novita in arrivo

 

Bozza decreto carceri: liberazione

anticipata e lavoro detenuti

 

Attraverso meccanismi sia in entrata, che in uscita, l’intervento normativo dovrebbe ridurre la popolazione carceraria di 3.500-4.000 persone, secondo le prima stime. La versione del decreto in possesso dell’ANSA è stata revisionata il 9 giugno e si compone di sei articoli.

 

Si tratta quindi di un pacchetto di misure-tampone piuttosto agili per affrontare l’emergenza del sovraffollamento delle carceri, che rischia di diventare come sempre più intenso durante l’estate, ma che in generale rappresenta uno degli ambiti che necessitano misure urgenti, anche per le richieste di riportare la situazione dentro gli standard comunitari e internazionali che arrivano dall’Europa.

 

Il decreto agisce apportando modifiche e aggiunte a diverse norme: l’art. 656 del codice di procedura penale sull’esecuzione delle pene detentive, con ricadute anche sulle disposizioni sulla detenzione domiciliare; la legge sul lavoro all’esterno dei detenuti; il testo unico sulla droga nella parte relativa alla repressione degli illeciti.

 

Una delle misure chiave, prevista nell’articolo 2 del decreto legge, riguarda lo sconto di pena ai fini della liberazione anticipata per i detenuti che danno prova di partecipare all’opera di rieducazione: una detrazione che sale da 45 a 60 giorni per ogni semestre di pena scontato. Una misura accompagnata da una disposizione transitoria all’art. 4 congegnata per evitare generalizzazioni ed effetti più estesi del necessario.

 

Tra le altre novità, si prevede che quando la pena residua da espiare, computando le detrazioni per buona condotta, non superi i 3 anni, o i 6 per i reati commessi da tossicodipendenti, il pm “trasmette gli atti al magistrato di sorveglianza” perché provveda “senza ritardo con ordinanza” alla riduzione della pena. Quando questo stesso quadro riguardi la custodia cautelare, si prevede che il pm “trasmette gli atti al magistrato di sorveglianza per la decisione sulla liberazione anticipata”.

Inoltre, scatta la possibilità di sospendere l’esecuzione della pena nei casi di detenzione domiciliare in cui la pena non superi i 4 anni. Viene ampliata la possibilità di estendere l’assegnazione di detenuti ad attività in favore della collettività, prevedendo che specifiche categorie di detenuti non pericolosi “possono essere assegnati a titolo volontario all’esecuzione di progetti di pubblica utilità”, in base a “programma aggiornati con frequenza semestrale e trasmessi al magistrato di sorveglianza”. E si allargano le ipotesi di lavoro di pubblica utilità prevista per detenuti tossicodipendenti, ad eccezione di coloro condannati per i reati più gravi.

Fonte Rai News 24,it

Annunci

10 thoughts on “novita in arrivo

  1. come posso far x sapere se il mio fidanzato uscire con queste decreto dello sconto , xke lui deve il 27 avere l’udienza , ma e minima , perche era dentro solo xke a evasso il arresto domiciliario 4 anni fa e da 3 messi che li hanno pressi e solo un anno doveva fare aresto domiciliario e basta , ma come posso sapere

  2. buona sera sig avvocato,di recente mi sono iscritto al suo blog che ho trovato molto interessante,ma vengo subito al dunque e vi espongo il mio problema:circa 3 anni fa sono stato condannato per direttissima per il reato di spaccio a 18 mesi a pena sospesa con condizionale,quindi subito libero,il mio avvocato,tra l altro di ufficio che nn è stato nemmeno in grado di difendermi,ma l ho fatto da solo,mi disse che il fatto era chiuso li e che per cinque anni nn facendo reati avrei estinto la pena.ora,vengo a sapere che su un articolo in un giornale sono stato condannato a 2 anni in definitiva in cassazione per lo stesso reato,e senza essere stato avvisato.premettendo che sono incensurato,cosa mi succedera adesso?la pena rimane sospesa? grazie in anticipo per eventuale rispota..

  3. Buona sera avvocato sono una ragazza di 31 anni con una bambina di 2 e mezzo ho il mio convivente in galera a imperia pero siamo di napoli e stato preso perche lui vende motoseghe e telefonini contraffatti e nn a mai curato le sue carte e mo lo hanno preso e avuto 4 anni e 2mesi di condanna definitiva che sarebbero 2 condanne fatte tutte e 2 per lo stesso reato che possibilita ha per uscire ??? Pure con gli arresti domiciliari le ho le possibbilita grazie

  4. Buona sera avv le volevo chiadere aio marito gli hanno fissato la dete zii e domiciliare ci sono buone probabilità che puo uscire? E poi dopo quanti giorni si sa qualcosa?

  5. caro avvocato sono un ragazzo di 38 anni sto agli arresti domiciliari x tentata estorsione con l aggravante mafiosa che pena potrei ricevere

Scrivi all'Avvocato

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...