva (alle 9.00 di domenica mattina…) e quindi le ho risposto per le rime, usando l’unico linguaggio a lei comprensibile: volgarità, minacce e insinuazioni, ma ( e non cerco di mascherare la mia caduta di stile) sempre con un fondo di plausibilità, visti i costumi molto discutibili della suddetta, corredati di foto oscene e contenuti scatenti, che non lasciano dubbi sulla sua qualità morale. Tanta è stata la mia rabbia nei commenti contro di lei che alla fine mi ha bloccato e quindi non ho più visualizzato niente inerente a lei. A quel punto però la sensazione di degrado e frustrazione che ho provato è stata spiacevolissima: tutti questi commenti più che imbarazzanti sono avvenuti sotto ad una foto con un centinaio di apprezzamenti e visualizzata da chissà quanti altri utenti! Questa pazza mi ha fatto fare una figuraccia colossale!
    Mi scuso se mi sono dilungata e passo alla questione: secondo lei ci sono gli estremi per sporgere denuncia alla polizia postale per diffamazione a mezzo web verso questa persona di cui ho nome e cognome? Le ingiurie e pesanti offese che ho rivolto a mia volta sussistono come reato oppure possono essere valutate come reazione impulsiva ad una provocazione che mi ha esasperata? Infine, in che misura la denuncia può condizionare la privacy della mia amica (che per amore della mia dignità ha di sua iniziativa cancellato i commenti più ingiuriosi)?

    La ringrazio anticipatamente per il consulto

  226. Egregio Avvocato, dal febbraio 2010 al luglio del 2014 sono stato consigliere in una società A, con la sola delega al settore commerciale ( ma di fatto e dimostrabile da quasi dipendete) acquisita nel febbraio dalla società B già con delle perdite rilevanti e nella quale precedentemente occupavo una posizione nel commerciale; a cause di tante ragioni tra cui la crisi, la società A ha accumulato altre perdite. Nel luglio si dimette l’intero CDA e resta un amm unico. Io continuo la mia collaborazione nel settore commerciale in un’altra forma e con altro contratto, anche ad oggi attivo. Alla data odierna con una serie di inatrventi pare che la societa abbia ripianato le perdite. Il punto è il seguente: il consigliere X membro del CDA sia nella società A che nella società B con il compito di gestione e controllo appunto della controllata A mi scrive 2 giorni fa una mail dove apertamente e chiaramente accusa il sottoscritto della perdita della società A ed attribuendosi ll merito del risanamennto della stessa. Aggiungo che da un anno e mezzo al sottoscritto sono stati chiesti sacrifici, rinuncia a crediti etc… Ci sono in questo caso gli estremi per una mia maggiore tuteloa di fronte a questa accusa tutela? La ringrazioanticipatamente per la sua risposta e per il contributo che offrite!

  227. Salve Avvocato,e complimenti per il Suo Blog.
    Ho avuto una serie di problemi per schiamazzi con il gestore di un bar che mi hanno aperto da poco proprio sotto il mio appartamento in cui vivo in affitto.Negli ultimi mesi ho avuto problemi economici e ho lasciato indietro 3 mensilita’ di affitto ,il proprietario ,al quale avevo chiesto supporto per farmi aiutare nella diatriba con il bar sotto(supporto rifiutato) mi ha immediatamente mandato un’intimazione di sfratto, ma il giudice mi ha concesso il termine di grazia,per sanare il contenzioso.
    Nel frattempo ho saputo che una sera durante l’orario di esercizio del bar ,il proprietario del mio appartamento si e’ recato nel locale per dire al gestore che (ignorando il fatto che io ho promesso di pagare davanti al giudice) mi manda via e entro 90 gg. saro’ sfrattato. offrendo a lui un’eventuale affitto dell’appartamento. io sono riuscita a registrare il gestore che in un’attimo di tregua mi riferiva quanto accaduto . E’ possibile agire per vie legali contro il mio proprietario , per violazione della privasy ,oppure per diffamazione , o per aver svelato una cosa giudiziaria che comunque prevede un ravvedimento, e per aver leso la mia figura agli occhi degli altri in particolar modo proprio a colui con cui sono in contrasto ? La ringrazio anticipatamente per l’eventuale risposta. Cordialmente.

  228. Sig Avvocato
    vorrei sapere cosa succede se comunico al mio ex tramite sms che la sua tipa attuale è stata vista con un’altro è che è una approfittatrice
    La tipa mi può denunciare?

  229. SIGN.AVVOCATO UNA SOLA DOMANDA LAVORO DA 3/4 ANNI PER UNA SIGNORA ANZIANA “DOMESTICA A LUNGO ORARIO” SPESSO L’HO BECCATA CHE DIETRO LE MIE SPALLE E IN PRESENZA DELLE SUE FIGLIE MI FA GESTI SOLO Perché SONO UNA PERSONA OBBESA, VOLEVO SAPERE SE Cè UNA DICIAMO LEGGE CHE MI TUTELA PER QUESTO TIPO DI DESCRIMINAZIONE E O POTREBBE ESERE ANCHE DENUNCIABILE? LA RINGRAZIE PER LA SUA ATTENZIONE

  230. Salve SIG.Avvocato.Le volevo pore una domanda.Su un post di facebook un utente chiedeva pareri riguardo un venditore.Ho risposto alla sua domanda dicendo che “nel mio caso” non ero rimasto content del servizio e che e il venditore non e’ serio.Posso incorrere in una denuncia per diffamazione?Grazie Saluti

  231. Buonasera e scusi l ora tarda Avvocato,volevo chiederle un informazione riguardo ad un feedback negativo lasciato ad un venditore su ebay dove manifestavo senza essere offensivo (si parlava di estencion, nel commento scrivo peli) la mia insoddisfazione sul prodotto,il venditore mi ha quindi minacciato di segnalare il mio profilo sul suddetto sito e di denunciarmi per diffamazione. Io impaurendomi ho effettivamente cambiato da negativo in positivo il feedback ma il venditore vuole ugualmente denunciarmi. Rischio effettivamente qualcosa? Devo preoccuparmi? La ringrazio anticipatamente!

    • Aggiungo inoltre di non aver voluto ne rimborso e ne cambio merce. Mi sono semplicemente permesso di dare un personale parere sul prodotto. Senza nominare ne ditta ne venditore.

  232. Buongiorno sig.avvocato io a maggio 2014 ho lasciato la casa in cui ero in affitto da due anni,all inizio del contratto ho fatto una fideiussone e ho dato un assegno senza data di 1000 euro ,perché in casa c’erano dei mobili .Il 24 ottobre ben dopo 4 mesi mi arriva a casa una lettera dell avvocato del mio vecchio padrone di casa , dove mi si accusa di aver sottratto o asportato il mobilio da n 01 a n 12 praticamente tutto di quello scritto nel documento che io ho firmato . So che il vecchio padrone di casa a provato a scambiare l assegno ma senza riuscirci perché non ho più quel c/c .Visto che io non ho sottratto nulla e che molta roba come cassaforte clima cabina armadio antifurto ecc sono ancora li , posso denunciare e chiedere un indennizzo per diffamazione . le porgo i mie saluti e grazie

  233. Salve, la situazione con il mio ex datore di lavoro è un po complicata. Iniziamo dal fatto che ad oggi 10 ottobre ancora devo finire di ricevere lo stipendio di agosto, ma il fatto che mi preme di più è che attualmente l ex datore di lavoro va dicendo in giro che io e la mia ex collega nascondevamo le bolle del gelato che ci veniva scaricato per far si che i conti non riportassero e in più va dicendo che una faceva il palo e l’altra rubava soldi dalla cassa. Come possiamo tutelarci dato che ancora dobbiamo ricevere una parte dello stipendio, 13a, 14a, tfr ferie e permessi?

  234. avvocato sono un padre di due bambini e separato da qualche mese causa il tradimento da parte della mia ex con un altro.. in tutto questo mesi ho subito ripetute ingiurie o diffamazioni, riportatemi da miei amici, da parte della mia ex suocera che io facevo violenza a mia moglie quando eravamo sposati. A tutt’oggi da parte della mia ex moglie continua a provocarmi e vessarmi, ormai quasi ogni giorno, che non sono un buon padre che dico in giro cose non vere sul suo conto a terze persone, portandomi a una vita quotidiana sempre sotto stress.
    Cosa posso fare

  235. salve qualche mese fa ho scoperto il tradimento di mio marito e ho chiesto la separazione, la compagna di mio marito era una mia amica e vedendo che io e lui continuavamo a mantenere un rapporto civile per rispetto di nostre figlia ha iniziato a contattarmi prima tramite telefonate insinuando che io avessi iniziato una storia col suo ex marito…cosa assolutamente non vera..dopo di chè iniziò con frasi del genere ti faccio togliere tua figlia, e io e il tuo ex la cresceremo, continuava a insinuare che mia figlia stesse male cn me… e io per evitare problemi l ho lasciata perdere più volte, al chè mia figlia ha iniziato a frequentarla e nei fine settimana quando rientrava a casa mi diceva che la signore x le faceva un sacco di domande sul modo che avevo di crescerla, se pulivo se cucinavo se frequentavo uomini….anche li ho lasciato perdere..dopo di chè avvisai mio marito di farla smettere e lei ha iniziato a telefonarmi col telefono del mio ex e quindi nn ho prove di queste sue offese…l ho lasciata perdere per l’ennesima volta ma ultimamente ha riiniziato a scrivermi messaggi tra i queli: sei una donna senza dignità, smettila di farti dare il mantenimento per tua figlia e cercati un lavoro fannullona, i soldi del mantenimento che arrivano alla bambina li mando io e finiscila di umilarti parlando con il tuo ex marito…. ora io mi sono rotta le scatole e vorrei sapere se ho gli estremi per poterla denunciare….per favore mi faccia sapere grazie mille
    ps ho fatto un riassunto altrimenti ci uscirebbe un libro…

  236. Buongiorno Avvocato essendo da un po’ di tempo diffamato dai genitori della mia ragazza che hanno chiamato i C.C. dicendo che la mia ragazza ed io non gli facevamo prendere delle cose di sua proprietà in casa di proprietà della mia ragazza e ex residenza dei genitori da dove venti anni fa la hanno lasciata come residenza la madre e 1 il padre, queste persone avvalendosi della loro età hanno fatto un insieme di trappole da quando sono andato a vivere da lei per aiutarla nella ristrutturazione dell’immobile; hanno cercando di farmi arrestare coltivando delle piante vietate e poi chiamando i C.C. per farle attribuire a noi, non essendoci riuscite continuano a telefonare ai carabinieri dicendo che non gli facciamo prendere le “loro cose”, che in realtà nel frattempo hanno già preso.
    Come posso tutelarmi da tutto ciò, specifico che io ho comunque una casa mia di proprietà e non sono sicuramente andato in casa della mia ragazza per prendere le cose di queste persone, ma soltanto per dare una mano alla mia ragazza che si era trovata nelle stanze da loro gestite una situazione igienico sanitaria veramente al limite del’umano.
    Spero di essermi spiegato bene e vorrei sapere come conviene che io mi muova per tutelarci da queste intromissioni.

  237. Esempio… Come si comporta tizio se il capo di un ufficio gli contesta davanti ai colleghi di un suo comportamento non conforme dichiarando altresi di averlo denunciato x dei reati alla procura della Repubblica e chiedendo per questo il disciplinare ai superiori di tizio?

  238. Buonasera Avvocato,
    le chiedo se un soggetto può essere perseguito legalmente per diffamazione se apostrofa un altro soggetto,tramite fb, censurando però le lettere centrali della parola,evidenziandone tuttavia solo gli estremi ( es. “sei una t@@@a s#@@##@a) . Ho i miei dubbi e credo che lei me li toglierà definitivamente. Ringraziandola in anticipo , le porgo cari saluti.
    Giorgio

  239. Gentile avvocato,
    lavoro per un Ateneo italiano, nell’ambito del quale gli studenti utilizzano una pagina per lo spotting. E’ comparso, qualche giorno fa, un messaggio ingiurioso diretto a tutti i dipendenti di un ben precisato ufficio, del quale io sono il capo, accusandoli di non saper fare e di non voler fare un ca… , di non essere utili alla vita e alla società, e, per di più, rivolgendosi in particolare a “quello con la faccia sfregiata” e a quello “che non sa neanche camminare”. Trattasi di due disabili (con disabilità riconosciuta), di cui il primo sono io. Sta di fatto che, nell’ambito di tale ufficio, noi due siamo ben riconoscibili da queste descrizioni (io ho una cicatrice sul labbro superiore, dipendente da una malformazione genetica e l’altro ha difficoltà evidentissime di deambulazione) e che questo ufficio è aperto all’utenza. Oltretutto, è stata lesa la dignità di tutto il gruppo di lavoro.
    Le chiedo: posso agire in qualche modo? In che modo? Ritiene che debba avvisare i miei superiori?

  240. Egregio avvocato ,avrei bisogno di un consiglio sulla questione che ora vado a esporle. Sono un macellaio di 46 anni,ho lavorato assieme ad un macellaio che aveva ceduto la sua attività’ (una piccola macelleria di paese venduta all ‘azienda che mi aveva assunto ,dicendo loro di avere circa 100 clienti fissi,acquistata in buona fede ,ma i clienti fissi erano circa una decina) dopo essere andato in pensione. Dopo circa 5 mesi dicollaborazione con lui sono iniziati i problemi,prima con l’azienda ,che contestava la sua gestione che non risultava molto chiara ,poi dopo un mio commento sul servizio reso ai clienti l azienda ha scoperto incongruenze fra l’acquisto è la vendita della merce ,decidendo di estrometterlo e chiudere il contratto di collaborazione con lui e tenendo solo me. Dopo qualche mese mi sono giunte voci messe in giro dal soggetto ,che screditavano il mio lavoro e mettevano in dubbio le mie capacità lavorative. Da 1 anno la suddetta azienda e’ fallita con tutti i suoi punti vendita e questo signore continua a parlare male di me dicendo che la causa del fallimento sia mia ,mettendomi in cattiva luce con i miei concittadini e creandomi anche delle problematiche per nuove assunzioni.questa screditazione nei miei confronti dura ormai da 3 anni (cioè da quando lavoravamo assieme) e io sinceramente non ne posso più’ anche psicologicamente. Cosa posso fare per fermarlo? Le faccio presente che le persone che mi riferiscono le sue parole non vogliono essere coinvolte. La ringrazio anticipatamente , Giuseppe.

  241. Salve avvocato mi è arrivato un sms al mio cellulare con scritto sei uno stronzo, io non conosco di chi fosse quel numero di cellulare, posso fare una querela?

  242. caro Avv ho un problema se una persona scrive il falso su di un altra persona dicendo cose non vere ..e rovinare l immaggine della persona puo denunciarla per diffamazione e altro (da premettere che ha una copia della lettera)

  243. Buonasera Avv.to, ho un quesito:
    con alcuni colleghi ci siamo trovati a parlare tramite messaggi e a commentare quello che era accaduto con un superiore con qualche parola più colorita. Uno di questi colleghi ha fatto leggere le conversazioni al diretto interessato che a sua volta si è recato ancora più su della scala gerarchica per eventuali provvedimenti. La mia domanda è questa: che tipo di provvedimenti possono prendere? Rischio il posto di lavoro? oltre a questo ha praticamente sparso voce tra tutti i colleghi. Come ci possiamo muovere? La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti

  244. Buongiorno, ho insultati telefonicamente una persona dandogli del “frocio di m.” (è un gay), Perché aveva inserito un post su FB sfottendo (ma furbescamente) me altre due persone (siamo tre commercianti e lui pure). Lui è un gran furbone stuzzica ma si espone poco anche se in effete ha in corso una denuncia per diffamazione ed è pure già stato condannato (penso abbia fatto appello) per spaccio di droga o similare (ha un negozio in cui vende semi di canapa). Io sono sempre sta tra una persona per bebè, mai litigato con nessuno ma con questa persona (che già lo scorso hanno mi dato della str.. E mandato a a quel paese per svariati motivi: ero il tesoriere di un associazione e lui il presidente, non volevo dargli dei soldi che lui avrebbe usato per scopi non chiari) proprio sono sbottata perché contnuuna a stuzzicare me e gli altri e ci sono caduta in pieno! Ora lui ha detto che mi querela, anche su FB ha scritto che entro un anno eliminerà un apostrofo ( e so che intende me, quindi continua) .. Perché mi ha scritto che aveva un testimone avendo messo in viva voce, testimone che dice han estratto tutto ma non so se intende registrato veramente o registrato con la testa! Sono davvero una brava persona ora sono molto preoccupata!!! Cosa rischio?

    • Buongiorno, ho insultati telefonicamente una persona dandogli del “frocio di m.” (è un gay), Perché aveva inserito un post su FB sfottendo (ma furbescamente) me altre due persone (siamo tre commercianti e lui pure). Lui è un gran furbone stuzzica ma si espone poco anche se in effetti ha in corso una denuncia per diffamazione ed è pure già stato condannato (penso abbia fatto appello) per spaccio di droga o similare (ha un negozio in cui vende semi di canapa). Io sono sempre stata una persona per bene, mai litigato con nessuno ma con questa persona (che già lo scorso anno mi dato della str.. e mandato a a quel paese per svariati motivi: ero il tesoriere di un associazione e lui il presidente, non volevo dargli dei soldi che lui avrebbe usato per scopi non chiari) proprio sono sbottata perché contnuuna a stuzzicare me e gli altri e ci sono caduta in pieno! Ora lui ha detto che mi querela, anche su FB ha scritto che entro un anno eliminerà un apostrofo ( e so che intende me, quindi continua) ..infatti. mi ha scritto che aveva un testimone avendo messo in viva voce, testimone che dice ha registrato tutto ma non so se intende registrato veramente o registrato con la testa! Sono davvero una brava persona ora sono molto preoccupata!!! Cosa rischio?

  245. Salve, vorrei sapere a cosa vado in contro se rivelo ai genitori in forma scritta riservata ma comunque indicando i miei estremi e i motivi di tale dichiarazione , che il loro figlio è gay (loro non lo sanno) . sono appena stato lasciato dal ragazzo in questione, e vorrei usare questo metodo per “entrare ” in contatto con lui per lultima volta tentando di rendere i genitori partecipi di questa situazione. grazie

  246. Salve volevo sapere se posso chiedere risarcimento per diffamazione e insulti alla mia mamma da parte di mio fratello tutto questo reso pubblico sui social. Grazie

  247. Salve volevo sapere, se una cliente si permette di minacciarmi ed offendermi, comportando continue pressioni mentali, dovute alla contestazione “non veritiera” dei materiali, trovando scuse di ogni genere e continuo a dire … offendendo, umiliando e minacciando la mia persona, fosse denunciabile

  248. salve avvocato volevo chiederle se dare del cretino sulla mia bacheca privata di facebook ad un personaggio pubblico può essere considerato reato…

  249. Buongiorno Avvocato,
    tempo fa ho dovuto assentarmi dal lavoro per ragioni di salute (tumore). Nel contempo, ho saputo da più fonti attendibili che qualcuno stava diffondendo maldicenze sul mio conto (cioè che mi ero assentata per depressione e perché non volevo assumermi alcune responsabilità professionali). Ho il fortissimo sospetto che sia stata una mia sedicente “amica” anche perché è l’unica alla quale, in precedenza, mi ero confidata dicendole che non mi sentivo bene, che non capivo cosa avessi e che mi sentivo molto stanca e giù di morale (non avevo ancora la diagnosi di tumore).
    Specifico che questa persona ha cercato più volte di calunniarmi e di procurarmi problemi sul lavoro.
    Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio molto e la saluto con cordialità.

  250. buongiorno avvocato.circa un anno fa sono stato vittima di un aggressione con lesioni personali lievi( l’ospedale mi ha dato 7 giorni di riposo) nonche danno a un vetro dell’ auto.ho querelato la persona che mi ha aggredito.circa un anno dopo l’ aggressione i carabinieri mi convocano in caserma e mi dicono che c’ e ‘ un indagine di ipotesi di reato per molestie e ingiuria.

  251. Egregio avvocato,
    se un ragazzo omosessuale dovesse ricever offese omofobe nei suoi confronti, può denunciare la persone che lo ha offeso? E nel caso, la persona che offende dovrebbe pagare danni morali al ragazzo omosessuale?
    Grazie.

  252. Egr. avvocato,
    Durante una assemblea e dopo le solite notizie , il commissario ci informava che a fronte di diverse lamentele sulla permanenza del volontario ex presidente nei locali della direzione del comitato , lamentele che si riferivano al fatto che trascorsi ormai 2 mesi dalle dimissioni del suddetto ex , questi entrava perche’ ancora munito di chiavi nei locali della segreteria e del commissario continuando come se niente fosse a fare cio’ che faceva prima delle dimissioni. La persona in questione e’ adesso solo un volontario come tutti e non dovrebbe, secondo alcuni volontari, avere accesso a tutte le informazioni pratiche e amministrative tanto piu’ che quando era lui il presidente la zona era blindata e non trapelava niente di niente, tutto out per i volontari. Il commissario quindi ci avvisava che erano state cambiate le serrature e il problema era risolto e che tutti quei volontari che non frequentavano piu’ il comitato e avevano diradato le loro presenze non avevano adesso piu’ scuse al riguardo.
    Ho preso la parola come al solito, visto che sono la sola pecora nera.
    Questa e’ la mia opinione (ho esordito) .
    Non credo che cambiare la serratura di una porta risolva il problema delle assenze o defezioni, il problema e’ altrove . E’ sulle lamentele, e’ sulla perdita di credibilita’ che il comitato ha consumato, secondo me, e’ da attribuire a una gestione “strana” tenuta dall’ex presidente che ha sempre considerato il comitato come una cosa propria .
    Come mai, quando c’era questa persona alle riunioni eravamo sempre 7 o 8 al max 10 e adesso siamo 20 ?
    Come mai non c’e’ piu’ un comitato femminile ? Andrebbe chiesto alla Paola Bartaletti.
    Come mai quando poco tempo fa e’ stata indetta una riunione per le sole donne e tutte sono state invitate e non se ne e’ presentata nessuna ?
    E’ stato chiesto di conoscere i bilanci e questo e’ stato anche confermato dal presidente regionale che per iscritto ha detto che i bilanci devono essere pubblici, bene sto ancora aspettando dal 30 settembre 2014.
    Non ho capito perche’ sul registro delle presenze scriva “segreteria”, abbiamo una segretaria, quindi, essendo un volontario come me che lavori come tutti noi volontari . E’ lecito, quindi, che non essendoci mai stata trasparenza , una gestione perlomeno dubbia di questa persona personalmente non mi fido.
    Faccio notare che questa persona era presente all’assemblea.
    Le chiedo, in questo contesto ci sono forse estremi di reato da parte mia ?

  253. egregio avvocato….in una chat una persona dice di essere una psichiatra…logicamente io non so se è vero o no…cmq sia tale persona non ha un comportamento da psichiatra…ha avuto diversi litigi pubblici..ora anche con me per motivi futili,spesso le ho detto che era un comportamento strano essendo una psichiatra…al che dopo diverse diatribe mi dice..”.potrei denunciarti per diffamazione hai piu’ volte deriso pubblicamente la mia professionalità e credibilita’..hai leso la mia immagine in pratica”
    ribadisco che ho sempre specificato con tale persona..anche se deridendo…che mi sembra alquanto strano che una psichiatra ha certi comportamenti….
    la domanda è..puo davvero denunciarmi? mica ha dato alcuna prova che è davvero psichiatra….in rete come ben sa ognuno si inventa una professione per darsi tono…
    grazie anticipatamente per la risposta

  254. Salve Avv. avrei bisogno di un’informazione. Il mio compagno è in fase di divorzio con la ex moglie, l’avvocato della signora ha presentato un ricorso nel quale afferma che io ho un lavoro e che quindi abbiamo 2 stipendi, la cosa ovviamente è falsa. Potrei procedere con una denuncia per diffamazione, ed in tal caso dovrei farla nei confronti dell’avvocato o della sua cliente o ad entrambi? Grazie in anticipo per eventuale risposta

  255. Salve Avv. le scrivo riguardo ad un fatto che ad oggi mi fa preoccupare; 3 anni fa ho dato della poco di buono ad una ragazza. Le ho scritto un messaggio in cui la insultavo.
    Oggi non lo farei per niente al mondo, ma all’epoca ero una testa calda.

    La mia paura è che a distanza di anni possa rifarsi viva con questi messaggi e magari denunciarmi. A distanza di anni è possibile?
    Io ero maggiorenne quando è accaduto.

    Grazie per la risposta
    Cordiali saluti

  256. Se un tuo ex datore di lavoro con cui hai chiuso in cattivi rapporti sai che t parla male alle spalle quando chiedono come vai sul lavoro e diffamazione?

  257. buongiorno vorrei un vostro parere: nel 2012 sono stato licenziato con l’accusa di aver minacciato un capo reparto costui mi ha sporto querela penale e adesso stiamo in causa. Ovviamente tutto ciò non è vero ho anche testimoni dalla mia parte che lo attestino, volevano farmi fuori dall’azienda perché facevo parte di una RSU e molte volte non ero d’accordo con i loro metodi e quindi hanno inscenato questa situazione.Il capo reparto e il suo avvocato non si sono schierati parte civile. La mia domanda è questa: dovessi vincere la causa posso riavere il mio posto di lavoro? vi ringrazio in anticipo per le vostre future spiegazioni

  258. Salve avvocato.
    Sono arrabbiato con una persona persona e le tengo il muso.
    Nel senso che quando ci incontriamo la saluto freddamente e faccio fatica a guardarla in faccia.
    Questa persona adesso va dicendo in giro che ho bisogno di uno psicologo.
    Posso farle causa per diffamazione?

  259. Gentile Avv.to, ho trovato sulla posta elettronica della moglie del mio capo una mail nella quale il mio titolare mi dava esplicitamente della merda. Posso denunciarlo?
    La ringrazio.

  260. Gentile Avv.to, mi trovo purtroppo indietro con il pagamento delll’affitto ma non ho avuto ancora nessuna comunicazione legale in rifermento allo sfratto, solo comunicazione verbale con lo stesso padrone di casa. Il padrone di casa si è rivolto agli assistenti sociali, a detta sua, per cercare di trovare una soluzione per la mia famiglia, ovviamente, raccontando dei nostri problemi economici, premetto che abbiamo dei figli e il padrone di casa mi ha “minacciato” più volte, telefonicamente con un “io vi faccio portare via i figli”, oltre che aver precedentemente mandato gli stessi assistenti sociali perchè, secondo lui, la casa era in condizioni non idonee alla vita, cosa che, ovviamente, gli assistenti sociali hanno trovato a posto… la domanda è se posso intervenire in qualche modo per fermare questa “persecuzione”. Grazie 1000.

  261. salve avvocato, mentre facevo un tirocinio in un albergo sono stato obbligato dal direttore della struttura a dimettermi… questo tirocinio andava a completare un percorso formativo per il quale avevo speso del denaro ed abbandonare lo stage dopo pochi giorni ha comportato per me una perdita di denaro nonche’ l’impossibilita’ di essere ricollocato in un’altra struttura…..dopo l’accaduto sono piombato in uno stato di depressione, sbalzi di umore ed esplosioni di rabbia… in preda ad ira un giorno ho in inviato un e-mail a quest’albergo in cui offendevo la madre del direttore, ora sono stato denunciato da quest’ultimo per diffamazione e minaccia,
    cosa rischio e in che misura soprattutto per quel che riguarda un eventuale risarcimento economico…
    grazie

  262. Salve sono invalido civile con limitazioni carichi dopo interventi discectomia (ernie discali) , in una riunione il responsabile mi dice che sono lento nello svolgere il lavoro assegnatomi, cosa non vera tra l’altro, faccio ne più ne meno di altri. È diffamazione? Come posso attivarmi? Grazie, saluti.

  263. Egregio avvocato, mi permetto di rubarle un attimo del suo tempo per una veloce domanda. E’ un pò di tempo che gente che credevo amica sta mettendo in giro voci (quindi alla presenza di altre persone tra loro amiche, ma forse anche in mia assenza, in pubblico) sulla mia persona, convinti (a causa dei miei hobby e interessi dark) che la sottoscritta porti scarogna… insomma come nel film di Totò (La patente)… L’altro giorno non so cosa sia successo a qualcuno di loro, e una di queste persone mi ha scritto cose furiose tramite sms riguardo questo mio “atteggiamento” di mandare presunti anatemi in giro e di goderci…. Assurdo. Posso presentare querela per diffamazione?
    Grazie, cordialità

  264. Buongiorno avvocato, sono stata definita “amante” negli atti presentati in tribunale dal legale della ex moglie di un mio collega. Le spiego: la moglie del mio collega per suoi fini, ha effettuato attività investigativa post separazione nei confronti del suo ex marito; quel giorno ero in compagnia del suo ex marito,ed è stata effettuata relazione anche sulla mia persona. Il mio collega si è separato a marzo 2015, la moglie ha fatto svolgere attività investigativa ad ottobre 2015 quindi post separazione, ed ha presentato in tribunale questa relazione; il legale della moglie a seguito di questa attività post separazione mi ha anche definito negli atti in qualità “amante”,ovviamente è tutto falso e tra l’altro avvenuto dopo la loro separazione. Posso querelare il suo legale per avermi definito in tale modo oltre la ex moglie che ha assunto informazioni sulla mia persona?

  265. Salve, mi chiamo Davide Ciani, di Pontassieve ( Fi ), ho un Blogger, dove riporto i fatti che accadono in questo territorio, dove ho scritto anche quanto mi hanno fatto gli assistenti Sociali di questo territorio, per 14 anni, ovvero atti persecutori, violenze psicologiche, tutto per la mania di persecuzione. in tutti questi 14 anni, mi hanno sempre impedito di incontrare le mie proprie tre figlie. Lì ho querelati più di una volta, anche per falsa testimonianza, ma ancora non è stato fissato una data per una di queste Udienze nei loro confronti.
    Questo ho sempre scritto nel mio Blogger, e ultimamente, ho riportato sul mio Blogger quello che hanno fatto ad altri padri che, come me subiscono quotidianamente ingiustizie, i quali anche loro come me, hanno perso la casa, il lavoro, ed i figli/e. Il 5 Maggio 2016, alcuni On. di Roma, sono saliti a Pontassieve!, per radunare i padri colpiti, e dopo questo incontro, qualche padre ha detto che i loro assistenti sociali sono degli Orchi, ovvero THE OGRE, cosi come sempre ho riportato i loro racconti, ed aggiunto questa frase ( THE OGRE ), nel mio Blogger, oltre a riportare i veri fatti accaduti a me da questi assistenti sociali. Oggi ho avuto la copia di Notifica per il reato 81 cpv, e 595 c.p.p dalla Procura della Repubblica. Gli assistenti sociali mi ha querelato per diffamazione, e per ingiuria, per aver messo fatti veritieri che, riguardano la mia persona, in parte raccontati da questi padri colpiti dal sistema.
    Come mi devo muovere nei loro confronti??
    Per loro colpa, ho perso tutto, sono senza lavoro, non posso più usare il patrocinio, perché lo già usato per il divorzio, sono senza casa, attualmente vivo in casa da amici..
    Per evitare nel futuro altre diffamazioni, dovrò rimanere in silenzio sui fatti che mi riguardano???
    Per evitare il carcere, non dovrò riportare quanto mi hanno fatto questi assistenti sociali??, e quanto continuano a farmi???
    Grazie per la sua attenzione!
    Attendo fiducioso la sua risposta, se è possibile diretta nella mia email, grazie!
    Saluti
    Davide Ciani

  266. Buongiorno Avvocato, voglio chiederle un parere..posso chiamare il mio capo “fallito e pregiudicato” in quanto la sua ex.impresa è rovinosamente fallita ed ora c’è una pratica di fallimento in corso( 386/2015 ) in più è stato condannato a otto mesi di reclusione con la concessione dei benefìci di legge a causa di un sub-appalto di dubbia legalità?

  267. Naturalmente senza incorrere in questioni legali(ovviamente ho la pratica del fallimento è l’articolo dove viene condannato) tra l’altro non si è fatto nemmeno un giorno di reclusione.

  268. Gent.le Avvocato, sono stato offeso da un utente su Facebook per ben 5 volte attraverso i termini “coglione”, “trimone” e “italiota”, senza che gli avessi detto nulla d offensivo ma discutendo in modo civile riguardo a un fatto di cronaca realmente avvenuto e io appunto, gli dicevo che era effettivamente avvvenuto e non era una balla. Alla fine, ho risposto anch’io con gli stessi termini ma 1 volta. Ora, Le chiedo, mi potrebbe quererale la persona in questione nonostante abbia iniziato lei e con insistenza nell”insultarmi? Grazie.

  269. Gentile Avv.to, ho scritto al mio collega di lavoro via whatsapp “mi hai rubato lo stipendio” dopo aver scoperto che davvero si e’ preso delle pratiche che erano mie, ora lui mi dice che vuole denunciarmi per diffamazione e ingiuria, può?

  270. Buogiorno Avvocato,

    Le chiedo se inserire in un account senza follower come foto del profilo, peraltro subito cambiata dopo la richiesta di toglierla, una foto di donna a seno scoperto ma con il viso non identificabile ai più in quanto occultato il contorno occhi con l’apposizione di una benda nera, può essere realisticamente considerato reato di diffamazione o una aggravante per il ben più grave reato di stalking.
    Mi chiedo, è lecito opporsi alla pubblicazione quando il soggetto della foto è persona comune ma sono state usate tecniche atte a renderlo non identificabile? Secondo le regole della privacy dell’immagine che ritrovo sul sito di http://www.fotografi.org/pubblicabilità_foto_ritratto_esempi_concreti.htm
    il caso esplicitato sembrerebbe rientrare in questo caso specifico…

    Sarei curioso di conoscere la Sua personale posizione.

    Grazie.

Scrivi all'Avvocato

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...